“VOSTRA MADRE È MORTA. ANZI NO” – UN’ANZIANA SARDA DI 80 ANNI VIENE DICHIARATA MORTA DAI MEDICI DELL’OSPEDALE E I FAMILIARI DISPONGONO L’ESPIANTO DEGLI ORGANI – LE CAMPAGNE DI URI (SASSARI) SUONANO A MORTE MENTRE I FIGLI ORGANIZZANO IL FUNERALE, COMPRANDO LA BARA E ORDINANDO I FIORI – MA QUANDO 24 ORE DOPO TORNANO IN REPARTO SCOPRONO CHE È ANCORA VIVA…

-

Condividi questo articolo

Giuseppe Gaetano per “www.corriere.it”

 

funerale 1 funerale 1

Le campane di Uri, il paesino dell’hinterland sardo, avevano già suonato a morte; i familiari, in lacrime, si erano già accordati col parroco per celebrare il funerale; i parenti, ormai rassegnati, avevano già ordinato le corone di fiori e spedito i telegrammi di cordoglio.

 

Sembrava tutto pronto: anche la bara era stata già acquistata e la trafila burocratica per il loculo al cimitero conclusa in tempi record. E invece è tutto da rifare. Il più in là possibile, ovviamente.

 

BARA - FUNERALE BARA - FUNERALE

L’anziana 80enne data già in viaggio verso l’altro mondo è sì in condizioni disperate, ma ancora viva, in prognosi riservata nel reparto di rianimazione del Santissima Annunziata di Sassari.

 

La morta immaginaria

La vicenda è singolare ma autentica: è stato il personale sanitario a comunicare erroneamente la notizia del decesso. Lunedì mattina la figlia ha trovato la donna nel bagno di casa, riversa sul pavimento in stato di semi-incoscienza, colpita improvvisamente da un ictus. L’anziana è stata subito trasportata d’urgenza in ospedale a bordo di un’ambulanza.

funerale funerale

 

Qualche ora dopo il ricovero, i congiunti sono tornati nel nosocomio per aggiornarsi sulle sue condizioni: «È morta cerebralmente, ormai non c’è più nulla da fare - gli ha detto un medico -. Se volete potete firmare l’autorizzazione all’espianto degli organi». Addolorati, i familiari hanno acconsentito all’espianto delle cornee; poi, rientrati in paese, si sono dedicati ai preparativi per le esequie.

 

FUNERALE  FUNERALE 

Ma ieri mattina, tornati in ospedale, l’incredibile sorpresa: che la vecchina era, ed è, ancora viva. Sconcerto a parte, in fondo, è la notizia che vorrebbero ascoltare chiunque ha un proprio caro in cura.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute