ITALIA A MANO ARMATA - “MI PUNTAVA LA PISTOLA CONTRO, MI SONO DIFESO” – PARLA IL GIOIELLIERE DI FRATTAMAGGIORE, INDAGATO PER OMICIDIO COLPOSO, PER AVER SPARATO E UCCISO UN BANDITO: HO VISTO L' ARMA RIVOLTA VERSO DI ME, HO AVUTO PAURA E…”

-

Condividi questo articolo

PEPPE RINALDI per Libero Quotidiano

rapina gioielliere frattamaggiore rapina gioielliere frattamaggiore

 

Non parla con nessuno Luigi Ferrante, il giovane gioielliere di Frattamaggiore che sabato sera ha ucciso uno dei rapinatori che avevano assaltato il suo negozio. Non ne ha voglia, dice di non sentirsi ancora bene, lo choc ha i suoi imperscrutabili, comprensibili effetti. Le uniche frasi che lo collegano al mondo esterno, scarne ma significative, sono arrivate attraverso amici in grado di avvicinare la sua famiglia. Ieri Il Mattino le ha virgolettate offrendo un' utile ricostruzione per comprendere i tumulti d' animo di chi ha visto a repentaglio la propria vita, i propri beni, i propri cari.

 

Luigi Corcione, 32 anni, bisnipote d' arte per aver ereditato l' attività commerciale fondata nel 1880 dal padre di suo nonno, dice che «per ora intendo restare chiuso in casa. Sto troppo male, non ho voglia di parlare». Ripensando ai momenti di un sabato sera dal corso principale affollato come sempre e frizzante per l' imminente Carnevale, ancora non mette a fuoco con precisione i fotogrammi della tragedia. Dice solo che quando ha sparato a Raffaele Ottaiano (il rapinatore rimasto sull' asfalto, ndr) «è stata la prima volta in vita mia, non l' avevo mai fatto».

 

RAPINA FRATTAMAGGIORE RAPINA FRATTAMAGGIORE

SCENA DA FILM Fino a ieri mattina la notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati era certa seppur ufficiosa: dal pomeriggio è diventata ufficiale, Luigi dovrà rispondere di omicidio colposo da eccesso di legittima difesa. Glielo hanno comunicato i carabinieri su disposizione della procura di Napoli Nord che indaga per competenza territoriale sull' area di Frattamaggiore. È l' unica novità nell' ambito dell' ennesima scena da film con protagonisti rapinatori e rapinati d' Italia.

 

Ma Luigi Corcione è un uomo a pezzi, con il doppio problema di dover rispondere alla sua coscienza e ad una giustizia appesantita da una legislazione non troppo allineata con le vicissitudini dei governati, una vecchia storia: «Ho quella pistola da quando sono subentrato nell' attività di famiglia ma non l' avevo mai usata», afferma, «neppure puntata mai verso qualcuno».

 

rapina gioielleria rapina gioielleria

Poi, è andata com' è andata, con le scene dell' assalto viste sul monitor a circuito chiuso da casa, nello stesso stabile, attraverso il quale controllava il negozio: i ragazzini dentro che cercano un souvenir per San Valentino prima di fuggire via terrorizzati, il primo rapinatore che entra dopo aver indossato la maschera di Hulk, lui che corre giù, la commessa che urla e riesce a nascondersi nel retrobottega, Raffaele Ottaiano che gli punta la pistola contro. «È stato un attimo, ho visto l' arma del rapinatore rivolta verso di me, ho sparato, non ho capito più nulla, è stato tutto velocissimo».

 

L' AUTOPSIA Ora che è ufficialmente indagato Luigi sarà sentito in modo formale dagli inquirenti, coordinati dal procuratore capo di Napoli Nord Alfredo Greco, in attesa dell' autopsia sul corpo del rapinatore caduto sotto il suo fuoco. Va precisato che se non fosse stato sottoposto formalmente ad indagini i suoi legali non avrebbero potuto partecipare a questo fondamentale passaggio per la ricostruzione della dinamica dei fatti.

 

rapina gioielleria rapina gioielleria

«La proprietà privata deve essere inviolabile. Nessun cittadino, in qualunque parte d' Italia, dovrebbe temere per la propria vita», ha dichiarato Mara Carfagna (Fi). «In nessun caso chi si difende, con una reazione proporzionata, deve essere considerato alla stregua del delinquente che ha provato a rapinarlo. Il centrodestra considera la riforma della legittima difesa utile e necessaria e per questa ragione l' ha inserita tra i punti del programma col quale vuole governare il Paese dopo le elezioni del 4 marzo. Già in questi anni abbiamo sollecitato la maggioranza a riformarla, ma il Pd, come sempre sordo ai suggerimenti, ha proposto una legge piena di contraddizioni, rabberciata, che, infatti, non è stata approvata».

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute