UNA PISCIATA NON SI DIMENTICA - LO SCEICCO DEL QATAR, HAMAD BIN KHALIFA AL-THANI, VA A BRINDISI A SALUTARE L’89ENNE TERESA BORSETTI - IL MOTIVO? 21 ANNI FA LA SIGNORA GLI FECE USARE IL BAGNO DI CASA MENTRE AL-THANI CERCAVA DISPERATAMENTE UNA TOILETTE - L’INCONTRO E’ DURATO UN’ORA E MEZZA E LA SIGNORA HA OFFERTO CAFFÈ E “PURCIDDUZZI”

-

Condividi questo articolo

Alessandro Fulloni per il “Corriere della Sera”

 

Teresa Borsetti Teresa Borsetti

Teresa Borsetti, bisnonna di 89 anni, difficilmente avrebbe immaginato di rincontrare, 21 anni dopo, quell' elegante signore arabo che le chiese di poter utilizzare la toilette di casa. La scena all' epoca fu questa: Hamad bin Khalifa al-Thani, sceicco del Qatar e uno dei uomini più ricchi del pianeta - è il fondatore dell' emittente Al Jazeera oltre a essere il proprietario della Qatar Airways - si trovava sul lungomare di Brindisi, dov' era appena sbarcato dal suo panfilo ancorato nel porto per una sosta tecnica.

 

emiro hamad al thani emiro hamad al thani

al-Thani percorse a piedi il viale Regina Margherita come un turista qualunque. La passeggiata si allungò perché lo sceicco aveva bisogno di un bagno. Ma era la controra: bar e ristoranti erano tutti inesorabilmente chiusi.

 

Passo dopo passo il nababbo si ritrovò così tra i vicoli storici delle «Sciabiche», il borgo dei pescatori. Fuori dall' uscio di una porta affacciata su una stretta stradina c' era Teresa, che all' epoca aveva 68 anni. «Ha bisogno di qualcosa?» chiese la donna, madre di dieci figli. «Di una toilette», rispose lo sceicco. «Prego, entri».

 

Quando al-Thani si accomiatò per ringraziarla, promise che sarebbe tornato a trovarla. Non proprio una frase di circostanza. Perché lo sceicco l' altro giorno è davvero ripassato a trovare Nonna Teresa. Ventun anni dopo, al-Thani è sbarcato da un nuovo panfilo, assai più grosso dell' altro. Battezzato «Katara» dopo essere uscito dai cantieri di Brema nel 2010, è lungo 124 metri, il suo valore è praticamente incalcolabile e a bordo, oltre a oro e lusso, ci sono automobili ed elicotteri.

 

Teresa Borsetti Teresa Borsetti

Ad agosto hanno visto il panfilo gettare l'ancora diverse volte davanti alle spiagge del mar Ligure, del Tirreno e dell' Adriatico per una crociera attorno alla Penisola. Durante la sosta a Brindisi, Al Thani ha espresso, con gli «007» della sua vigilanza personale, il desiderio di sapere se quella nonnina così gentile vivesse ancora in quella casetta vicino al porticciolo dei pescatori. E non è escluso che l'arrivo nel porto della provincia salentina fosse finalizzato proprio ad avere notizie della nonnina.

 

La scorta ha così raggiunto le «Sciabiche» e bussando a ogni porta - forse anche dopo discreti contatti con il Comune e l'Autorità portuale - ha finalmente ritrovato Teresa. Per nulla cambiata rispetto a 21 anni prima: minuta, occhi visti, l'aria allegra.

Quando, all' indomani, lo sceicco - nel cui portafoglio c'è un po' di tutto: dai grandi magazzini Harrods alla squadra di calcio del Paris Saint Germain per finire con l' hotel Gallia di Milano - è andato a casa dell' anziana per rivederla, ad attenderlo c'era una specie di comitato di ricevimento composto dai dieci figli e una trentina di nipoti e pronipoti.

Al Mayassa bin Hamad bin Khalifa Al Thani con il padre Al Mayassa bin Hamad bin Khalifa Al Thani con il padre

 

L'incontro è durato assai: oltre un' ora e mezza, racconta in un dettagliato resoconto il Nuovo quotidiano di Puglia. Teresa ha offerto caffè e purcidduzzi, le frittelle pugliesi ricoperte di miele. Si sa poco di quel che sia stato detto davanti a tazzine e dolci, anche perché le regole della security sono state tassative: niente video e niente foto.

Ma al-Thani avrebbe raccontato a Teresa - è l' unica testimonianza diretta che viene da uno dei figli della donna - di essere stato colpito dalla gentilezza mostrata allora. «Lei ha aperto la casa a uno sconosciuto che aveva bisogno: un gesto di grande cortesia che non ho dimenticato» avrebbe detto commosso.

 

Mica è finita: a nonna Teresa lo sceicco ha lasciato un regalo - che resta top secret, impossibile sapere di cosa si tratti - e soprattutto un invito: «Mi venga a trovare a fine anno con tutta la sua famiglia». E ha già pagato i biglietti aerei.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute