QUAL E’ IL COLMO PER UN EX PRETE? SPOSARSI IN CHIESA! - E' LA STORIA DI GIANCARLO SECCHI, 47 ANNI, CHE SI È UNITO IN MATRIMONIO CON UNA SUA VECCHIA AMICA DI DIECI ANNI PIU’ GRANDE - NOVE ANNI FA L’UOMO AVEVA ANNUNCIATO DAL PULPITO L’ADDIO ALL’ABITO TALARE: “RESTO INNAMORATO DI DIO MA ORA VOGLIO METTERMI IN GIOCO E INIZIARE UNA VITA NUOVA”

-

Condividi questo articolo

Da http://settegiorni.it

 

EX PRETE SI SPOSA

L’ex sacerdote Giancarlo Secchi e la sua compagna, ora moglie, Bruna Sala sono convolati a nozze il 28 ottobre scorso a Malgrate, in provincia di Lecco. Come riportato da Settegiorni in edicola venerdì primo dicembre, a celebrare il loro matrimonio è stato don Andrea Lotterio, responsabile di Secchi ai tempi del seminario.

 

LA STORIA

EX PRETE GIANCARLO SECCHI SI SPOSA IN CHIESA EX PRETE GIANCARLO SECCHI SI SPOSA IN CHIESA

Tutto era iniziato nel 2013 quando, l’allora sacerdote Giancarlo Secchi, originario Mariano Comense e sacerdote a Cornaredo per nove anni e poi a Gorgonzola, aveva annunciato dal pulpito la decisione di lasciare l’abito talare. “Sono tranquillo, sereno e soprattutto mi sento libero” aveva commentato. “Resto innamorato di Dio e della Chiesa ma ora voglio mettermi in gioco e iniziare una vita nuova. Ho il desiderio di creare una famiglia e vivo questa scelta come qualcosa di bellissimo”.

 

LA COPPIA

Una amore, quello tra i due novelli sposi che ha radici profonde. Non solo ma una affinità grande quella tra marito e moglie. Entrambi infatti lavorano con i ragazzi. Fanno gli insegnanti. Secchi in particolare lavora in una scuola media della provincia di Lecco.

 

CHI È LA MOGLIE

Giancarlo, 47 anni, ha sposato la sua vecchia amica Bruna Sala. Lei, 57 anni, è una insegnante di Cornaredo. Quando il sacerdote aveva annunciato la sua scelta, le malelingue l’avevano accusata di essergli stata troppo vicina. Ma lei aveva smentito categoricamente: “La sua scelta non c’entra nulla con la mia persona. Per me lui è solo un fratello”aveva dichiarato in un’intervista rilasciata nel 2013 a Settegiorni.

 

I PETTEGOLEZZI

A proposito, poi, delle voci che giravano in paese aveva aggiunto: “Non mi stupisce che qualcuno possa aver fatto delle chiacchiere sul mio conto. Eravamo molto amici e, proprio perché l’affetto tra noi non aveva nulla di illecito, non abbiamo mai pensato di nasconderlo”.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal