NON C’E’ PIU’ RELIGIONE: ORA SCIPPANO PURE I VIP DI 81 ANNI – AGGREDITA A ROMA DACIA MARAINI DA DUE RAGAZZINI IN MOTORINO. ANCORA SOTTO CHOC E DOLORANTE, DACIA HA PARTECIPATO UGUALMENTE AD UN DIBATTITO PUBBLICO DOVE E' STATA LUNGAMENTE APPLAUDITA

-

Condividi questo articolo

 

Rinaldo Frignani per il ‘Corriere della Sera’

 

Dacia Maraini Dacia Maraini

Uno strattone, una spinta talmente forte da farla cadere sul marciapiede. E poi lo scooter che fugge per le strade di Monteverde con due ragazzini in sella. Uno scippo davanti al teatro Vascello di via Giacinto Carini, una serata di paura per Dacia Maraini che doveva partecipare al dibattito prima che andasse in scena «La lunga vita di Marianna Ucrìa», tratto dal suo omonimo romanzo.

 

MARIANNA UCRIA MARIANNA UCRIA

Provata dalla brutta avventura, ancora sotto choc e dolorante, la scrittrice è stata soccorsa da alcuni passanti che l' hanno accompagnata nel bar interno del teatro. È anche arrivata un' ambulanza, ma Dacia Maraini ha preferito non andare in ospedale: ha voluto comunque partecipare all' incontro con il pubblico e poi si è recata in commissariato per sporgere denuncia. E adesso sull' aggressione a scopo di rapina avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri indaga la polizia, che ha effettuato una vasta battuta alla ricerca dei due sullo scooter.

 

SCIPPO SCIPPO

Uno dei tanti episodi di violenza che si verificano nella Capitale, soprattutto nel tardo pomeriggio ai danni di passanti, spesso donne sole. I banditi, che sono saliti sul marciapiede con il motorino, avevano i caschi aperti: potrebbero essere stati ripresi dalle numerose telecamere di sorveglianza puntate su via Carini, comprese quelle di alcuni esercizi pubblici. La notizia dell' aggressione alla scrittrice, che con quel romanzo ora portato a teatro da Daniela Ardini ha vinto il Campiello 1990, si è diffusa rapidamente fra chi doveva partecipare al dibattito, per poi brindare con l' autrice nel foyer e assistere allo spettacolo.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal