MELA STREGATA - NON DICHIARA IL FRUTTO ALLA DOGANA: 500 DOLLARI DI MULTA ALL’AEROPORTO DI MINNEAPOLIS -  UNA DONNA HA RACCONTATO DI AVER RICEVUTO LA MELA COME SNACK SULL’AEREO. MA IL DOGANIERE NON HA SENTITO RAGIONI: PER LA LEGGE AMERICANA…

-

Condividi questo articolo

mela mela

S.Mor. per www.corriere.it

 

Lo spuntino – non consumato – le è costato 500 dollari: questa l’entità della multa che una donna del Colorado ha dovuto pagare per non aver dichiarato alla dogana Usa di avere con sè una mela allo sbarco all’aeroporto di Minneapolis. Crystal Tadlock, come riferiscono i media Usa, il 18 aprile scorso è atterrata con un volo Delta a Minneapolis. In vista della tratta interna per Denver, dato che non aveva mangiato niente sul volo transatlantico, ha messo in borsa una mela presa dal kit della colazione, pensando di mangiarla sul secondo aereo.

 

Ma siccome Minneapolis era il punto di ingresso negli Stati Uniti, la dogana ha intercettato la mela e l’ha bloccata. L’agente «mi ha chiesto se il volo dalla Francia fosse costoso e io ho detto “sì”. Non capivo perché lo stesse chiedendo, poi mi ha detto: “Sta per diventare molto più costoso perché la multo per 500 dollari”», ha raccontato la donna.

dogana usa dogana usa

 

Inutili le spiegazioni e l’aver mostrato che sulla confezione c’era il logo della compagnia aerea: le dogane americane, come le altre, sono tenute a far rispettare il divieto di importare tutta una serie di cibi, vegetali, etc, considerati a rischio trasmissione malattie. Gli uomini dell’Ispettorato per la salute degli animali e dei vegetali del ministero dell’Agricoltura sono stati inflessibili. «È davvero brutto che uno si ritrovi in una situazione del genere e venga trattato come un criminale per un frutto», ha commentato la sfortunata – e incauta – passeggera.

 

 

Crystal Tadlock Crystal Tadlock

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"MALETTONISMO" - MARCELLO VENEZIANI: “I BENETTON NON HANNO PRODOTTO SOLO MAGLIONI E GESTITO AUTOSTRADE MA SONO STATI LA PRIMA FABBRICA NOSTRANA DELL'IDEOLOGIA GLOBAL E TOSCANI E’ STATO IL LORO PROFETA. SOCIETÀ MULTIRAZZIALE, VIA LE BARRIERE OVUNQUE, ECCETTO AI CASELLI, DOVE SI TRATTA DI PRENDERE PEDAGGI - SI È CEMENTATO UN BLOCCO TRA UN CETO PROGRESSISTA CHE FORNISCE IL CERTIFICATO DI BUONA COSCIENZA A UN CETO AFFARISTICO DI CAPITALISTI MARPIONI. PERÒ ALLE VOLTE INSORGE LA REALTÀ…”

business

cronache

sport

VITA, PALLONE E CAMPIONI NEI RICORDI DI EUGENIO FASCETTI: “IL MIO RAMMARICO PIU' GRANDE? LAZIO-VARESE, STAGIONE 1981-82. IO ALLENAVO IL VARESE E COME DS AVEVO BEPPE MAROTTA. DOPO 20 MINUTI ERAVAMO 2-0 MA PERDEMMO 3-2. NOI ERAVAMO LANCIATI PER LA SERIE A, ACCADDERO COSE STRANE E MI FERMO QUI… - SE CASSANO AVESSE AVUTO LA TESTA DI ANTONIO CONTE SAREBBE STATO MOSTRUOSO - ALLEGRI E’ IL PIU’ BRAVO DI TUTTI - DOPO LA GUERRA, ANCHE NEL PALLONE SERPEGGIAVA UNA DERIVA SOCIALISTA E QUANDO ANDAMMO IN UNGHERIA…"

cafonal