INDIETRO, SAVOIA! LA COMUNITA’ EBRAICA INSORGE CONTRO IL RIENTRO DELLA SALMA DI VITTORIO EMANUELE III IN ITALIA: “PROFONDA INQUIETUDINE. IL RE FU COMPLICE DEL REGIME FASCISTA” – IL CORPO DELL’EX SOVRANO E’ IN ITALIA AL SANTUARIO DI VICOFORTE: RIPOSERA’ ACCANTO ALLA MOGLIE – MA UNA PARTE DELLA FAMIGLIA SAVOIA NON E’ D’ACCORDO

-

Condividi questo articolo

salma vittorio emanuele III salma vittorio emanuele III

Da repubblica.it

 

È ARRIVATA al santuario di Vicoforte di Mondovì la salma di Vittorio Emanuele III. Partita da Alessandria d'Egitto - dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina -  è rientrata in Italia a bordo di un volo militare che è atterrato alle 11 all'aeroporto di Cuneo. Alla partenza ad Alessandria erano presenti i familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo, Giampaolo Cantini.

 

Le spoglie di Vittorio Emanuele III sono state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo dal quale sono partite a bordo di un aereo militare non appena espletate le formalità burocratiche di rito. L'aereo è arrivato allo scalo militare di Cuneo in mattinata e la bara è stata traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena.  Sono molti i visitatori e i turisti che oggi sono saliti a Vicoforte. La cappella di San Bernardo, dove è già stata collocata la regina, è però, almeno per il momento, chiusa al pubblico.

salma vittorio emanuele III salma vittorio emanuele III

 

Sulla vicenda interviene la presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni: "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste".   "Bisogna che lo si dica chiaramente, in ogni sede - scrive Di Segni in una riflessione pubblicata sul portale di informazione Ucei www.moked.it -

 

vittorio emanuele III vittorio emanuele III

Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa e la violenza apertamente manifestatasi sin dai primi mesi del Ventennio. Nessun tribunale ebbe mai modo di processarlo, per quelle gravi colpe. Cercheremo di colmare questo vuoto con una specifica iniziativa, nel prossimo mese di gennaio. Per chi oggi vuole farne un eroe o un martire della Storia, per chi ancora chiede una sua solenne traslazione al Pantheon, non può che esserci una risposta: nessun onore pubblico per chi porta il peso di decisioni che hanno gettato discredito e vergogna su tutto il paese. L'Italia non può e non deve dimenticare".

 

La regina Elena e re Vittorio Emanuele III di Savoia riposeranno l'uno accanto all'altra nel Santuario. Ma una parte della famiglia Savoia non è d'accordo e, a quanto sembra, è intenzionata a dare battaglia. Gian Nicolino Narducci, segretario di Serge di Jugoslavia, ha incontrato il rettore della basilica, don Meo Bessone, e nel corso di un colloquio che alcune fonti hanno definito "concitato" ha fatto presente che "tutto si può ancora bloccare".

vittorio emanuele III vittorio emanuele III

 

"Mio nonno - osserva Emanuele Filiberto ai microfoni di Tgcom24 riferendosi a Umberto II, ultimo re d'Italia - diceva che le salme resteranno in esilio finché non torneranno al Pantheon a Roma. Dal 2002, quando è stata abrogata la norma transitoria della Costituzione sull'esilio, non c'erano più problemi nel riportarle in Italia. Ma abbiamo sempre aspettato. Ed è da sempre che vogliamo siano collocate al Pantheon"….

 

Vittorio Emanuele III Vittorio Emanuele III vittorio emanuele III vittorio emanuele III vittorio emanuele III vittorio emanuele III

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute