A JESOLO 15ENNE FRIULANA E’ STATA VIOLENTATA IN SPIAGGIA DA UN GIOVANE STRANIERO - LA RAGAZZINA, IN VACANZA CON LA FAMIGLIA, E’ STATA ATTIRATA FUORI DA UN LOCALE, DOV’ERA CON QUATTRO AMICI - PORTATA TRA LE SDRAIO, E’ STATA AGGREDITA - SOLO A FINE SERATA, I SUOI AMICI SI SONO PREOCCUPATI NON AVENDO SAPUTO PIÙ NULLA DI LEI. E L'HANNO TROVATA SOLO QUANDO…

-

Condividi questo articolo

Giacomo Costa per il “Corriere della Sera”

 

stupro stupro

Si è allontanata dal locale, convinta da un sorriso, da qualche parola gentile, e tra sdraio e ombrelloni immersi nel buio della sera ha scoperto che il suo nuovo amico nascondeva un animo da mostro. Mercoledì notte, sulla spiaggia di Jesolo - la principale località balneare del Veneziano - una ragazzina di appena 15 anni è stata adescata e quindi violentata da un giovane straniero, che dopo averla convinta a lasciare la sua compagnia di amici per un conversazione più intima, più tranquilla, ha approfittato di lei. Quindi è riuscito a fuggire facendo perdere le sue tracce.

SPIAGGIA DI JESOLO SPIAGGIA DI JESOLO

 

Sulla vicenda - per molti aspetti ancora da chiarire - indaga la polizia, che ha soccorso la minorenne e sta cercando di identificare il colpevole. La ragazza, residente in Friuli Venezia Giulia, era in vacanza con la famiglia, non a Jesolo ma in una delle tante località balneari sul litorale della provincia di Venezia che durante la stagione estiva beneficiano proprio del traino assicurato dalle discoteche e dai bar jesolani. Qui si radunano tanti veneziani in cerca di divertimenti, moltissimi italiani che arrivano da fuori regione, ma ancor più turisti provenienti da Russia, Germania, Austria e non solo.

 

stupro 4 stupro 4

Con migliaia di presenze ogni giorno sulle spiagge - e altrettante la notte, lungo le strade e le piazze tappezzate di ristoranti e club - la stretta delle forze dell' ordine è ogni anno più forte, eppure neanche lo sguardo costante di carabinieri, polizia e vigili, o l'aumento dell' illuminazione lungo le strade più riparate, sono riusciti a scoraggiare la criminalità.

 

«Spacciatori e ladri si limitano a spostarsi di qualche metro - sospira il sindaco di Jesolo, Valerio Zoggia - servirebbero pene più severe come reale deterrente». La folla assicura sia uno scudo sia una grande scelta di vittime per i criminali, e questo vale tanto per chi spaccia droga, quanto per chi ha in testa altri obiettivi.

 

Anche la ragazzina friulana è stata avvicinata dal suo aggressore mentre si trovava all' interno del triangolo della movida di Jesolo: era in un locale di piazza Mazzini, il fulcro della vita notturna cittadina, assieme ad altri quattro amici. La 15enne aveva avuto il permesso di passare la sera fuori, lontana dai genitori, forse rassicurati dall' idea che il mercoledì potesse essere un giorno più tranquillo rispetto agli affollatissimi fine settimana. A differenza dei suoi compagni, però, la giovane non è rimasta a lungo all'interno del club: dopo essere stata avvicinata da un ragazzo l' ha seguito fuori, sull' arenile, e nessuno l' ha più vista.

SPIAGGIA DI JESOLO SPIAGGIA DI JESOLO

 

Solo a fine serata, al momento di rientrare, i suoi amici si sono preoccupati non avendo saputo più nulla di lei. L'hanno cercata nel locale, nei dintorni, ma l' hanno trovata solo quando hanno raggiunto la spiaggia, guidati dai pianti e dalle grida. Immediata la chiamata al 113, poi la corsa in ospedale. La 15enne ha raccontato di aver subito violenza, di essere stata costretta a un rapporto da quel giovane che aveva conosciuto da poco, e la polizia si è subito messa sulle tracce dell' aggressore.

 

Non è ancora chiaro se la ragazzina sia stata avvicinata nel locale o in precedenza, nel corso della sua vacanza. Nell' ultimo anno, nel Veneziano, si sono registrati 23 casi di violenza sessuale, il 28 per cento in più rispetto ai 18 dei dodici mesi precedenti.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal