MAL MEDITERRANEO – 1800 MIGRANTI ARRIVATI NELL’ULTIMO FINE SETTIMANA IN ITALIA (410 SOLO IERI) - È ALLARME PER GLI SBARCHI “FANTASMA”: IN DECINE RAGGIUNGONO LE PICCOLE SPIAGGE SICILIANE E FANNO PERDERE LE PROPRIE TRACCE – IL SIRIANO DI LONDRA, ARRESTATO DOPO LA BOMBA ESPLOSA IN METRO, SBARCO’ IN SICILIA NEL 2013…

-

Condividi questo articolo

YAHYAH FARROUKH YAHYAH FARROUKH

1- IN ITALIA CON UN BARCONE IL SIRIANO DI LONDRA FERMATO PER L' ATTENTATO

 

Fausto Biloslavo per il Giornale

 

Il secondo sospetto terrorista di Londra, arrestato sabato sera, è un rifugiato siriano arrivato in Italia con un barcone dall' Egitto nel 2013. Sulla sua pagina Facebook, Yahya Faroukh, oltre a foto e video dei ribelli anti Assad, aveva postato le immagini dello scassato peschereccio che l' avrebbe portato sulle nostre coste. Da Roma l' antiterrorismo conferma a il Giornale «che stiamo lavorando sul caso in stretto contatto con gli inglesi». Per capire se esistono contatti in Italia.

 

Il 21enne nato ad Al Harah, un sobborgo di Damasco, è sospettato di aver partecipato all' attentato sulla metropolitana di Londra che venerdì ha ferito una trentina di persona con una bomba artigianale. Un altro sospetto iracheno e orfano, di soli 18 anni, è stato arrestato mentre cercava di abbandonare l' Inghilterra con un traghetto da Dover.

Faroukh era minorenne quando dalla Siria è arrivato in Egitto.

 

migranti migranti

Nel novembre 2013 decise di imbarcarsi «per il viaggio della morte», come l' ha definito su Facebook. Il 23 novembre 2013 ha postato la foto di un barcone che si è arenato su una spiaggia. In primo piano si vedono donne velate e bambini appena sbarcati. E sullo sfondo, in mare, un natante che potrebbe essere una motovedetta, forse italiana. Il titolo del post non lascia dubbi:

 

«La barca che ci ha portati dall' Egitto all' Italia». Il 7 dicembre ha pubblicato un' altra foto scattata a bordo durante la traversata del Mediterraneo, ma il viaggio deve essere avvenuto settimane prima. E non l' ha fatto da solo, ma con amici siriani ritratti in uno scatto postato su Facebook.

YAHYAH FARROUKH 1 YAHYAH FARROUKH 1

 

Il dato certo è che Faroukh a fine 2013 è a Croydon, dove si trova il principale centro di immigrazione britannico. Ovviamente presenta domanda di asilo, accolta come rifugiato.

 

Bastava dare un' occhiata alla sua pagina Facebook per porsi qualche dubbio. I due unici video postati sono di combattimenti in Siria dei ribelli contro le forze governative. Il 12 luglio 2014 ha pubblicato un' immagine propagandistica «Stop al terrore israeliano in Palestina» con la stella di David cancellata da una X. Sempre lo stesso mese pubblicava foto di bombardamenti in Medio Oriente. Un fotomontaggio che rilancia sulla sua pagina sembra la pubblicità di uomini dell' Isis che si infiltrano in Occidente.

MIGRANTI MIGRANTI

 

Nel frattempo Faroukh, che aveva solo 16 anni all' arrivo in Inghilterra, è stato affidato agli ignari coniugi Jones premiati dalla regina per aver dedicato la vita ad accogliere minori in difficoltà. Da maggio era andato a vivere in un appartamento senza mobili a 500 metri dalla pista dell' aeroporto di Heathrow, dove hanno fatto irruzione le forze dell' ordine. I vicini spiegano ai giornali «che era un simpatico ragazzo e non dava segni di radicalismo». Però «di notte si chiudeva dentro con altri tre o quattro giovani come lui abbassando le tapparelle».

 

Chi lo conosce cade dalle nuvole e non può credere che sia un terrorista. Forse è successo qualcosa dopo la morte del padre, poco tempo fa, a Damasco. Una foto del genitore in ospedale è ancora la copertina della sua pagina Facebook assieme a un' immagine più piccola con versetti del Corano su sfondo nero. Un altro fratello oltre a dei cugini vivono in Scozia e andavano a trovarlo a Londra.

Yahya Faroukh Yahya Faroukh

 

L' antiterrorismo di Sua Maestà lo ha colto di sorpresa all' uscita da un fast food a Londra, sabato sera. Prima aveva arrestato l' altro presunto terrorista, il 18enne iracheno, che in qualche maniera li ha portati da Faroukh. Il sospetto è che i due si siano conosciuti nella «giungla», l' ex campo di Calais dove si addensavano i migranti diretti in Inghilterra. Oppure in Siria o Irak in zone che potevano essere sotto l' influenza di gruppi jihadisti come lo Stato islamico.

 

 

migranti migranti

2 - LA SICILIA AL CENTRO DELLE NUOVE ROTTE

 

Valentina Raffa per il Giornale

 

In controtendenza rispetto all' estate, gli sbarchi sono ripresi.

Dallo scorso fine settimana circa 1.800 immigrati hanno calpestato il suolo italiano, trasportati dalle navi militari e dalle Ong ancora operanti nel Mediterraneo. Gli ultimi 410 sono attraccati a Palermo ieri. Tra loro donne incinte e un bimbo di due giorni nato su un barcone. Certo, nulla a che vedere rispetto ai numeri record registrati prima di rendere esecutivo il codice Minniti.

E tra accordi ufficiali e qualcuno anche ufficioso scende ancora il numero degli arrivi, con 4.500 sbarchi ad agosto, che rappresentano un calo del 60% rispetto luglio, «il livello totale mensile più basso da gennaio», come rileva Frontex.

MIGRANTI IN LIBIA2 MIGRANTI IN LIBIA2

 

Agli sbarchi «ufficiali» si aggiungono quelli «fantasma», con decine e decine di immigrati che raggiungono piccole spiagge a bordo di natanti a motore o vecchi velieri, per poi disperdersi senza sottoporsi ai controlli sanitari e delle forze dell' ordine. Sono gli sbarchi alla vecchia maniera, ma resi sistematici con partenze dalla Tunisia e dall' Algeria. Negli ultimi due mesi sono arrivati dalla Tunisia circa 3mila migranti, in maggioranza uomini, con 1.500-1.800 arrivi sulla costa meridionale della Sicilia e il resto sulle isole di Lampedusa e Linosa. E numerosi sono i tunisini che affollano i centri di accoglienza e che l' Italia deve rimpatriare.

 

MINNITI MINNITI

La ripresa degli sbarchi fa temere infausti risvolti, dal momento che gli accordi tra l' Italia e la Libia per fermare la trasmigrazione dell' intera Africa sulle proprie sponde e a spese degli italiani non è stata ben digerita da qualcuno. Del resto cosa aspettarsi visti i grossi interessi in gioco. Sarà anche un caso, ma la ripresa degli sbarchi coincide con l' invito dell' Italia a Khalifa Haftar per il 26 settembre per incontrare il ministro della Difesa Roberta Pinotti e alti ufficiali dello Stato maggiore. «Denunciamo l' invito giunto, specie perché la Corte penale internazionale ha chiesto ripetutamente l' arresto degli affiliati (del generale) colpevoli di aver commesso crimini di guerra». Lo scrive in una nota il Consiglio militare di Sabratha. E già sabato ci sono stati i primi arrivi. In 371 sono giunti a Trapani raccolti in mare da Sos Mediterranee.

MIGRANTI MIGRANTI

 

«Dopo un calo significativo negli ultimi due mesi, il totale degli arrivi» registrati tra gennaio e agosto 2017 dice Frontex «è rimasto a 99.800, in calo del 13% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno». Le due principali nazionalità degli arrivati nel corso dell' anno sono Nigeria e Guinea.

La rotta del Mediterraneo centrale conta per i due terzi degli ingressi illegali complessivi nell' Ue. In agosto ci sono stati 12.200 transiti illegali sulle principali rotte migratorie. Secondo Frontex, la Spagna è sotto «forte pressione» a causa di 2.400 ingressi illegali di agosto, il doppio rispetto a un anno fa. Gli arrivi in Grecia sono stati in leggero aumento in agosto.

NAVI ONG MIGRANTI NAVI ONG MIGRANTI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal