PIZZARDONI FANCAZZISTI – “FURBETTO” IL 12% DEI VIGILI URBANI DI ROMA: CON IL CERTIFICATO MEDICO METTONO LA PALETTA NEL CASSETTO E VANNO DIETRO LA SCRIVANIA – IL CASO DEL CAPODANNO 2014: IN 767 NON SI PRESENTARONO AL LAVORO, MA SOLO UNO E’ FINITO SOTTO PROCESSO

Condividi questo articolo

 

Flaminia Savelli per “la Repubblica”

 

VIGILI URBANI VIGILI URBANI

Non solo i netturbini di Palermo, il personale sanitario della Calabria, gli operai del Comune di Como o gli infermieri di Pescara. Nell' Italia degli imboscati ci sono anche i vigili urbani di Roma. Sono 700 su 5.800 gli uomini e le donne della polizia locale che hanno presentato al comando un regolare certificato di "inabilità". Pari al 12%. Uno ogni sette. Tutto personale spostato dalle strade della capitale perennemente ingolfate di traffico, agli uffici e nei settori amministrativi.

 

Perché con il "via" del medico, non sono ritenuti idonei a svolgere il servizio di pattuglia, ai posti di blocco o agli incroci. Risultato? Strade sguarnite di agenti e uffici per la compilazione di moduli e certificazioni al completo. Anche in questo caso, non c' è nessuna anomalia: le norme prevedono la dichiarazione di inabilità e quindi il trasferimento di mansione.

VIGILI URBANI VIGILI URBANI

 

Ma il fenomeno solleva più di un interrogativo, anche se per i sindacati di settore è tutto regolare. «L' età media del corpo della polizia Municipale è di 53 anni» spiega Stefano Giannini del Sulpl «per questo molti certificati sono richiesti per ernie del disco e malattie cardio-circolatorie. I controlli medici sono disposti dallo stesso Comune e solo attraverso il personale competente. Non c' è possibilità né di eluderli né di alterarli in alcun modo. Rispetto alla media nazionale il numero è comunque contenuto». In effetti Roma, tra le altre grandi città italiane, non è in cima alla classifica dei pizzardoni dichiarati inabili al servizio in strada.

VIGILI URBANI VIGILI URBANI

 

Ma una spiegazione c' è : il Campidoglio non accorda straordinari agli agenti in servizio negli uffici. Vengono riconosciuti solo al personale di pattuglia: in pratica, senza paletta e fischietto, lo stipendio resta quello base.

 

Eppure il dato capitolino resta significativo. Soprattutto guardando indietro a un passato neanche troppo lontano, alla notte di Capodanno del 2014. Quel giorno, presentando certificati medici più o meno veritieri e inviando giustificazioni last minute all' amministrazione capitolina, l' 83,5 per cento dei caschi bianchi si autocongedò dal servizio: 767 vigili si diedero malati. Ne erano previsti 900 quella notte. Così la macchina dei festeggiamenti allestita dal Campidoglio andò in tillt: i caschi bianchi avrebbero dovuto sorvegliare i Fori Imperiali, cinturare la maxi- arena del concertone al Circo Massimo e gestire il traffico della notte più congestionata dell' anno. Nulla di tutto ciò.

vigili fanno assemblea vigili fanno assemblea

 

Il caso dei pizzardoni fantasma sollevò una feroce polemica. E poi arrivò l' inchiesta: secondo le carte, il 97% di quei certificati erano regolari. Così vennero rintracciati pure i 22 medici che firmarono quei permessi. Tutti rinviati a giudizio e accusati di aver compilato certificati irregolari, consentendo ai caschi bianchi di saltare il turno di lavoro a San Silvestro.

 

VIGILI URBANI ROMA VIGILI URBANI ROMA

L' inchiesta è ancora aperta ma, a oggi, soltanto un vigile urbano è finito a processo con le accuse di falso e di violazione dell' articolo 55 della legge Brunetta: per non prestare servizio la notte di San Silvestro aveva deciso di donare il sangue. Tutti regolari invece risultano quelli rilasciati per l' inabilità a Roma nel 2016: «Non c' è da scandalizzarsi - conclude Giannini - il numero delle richieste anzi è destinato a crescere perché, senza un nuovo organico, non ci sarà ricambio. Noi chiediamo sempre controlli maggiori. Perché c' è sempre il rischio che qualcuno possa approfittarne».

 

Condividi questo articolo

media e tv

LA TINTA GLI HA DATO ALLA TESTA! - AI PALINSESTI UN MARIO ORFEO STILE STEVE JOBS DIFENDE L’INDIFENDIBILE FAZIO (VIDEO), ATTACCA MENTANA (‘PICCOLI TG CHE CREDONO DI ESSERE GRANDI’) E LIQUIDA GILETTI: ‘LA PARODI È GIORNALISTA DA PIÙ TEMPO DI LUI’ - TUTTI I TWEET! ‘DIRETTORI DI RETE COME VALLETTE SEMI-MUTE, RENZI STYLE’ - ‘LA BIGNARDI PERDE FAZIO, GABANELLI, SEMPRINI E GAZEBO. E DICE ‘ANNO POSITIVO’ - ‘APPLAUSI A SCENA APERTA SOLO PER LA QUEEN LEOSINI’ - INSINNA? NON MENZIONATO

politica

business

cronache

sport

cafonal