MARCO TRAVAGLIO VIENE CONDANNATO PER LA SECONDA VOLTA A PAGARE TIZIANO RENZI CON UN RISARCIMENTO DI 50 MILA EURO - L’EX SEGRETARIO DEL PD ESULTA SU FACEBOOK: “LA VERITÀ PRIMA O POI ARRIVA” - IL DIRETTORE DEL “FATTO” RISPONDE: “ERO CONTUMACE, NESSUNO MI HA AVVERTITO CHE SI STAVA PROCEDENDO IN MIA ASSENZA E NON HO POTUTO DIMOSTRARE DI AVER DETTO LA VERITÀ MA…”

-

Condividi questo articolo

1 - «DIFFAMÒ TIZIANO RENZI». NUOVA CONDANNA PER TRAVAGLIO

Da www.corriere.it

 

TIZIANO RENZI TRAVAGLIO TIZIANO RENZI TRAVAGLIO

«Nella seconda causa Tiziano Renzi contro Marco Travaglio, il direttore del Fatto Quotidiano è stato nuovamente condannato, stavolta per un intervento televisivo». Lo scrive su Facebook Matteo Renzi.

 

«Travaglio condannato due volte nel giro di un mese, insomma: dovrà pagare altri 50.000euro. Sono ovviamente contento per mio padre, ben difeso dall’avvocato Luca Mirco - prosegue il senatore del Pd -. Ma soprattutto vorrei condividere con voi un pensiero: bisogna sopportare le ingiustizie, le falsità, le diffamazioni. Perché la verità prima o poi arriva. Il tempo è galantuomo. Ci sono dei giudici in Italia, bisogna solo saper aspettare».

 

IL TWEET DI MATTEO RENZI SU MARCO TRAVAGLIO IL TWEET DI MATTEO RENZI SU MARCO TRAVAGLIO

«E verrà presto il tempo in cui la serietà tornerà di moda. Ci hanno rovesciato un mare di fango addosso. Nessun risarcimento ci ridarà ciò che abbiamo sofferto ma la verità è più forte delle menzogne. Adesso sono solo curioso di vedere come i Tg daranno la notizia», conclude Renzi.

 

La precedente condanna

In precedenza, a fine ottobre, Travaglio, in solido con altri colleghi del suo quotidiano, era stato condannato dal Tribunale di Firenze a pagare 95 mila euro per due articoli pubblicati sul Fatto quotidiano.

 

2 - IL PREZZO DELLA VERITÀ

Marco Travaglio per “il Fatto quotidiano”

 

renzi vs travaglio a otto e mezzo renzi vs travaglio a otto e mezzo

Avrei voluto parlarvi anche oggi di ciò che accade nel mondo reale. Ma ieri ho trascorso il pomeriggio a correr dietro a un post di Matteo Renzi su Facebook con la notizia di una sentenza del Tribunale di Firenze che, per la seconda volta in un mese, mi vede soccombente con suo padre Tiziano per un risarcimento di 50 mila euro. Solite geremiadi sulle "ingiustizie, le falsità, le diffamazioni", il "mare di fango" che lui e i suoi genitori plurinquisiti hanno dovuto "sopportare". Solito elogio ai magistrati che (al momento) gli danno ragione ("ci sono dei giudici in Italia": soprattutto a Firenze).

 

Solito auspicio che "torni il tempo della serietà" e della "verità" (cioè il tempo dei Renzi). E minaccioso avvertimento ai tg ("sono curioso di vedere come daranno la notizia", come se fossero usi occuparsi di processi per diffamazione). Il bello è che non so letteralmente di quale sentenza o processo stia parlando, perché né a me né ai miei avvocati risultava quella causa.

 

travaglio commenta renzi alla leopolda travaglio commenta renzi alla leopolda

Forse la busta verde con l'atto di citazione si è persa tra le tante per colpa mia o dell'ufficiale giudiziario, o è andata smarrita nella trasmissione dalla nostra segreteria allo studio legale, chissà. Sta di fatto che ero contumace e non ho potuto difendermi. Poi, in serata, una giornalista molto addentro alle cose della famiglia Renzi - in un' intercettazione depositata agli atti di Consip, Tiziano ne elogia la performance in una puntata di Otto e mezzo con il sottoscritto e Matteo ridacchia: "L'abbiamo mandata noi" - cita sul sito del Foglio brani della sentenza e soprattutto la frase che mi è costata 50 mila euro. La pronunciai proprio nella puntata di cui parlano babbo e figliolo: quella del 9 marzo 2017.

 

marco travaglio (2) marco travaglio (2)

Eccola: "Il padre del capo del governo si mette in affari o s'interessa di affari che riguardano aziende controllate dal governo". Il minimo sindacale della cronaca del momento, e anche di oggi: com'è universalmente noto, Tiziano Renzi era ed è indagato dalla Procura di Roma (con richiesta di archiviazione non ancora valutata dal gip) per traffico d'influenze illecite con la Consip: società controllata dal governo, ai tempi in cui il premier era il figlio Matteo, che aveva nominato l'ad di Consip Luigi Marroni.

 

Non solo. Tiziano Renzi si era messo in affari con un'altra società partecipata dal governo, Poste Italiane, ottenendo per la sua "Eventi 6" un lucroso appalto per distribuire le Pagine Gialle nel 2016, quando Matteo sedeva a Palazzo Chigi. Affare legittimo, a parte la puzza di conflitto d' interessi, e mai sfiorato da indagini. Ma totalmente vero e verificato. Ricapitolando: quella sera, dalla Gruber, dissi la pura, semplice e anche banale verità. E la ripeterei identica oggi.

 

Purtroppo, non so ancora perché (la sentenza non la posseggo), ero contumace, nessuno mi ha avvertito che si stava procedendo in mia assenza e non ho potuto dimostrare di aver detto la verità. Nel processo civile non c'è un pm che conduce le indagini (se ci fosse stato, avrebbe acquisito le carte dell' inchiesta Consip e dell'affare Poste-Eventi6, e subito archiviato il caso): c'è solo un giudice che esamina le "memorie" legali del denunciante e del denunciato e su quelle decide, senza nemmeno tener conto dei fatti notori.

 

MATTEO RENZI TIZIANO MATTEO RENZI TIZIANO

Ma in questo processo i miei legali non c'erano, dunque il giudice ha deciso su quel che gli raccontavano gli avvocati di Renzi sr. E ha concluso - almeno secondo ilfoglio.it - che le mie parole "hanno connotazioni oggettivamente negative, alludendo ad un contesto di malaffare e ad un intreccio di interessi privati, economici e politici ad elevati livelli. L'offesa è tanto più grave in quanto si mettono in relazione gli affari personali dell'attore (Tiziano Renzi, ndr) con l' ascesa politica del figlio che, all' epoca dei fatti, era stato capo del governo e, quindi, figura istituzionale dalla quale tutti si attendono attenzione e sensibilità per gli interessi dello Stato". 

 

Cioè avevo addirittura insinuato un'inchiesta su Tiziano Renzi per Consip e un legame diverso dall' omonimia fra il Renzi che s'interessava a Consip e prendeva appalti da Poste, e il Renzi che guidava il governo azionista di Consip e di Poste. Quanto all'importo di 50 mila euro, meglio non commentare.

 

tiziano renzi e laura bovoli tiziano renzi e laura bovoli

Un caso simile mi era già accaduto vent'anni fa. Nel '95 Cesare Previti mi denunciò perché l'avevo definito sull'Indipendente "cliente di procure e tribunali" (e lo era eccome: era indagato a Brescia per un ricatto a Di Pietro, per cui sarebbe stato poi rinviato a giudizio e infine assolto).

 

Durante il processo, l'Indipendente chiuse i battenti. L'avvocato, non più pagato dall'editore in liquidazione, pensò bene di smettere di difendermi. Così nel '99 mi ritrovai condannato dal Tribunale di Roma allo sproposito di 79 milioni di lire per non aver prodotto le carte che provavano quanto avevo scritto: cioè l'atto di iscrizione di Previti sul registro degli indagati, di cui tutti i giornali parlavano, ma che il giudice non poteva conoscere perché poteva basarsi solo sulle carte prodotte dalle parti (e la mia non aveva prodotto nulla: il mio fascicolo era vuoto, così come la sedia del mio difensore).

sir cesare previti foto mezzelani gmt022 sir cesare previti foto mezzelani gmt022

 

Siccome non avevo 79 milioni sull'unghia, Previti mi pignorò per due anni il quinto dello stipendio. Poi la Corte d'appello ribaltò la sentenza, ma non del tutto, perché le prove già disponibili in primo grado non erano più ammissibili in secondo: i giudici ridussero il danno alla somma che avevo già pagato (una ventina di milioni). Vedremo se stavolta andrà meglio.

 

Ma me la vedrò io. Se ve l'ho fatta tanto lunga, cari lettori, è perché ne sentirete come sempre di tutti i colori. Ma mi preme dirvi ciò che vi ho già detto in occasione dell'altra causa alla fiorentina persa con babbo Renzi: ho detto la pura verità, quindi - se volete - potete continuare a fidarvi di me e del Fatto . Ci vuole ben altro per intimidirci.

 

Condividi questo articolo

media e tv

#GFVIP TWEET! CHIUDE CON 3,5 MLN DI TELESPETTATORI (TRA CUI SALVINI) E IL 21.9% SHARE, LA MENO VISTA NELLA STORIA DEL REALITY. ''L'ISOLA'' VINTA SEMPRE DA NUDO FECE 10,5 MILIONI - ''AUTORI, MA DITE A MONTE CHE CECILIA STA PER SPOSARSI. FATE ENTRARE EVA HENGER PER FARE L'ANALISI DEL CAPELLO. DATE UN SENSO A QUESTA FINALE!'' - ''LA FACCIA DI QUANDO REALIZZI CHE NEMMENO CARICARTI LA ZAVORRA SALEMI PER SETTIMANE TI HA AIUTATO A VINCERE''

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute