1. IN ITALIA C’È UNA PERSONA CHE HA DAVVERO BISOGNO URGENTE DI UNA SCORTA: È SONIA TONI, EX MOGLIE DI BEPPE GRILLO, E FERVENTE PATRIOTA PENTASTELLARE, CHE SI SCANDALIZZA SUI SOCIAL PERCHÉ SOSTIENE DI AVER VISTO WALTER VELTRONI CON TANTO DI SCORTA A RIMINI
2. L’EX LEADER PD LE LEVA LA PELLE CON ELEGANZA: ‘’CARA SIGNORA, PECCATO CHE IO NON ABBIA PIÙ UNA SCORTA DA CHE NON HO RUOLI PUBBLICI, ERANO SOLO MIEI COLLABORATORI”
3. TOCCATO IL FONDO, LA SIGNORA TONI COMINCIA A SCAVARE: DICE CHE È COLPA DELLA STAZZA DI CHI STAVA ACCOMPAGNANDO VELTRONI. UN CAPOLAVORO DI DEMAGOGIA E DI ARROGANZA
 

Condividi questo articolo

1. CHE MALE C'È AD AVERE LA SCORTA?

di David Allegranti - https://www.ilfoglio.it/giubbe-rosse/2018/06/22/news/che-male-c-e-ad-avere-la-scorta-201949/

 

VELTRONI SCUDETTO ROMA VELTRONI SCUDETTO ROMA

Sonia Toni, ex moglie di Beppe Grillo, si scandalizza perché sostiene di aver visto Walter Veltroni in compagnia della scorta a Rimini. L’ex segretario del Pd le risponde civilmente: peccato che io non abbia più una scorta.

 

A quel punto la signora Toni, anziché scusarsi, dice che il “misunderstanding” è “forse” colpa della stazza di chi stava accompagnando Veltroni. Un capolavoro di demagogia. Ma se anche Veltroni avesse avuto la scorta?

Da quando è una colpa ed è diventato motivo di vergogna?

 

2. NELL’EPOCA DEL “LEI NON SA CHE SONO DIO’’

Massimo Gramellini per il “Corriere della Sera”

 

SONIA TONI SONIA TONI

Sonia Toni, che fu moglie di Beppe Grillo e resta fervente patriota pentastellare, scrive sui social di avere sorpreso Veltroni al ristorante con la scorta e si domanda: «Chi paga?». Il popolo delle tastiere raccatta parole appuntite e dà inizio alla lapidazione: c’è chi auspica una replica del processo di Norimberga per i fruitori di scorte non autorizzate dalla Salvini & Associati.

 

Il quarto d’ora d’odio è interrotto dalla replica del reprobo. Altri caricherebbero a testa bassa, ma Veltroni non viene mai meno alla sua fama di avverbio e «pacatamente» risponde di non avere la protezione da anni. Chiama la sua accusatrice «cara signora» e le segnala che quelli che lei ha scambiato per uomini della scorta erano normalissimi commensali.

 

GRILLO E SONIA TONI GRILLO E SONIA TONI

In un mondo dall’ego disidratato, la «cara signora» risponderebbe con una riga di scuse e la faccenda si esaurirebbe lì. Ma nell’epoca del «lei non sa che sono Dio», Sonia Toni sente l’insopprimibile bisogno di darsi ragione, spiegando l’equivoco con il fatto che a tavola con Veltroni c’erano «due ragazzoni dal fisico “armadio a muro”» e «comunque io ho posto una domanda legittima».

 

GRILLO E SONIA TONI GRILLO E SONIA TONI

Mica vero. Se la grammatica non è un’opinione, lei aveva chiesto chi pagava la scorta, dandola per assodata. Ma a preoccupare di più è la storia degli armadi a muro. D’ora in poi, per venire additati dai tribunali istantanei del sospetto come untori sotto scorta, basterà farsi vedere in compagnia di un traslocatore palestrato.

 

3. UNICA ATTENUANTE: ESSERE L'EX MOGLIE DI BEPPE GRILLO

Mattia Feltri per “La Stampa”

 

GRILLO E SONIA TONI GRILLO E SONIA TONI

Bisogna stare attenti con chi si va in giro. Per esempio, mai con tizi corpulenti: qualcuno potrebbe scambiarli per la vostra scorta, e di questi tempi ad avere la scorta si corrono rischi serissimi. Le scorte sono state inventate per proteggere la gente dai mascalzoni, non dagli onesti. Tu hai la scorta e il mascalzone sta alla larga, ma arrivano frotte di onesti e non ne esci vivo.

 

Guardate che è successo a quello sconsiderato di Walter Veltroni. Se ne va in trattoria, così, a cuor leggero, accompagnato da un paio di marcantoni sul metro e novanta. Lo vede Sonia Toni (a cui riconosciamo l' attenuante di essere l' ex moglie di Beppe Grillo) e da cittadina proba, sentinella del popolo affamato dagli sprechi, lancia su Twitter la vibrante denuncia: «Veltroni a Rimini per girare un film... Al ristorante con la scorta. Chi paga?».

GRILLO E SONIA TONI GRILLO E SONIA TONI

 

E il povero Veltroni risponde, persino con garbo, che essere garbati su Twitter è come essere rom al raduno di Pontida: finisci male. E dice, signora mia, veramente io ho rinunciato alla scorta da che ho dismesso ruoli pubblici, erano solo miei collaboratori. La signora spiega che s' era ingannata perché quelli avevano «il fisico da armadio a muro», e comunque «ho posto una domanda legittima».

sonia toni sonia toni

 

Niente scuse e non era un domanda, ma chi se ne importa, era legittimo no? Qualsiasi cosa frulli per la testa, i vaccini fanno male, l' uomo non è mai stato sulla Luna, quelli grossi sono bodyguard, è legittima, dipende da come ti va di guardare, per cui è vicino il giorno in cui si realizzerà quella famosa barzelletta, e arriverà uno con la sua legittima teoria: «Secondo me ha ragione la Torre di Pisa».

BEPPE GRILLO SONIA TONI BEPPE GRILLO SONIA TONI FICO SCORTA QUIRINALE 2 FICO SCORTA QUIRINALE 2 FICO SCORTA QUIRINALE 1 FICO SCORTA QUIRINALE 1 SONIA TONI PRIMA MOGLIE BEPPE GRILLO SONIA TONI PRIMA MOGLIE BEPPE GRILLO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal