“T’AGGIA ACCIR’, STRUNZ!” - RISSONE RUSTICANO A QUALIANO, IN PROVINCIA DI NAPOLI: UNA SIGNORA E IL FIGLIO VENTENNE AGGREDISCONO A CALCI E PUGNI IL FIDANZATO DELLA FIGLIA. ERANO CONTRARI ALLA RELAZIONE - I DUE INNAMORATI VIVONO NELLO STESSO PALAZZO MA… 

-

Condividi questo articolo

Cristina Liguori per www.ilmessaggero.it

 

Non gradiscono che la giovane abbia una relazione con quel ragazzo e danno vita ad una rissa senza precedenti. La mamma e il fratello della 20enne tentano così di mettere fine a questa storia che proprio non gli va giù. Insomma una sorta di Romeo e Giuletta in salsa qualianese. I fatti su via Campana. I due innamorati, nonostante la contrarietà della famiglia di lei, per settimane hanno continuato a vedersi.

giovani rissa giovani rissa

 

Complice la vicinanza, abitano infatti nello stesso palazzo, i ragazzi non riuscivano a smettere di frequentarsi così che la famiglia della ventenne ha pensato di intervenire nell’unico modo da loro ritenuto possibile: gli schiaffi e i pugni. Poco è bastato per far scattare la scintilla della violenza. Tra la mamma, il fratello della giovane e il fidanzato della ragazza sono volati calci e spintoni.

 

Le urla hanno allertato gli altri residenti dello stabile che hanno chiamato i carabinieri della locale stazione. I contendenti non si sono fermati nemmeno dinanzi ai militari dell’arma, continuando a picchiarsi e a insultarsi. I carabinieri ci hanno impiegato non poco a sedare la rissa. Quando sono riusciti a portare tutti alla calma li hanno arrestati. Si tratta di E.R. 23 anni, ai domiciliari per spaccio,, A.D 19 anni, pregiudicato per droga, e C.D. rispettivamente fratello e mamma della giovane. I duellanti sono stati poi condotti in ospedale tra Pozzuoli e Giugliano con escoriazioni e contusioni.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

JUVE, L’AFFARE S’INGROSSA - “IL NAPOLISTA” TIRA FUORI LE INTERCETTAZIONI DI MAROTTA, NELL’AMBITO DELL’INCHIESTA SULLE INFILTRAZIONI CRIMINALI NELLA CURVA DELLA JUVENTUS - EMERGONO LE PRESSIONI DELL'EX DIRIGENTE SU “REPUBBLICA” (“LÌ C’È IL ‘NOSTRO’ DIRETTORE…”) E “GAZZETTA DELLO SPORT” (“SE ESCE QUELL’ARTICOLO, MI COMPORTERÒ DI CONSEGUENZA…”. E INFATTI POI L’ARTICOLO DIVENTA UN TRAFILETTO) - ZILIANI: “A 12 ANNI DA CALCIOPOLI ABBIAMO UN GIORNALE, LA 'GAZZETTA', CHE DECIDE AL TELEFONO CON I DIRIGENTI DELLA JUVENTUS COSA SCRIVERE E COSA NO SU TEMI SCABROSISSIMI E..."

cafonal