“SULL’AMBULANZA NON SALI: SONO TUTTI MASCHI” - A MILANO UN 23ENNE MAROCCHINO HA PROVATO A IMPEDIRE I SOCCORSI ALLA MOGLIE INCINTA CHE SI E’ SENTITA MALE IN STRADA - ALL’ARRIVO DELLA POLIZIA, L’UOMO HA AGGREDITO GLI AGENTI, DANNEGGIANDO LA VOLANTE - PRIMA E’ STATO ARRESTATO E POI SI E’ SCOPERTO CHE…

-

Condividi questo articolo

ambulanza ambulanza

(ANSA) - Voleva costringere la moglie incinta a non farsi portare all'ospedale perché nell'ambulanza i soccorritori erano "maschi". E' questa la storia che, a Milano, ha portato in carcere un marocchino di 23 anni. L'uomo, quando la scorsa notte la moglie, per strada, si è sentita poco bene, all'arrivo dell'ambulanza ha impedito alla donna di salire. Così il 118 ha chiamato la polizia.

 

Quando gli agenti sono giunti sul posto, in via Pichi, lui li ha aggrediti, ed è così finito in arresto per resistenza a pubblico ufficiale e per il danneggiamento della Volante. La donna è stata quindi trasportata in ospedale per gli accertamenti del caso. Dopo le comparazioni dattiloscopiche è emerso che a carico del 23enne pendeva anche un ripristino della carcerazione avverso a una sospensione di pena nell'ambito di una condanna per spaccio.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute