“ERA NUDO SOPRA DI ME. GLI HO DETTO: SONO INCINTA…” – UNA BARISTA ROMANA RACCONTA COME E’ SCAMPATA ALLO STUPRO: "MI HA STRITOLATO IL MIGNOLO CON I DENTI, ADESSO È A PENZOLONI: MI TENEVA BLOCCATA COSÌ. HA PRESO A COLPIRMI CON PUGNI SULLA PANCIA E A STRAPPARMI I CAPELLI. PENSAVO DI MORIRE. HO RACCOLTO TUTTA LA FORZA CHE AVEVO E GLI HO DATO UNA GOMITATA. POI…" - CACCIA A UN NORDAFRICANO

-

Condividi questo articolo

Francesco Salvatore per la Repubblica - Roma

 

stupro stupro

Ha aspettato che restasse sola nel bar e ha provato a stuprarla. L' ha trascinata nel retro bottega per i capelli e, dopo averle quasi staccato un dito con morso, le si è avvinghiato addosso. «Ho raccolto tutta la forza che avevo dentro di me e gli ho sferrato un calcio allo stomaco. Avevo capito che non mi avrebbe risparmiato. Neanche la bugia che ero incinta l' ha fatto desistere. Anzi, mi dava pugni alla pancia » .

 

Vittima della violenza, avvenuta all' alba di ieri, è la proprietaria di un bar nel quartiere Monte Mario. L' aggressore è un magrebino di circa 30 anni, sulle cui tracce c' è la polizia. È un racconto dell' orrore quello della commerciante, trasportata dopo il tentativo di stupro in ambulanza all' ospedale Gemelli, e tuttora ricoverata. « Era un turno come tanti. Il mio bar è aperto tutta la notte e a una certa ora sono arrivati due uomini sulla trentina, nordafricani. Vestiti bene, niente che non andava». Passano le ore, i due trascorrono la serata come normali avventori. Bevono qualche bicchiere. Cantano al karaoke. Poi uno dei due cambia atteggiamento.

 

stupro 1 stupro 1

« Ha iniziato a denudarsi, ad abbassarsi i pantaloni. Si avvicinava a me. Ho detto al suo amico di farlo smettere e sembrava che ci fosse riuscito. Non ho fatto gesti avventati per non irritarli, avevo paura - prosegue la vittima, una donna di 50 anni - nel locale erano rimasti solo loro e un ragazzo che mi aiuta a fare le pulizie». La situazione sembra ristabilirsi. I due escono. La donna, invece, inizia a riportare i tavoli all' interno del locale. Resta sola. Pochi minuti più tardi, mentre apre la porta del bagno, quell' uomo è dietro di lei.

 

« Mi ha preso per i capelli e trascinato nel retro. Le mani al collo e i pugni in testa. Mi ha stritolato il mignolo con i denti, adesso è a penzoloni: mi teneva bloccata così », continua la vittima. Per provare a dissuaderlo le balena un' idea: « Era nudo sopra di me. Gli ho detto: " Sono incinta". Non è vero, ma speravo la finisse. Invece ha preso a colpirmi con pugni sulla pancia e a strapparmi i capelli. A quel punto non avevo più nulla da perdere.

 

stupro stupro

Non mi interessava se avessi perso il dito, o avesse fatto altro. Pensavo di morire. Ho raccolto tutta la forza che avevo e gli ho dato una gomitata. Poi, da terra, un calcio allo stomaco».(...)

Lui corre verso il bancone: «Pensavo prendesse un coltello o qualcos' altro. Sono scappata in strada.

 

E invece ha rubato quello che c' era in cassa e se ne è andato come nulla fosse».

(...)

firenze tentato stupro firenze tentato stupro

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

VITA, RICORDI E SCHERZI DI ALESSANDRO IPPOLITO, STORICO AUTORE DI “SCHERZI A PARTE” E INVIATO DI “STRANAMORE”: “TRA GLI SCHERZI NON ANDATI IN ONDA C’È QUELLO DI ADRIANO CELENTANO. TUTTO ERA ANDATO IN PORTO, LUI SI ERA DIVERTITO MA POI…” - “LASCIAI ‘STRANAMORE’ DOPO UN FATTO DI CRONACA. UNA RAGAZZA RICEVETTE IL MESSAGGIO DAL SUO EX. LEI NON VOLEVA SAPERNE, MA VENNE IN STUDIO. I DUE SI RIVIDERO, SI APPARTARONO PER PARLARE E SI RIMISERO ASSIEME. DUE MESI DOPO LUI…”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute