NUOVI GUAI PER GENNY A' CAROGNA: CHIESTI 20 ANNI DI CARCERE PER SPACCIO INTERNAZIONALE - DALL'INCHIESTA CONDOTTA DAL PM ANTICAMORRA DE FALCO, IL CAPO ULTRA’ DEL NAPOLI VIENE DESCRITTO COME UN POTENTISSIMO BOSS CAPACE DI STRINGERE ALLEANZE CON NARCOS DAL SUDAMERICA ALL'EUROPA

-

Condividi questo articolo

Da www.gazzetta.it

HAMSIK E GENNY coppa italia foto di stasi gmt HAMSIK E GENNY coppa italia foto di stasi gmt

 

Ancora guai per Genny a' carogna, il capo ultrà del Napoli protagonista della trattativa dell'Olimpico durante la finale di Coppa Italia Napoli-Fiorentina del 3 maggio 2014 nelle ore successive all'omicidio di Ciro Esposito. Il pm della Procura di Napoli, Francesco De Falco, ha presentato una richiesta di 20 anni di carcere per Giuseppe De Tommaso, noto come Genny 'a carogna, con l'accusa di essere il capo di un cartello di narcos dedito allo spaccio internazionale tra l'Olanda, la Spagna, l'Italia e il Sudamerica.

 

HAMSIK E GENNY A CAROGNA HAMSIK E GENNY A CAROGNA

LA STORIA — Secondo la ricostruzione dell'accusa, frutto di anni di indagini che hanno interessato le polizie di mezza Europa, Genny non era un soldato semplice ma il vero capo indiscusso di un potentissimo cartello di narcos internazionale con base naturalmente a Napoli. Un uomo che per il pm anticamorra De Falco dettava ordini, assoldava eserciti, decideva strategie criminali su vasta scala, spostava uomini e milioni di euro. E capace di stringere alleanza con narcos dal Sudamerica a Ibiza, dall'Olanda alla Francia.

Genny ‘a carogna Genny ‘a carogna Genny ‘a carogna Genny ‘a carogna GENNIADE GENNIADE

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute