MA SALVATORE ROMEO, CI FA O CI E’? - CON LA TERZA POLIZZA, FIRMATA SUBITO DOPO LA NOTIZIA DELL’INVITO A COMPARIRE DELLA SINDACA, ROMEO SMETTE I PANNI DEL POLLO INNAMORATO E SI TRAVESTE DA FURBO CALCOLATORE - ORA NON ESCE DI CASA, AL TELEFONO RIFIUTA COMMENTI E SI E’ MESSO IN MALATTIA

Condividi questo articolo

Fulvio Bufi e Alessandro Trocino per il “Corriere della Sera”

 

Indefesso lavoratore, folgorato dai 5 Stelle e amante degli investimenti a basso rischio.

SALVATORE ROMEO SALVATORE ROMEO

Oppure spietato calcolatore, «gargarozzone», per usare un suo termine, uomo «ingordo di potere». La trama del legal thriller capitolino s' infittisce. Salvatore Romeo cambia ogni giorno identità e complica la vita ai magistrati ma anche e soprattutto alla sindaca Virginia Raggi.

 

I 5 Stelle avevano appena finito di tirare un sospiro di sollievo, spiegando come le due polizze fossero una normalissima forma di investimento, quando le polizze intestate alla Raggi sono diventate tre. Con la terza, 8 mila euro, firmata subito dopo la notizia dell' invito a comparire della sindaca. Mistero. Via i panni da travet dell' accumulo finanziario, eccolo in quelli, tutti da dimostrare, di oscuro manovratore. Ma lo sdoppiamento di personalità dev'essere nel dna di Romeo. Il suo curriculum oscilla tra una sfilza di noiose competenze amministrative, contabili e gestionali e la passione per «paracadutismo civile, attività subacquea e velistica e studio del mercato borsistico».

SALVATORE ROMEO SALVATORE ROMEO

 

Tra partita doppia e lanci nel vuoto, tra reportistica aziendale e azzardi borsistici, Romeo negli ultimi anni scala in fretta le vette del Campidoglio. Diventa uno dei «quattro amici al bar» della chat, triplica lo stipendio. Ma finisce in disgrazia. Sacrificato, malvolentieri, dalla sindaca, su ordine dei vertici. Fino alle ultime settimane, rocambolesche. Le cronache riportano dichiarazioni che, ancora una volta, oscillano tra ingenuità naïf e messaggio trasversale.

SALVATORE ROMEO E VIRGINIA RAGGI SALVATORE ROMEO E VIRGINIA RAGGI

 

Sull'addio di Carla Raineri e Marcello Minenna spiega che sono errori comprensibili: «Era agosto, faceva caldo». Se la sindaca minimizza - «l'ora d' aria non si nega a nessuno» -, spiegando che è normale salire sui tetti del Campidoglio, Romeo la corregge, ingenuo o perfido: «Andavamo per le cimici. Lo sapevamo dal secondo giorno di governo».

 

Nella stessa intervista al Messaggero fa un esempio curioso, per sostenere la necessità di non pubblicare le chat private: «Se io le scrivo in una chat che sono innamorato di lei e viene pubblicato, la gente penserà che io e lei siamo amanti, anche se non è vero». Accade qualcosa di simile. Viene fuori che una polizza è motivata da «relazione sentimentale» con la sindaca. Paolo Berdini poi infierisce. Fino all' ultimo colpo di scena.

 

SALVATORE ROMEO SALVATORE ROMEO

Il Solito Sospetto, l'intestatore seriale di polizze ora prova a tornare nell'ombra. Non esce di casa, al telefono rifiuta commenti. All'ottavo piano di via Ostiense 131, Dipartimento partecipate, colleghi e segreteria spiegano gentili che Romeo «è in malattia» e non si sa quando tornerà negli uffici dove è ripiombato, dopo l'ebbrezza dell' alta quota. Ha perso uno stipendio sostanzioso e il filo diretto con la Raggi. Che ora lo chiama «dottor Romeo» e annuncia denunce. La «relazione sentimentale» delle prime due polizze nella terza è diventata «rapporto affettivo».

 

Verso sera riproviamo. Romeo, scusi l' insistenza, neanche una parola? Circolano ipotesi che solo lei può chiarire. «Non mi faccia essere scortese». E riattacca. Giusto così, non si parla ad indagini in corso, non si fa spoiler sulla propria stessa trama.

SALVATORE ROMEO E VIRGINIA RAGGI SALVATORE ROMEO E VIRGINIA RAGGI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA