PISCINA A LUCI ROSSE - A TREVISO FOTO E VIDEO HARD TRA UNA NUOTATRICE DI 15 ANNI E L’ALLENATORE 40ENNE: L’UOMO ORA E’ INDAGATO PER RAPPORTI SESSUALI CON UNA MINORENNE - LA DENUNCIA E’ SCATTATA DOPO CHE I GENITORI HANNO SCOPERTO GLI SCATTI DELLA FIGLIA NUDA E DI LUI MENTRE SI MASTURBAVA 

-

Condividi questo articolo

Da Veneziatoday.it

 

nuoto nuoto

Un rapporto tra nuotatrice e allenatore tenuto nascosto, probabilmente per diversi mesi. E un fitto scambio di immagini e filmati a contenuto sessuale: lei nuda, lui che mostra i genitali o mentre si masturba. È quanto starebbe emergendo da un'indagine avviata qualche tempo fa in seguito alla denuncia presentata dai genitori della ragazza, una 15enne trevigiana che si allena in una piscina in provincia di Venezia. Lo riporta La Nuova Venezia.

 

SESSO SESSO

La mamma e il papà della ragazza avrebbero iniziato a insospettirsi nel maggio scorso dopo che lei, per diverse volte, si era rifiutata di andare all'allenamento, dicendo di avere mal di pancia. Le prime "indagini" le hanno fatte per conto proprio, controllando nel cellulare della figlia. E lì avrebbero trovato i vari contenuti hot, tutti all'interno di una chat tra la 15enne e il suo allenatore, veneziano 40enne. Si parla di centinaia di file, tra video e fotografie, scambiati via WhatsApp e Telegram. A quel punto i genitori hanno deciso di sporgere querela alla procura di Venezia, che ha avviato gli accertamenti del caso.

 

polizia polizia

Il sospetto è che tra i due non vi sia stato solo sesso virtuale, ma che siano andati oltre. Fatto che costituisce reato, anche se i rapporti sono stati consenzienti, visto che la ragazza ha meno di 16 anni. Alcuni dei contenuti trovati nello smartphone parlano chiaro: ci sarebbe una foto di lui sorridente che mostra un test di gravidanza negativo, e poi una chat tra la ragazza e un'amica in cui lei manifesta il timore di essere incinta. Tutto il materiale è stato acquisito dagli inquirenti, che li stanno analizzando e che hanno già sentito la 15enne. La vicenda potrebbe essersi protratta per oltre un anno.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal