QUEL DIAVOLO DI PAGANINI – JIMI HENDRIX CERCAVA DI IMITARE IL GRANDE VIOLINISTA. MA GLI ECCESSI DEL CHITARRISTA ERANO CANONICI PER UN ROCKER DEGLI ANNI ’60, NON ERA UN VERO SELVAGGIO DEL ROCK – PAGANINI INVECE SÌ: A VENEZIA FU VISTO PIÙ VOLTE SUONARE AL BUIO TRA LE TOMBE E IN PUNTO DI MORTE FU MALEDETTO DAL VESCOVO DI NIZZA

-

Condividi questo articolo

Paolo Madeddu per il “Corriere della Sera”

 

hendrix hendrix

«Paganini? Ah sì, il più grande violinista di sempre. Oh, è davvero un bel complimento». Già nel 1968 Hendrix commentava il paragone col violinista. Sul piano del virtuosismo ci può stare, ma forse in quanto a divismo la vera star era il genovese.

 

Gli eccessi del chitarrista rientrano tra quelli di un rocker anni 60: il suo nome non è mai nelle liste dei selvaggi del rock. Distrusse delle auto, ma perché si vergognava di portare gli occhiali. Fu fermato dalla polizia due volte: una perché non reggeva l' alcol e stava dando di matto in un hotel della quieta Göteborg. L' altra in Canada in un' imboscata della polizia: dopo 4 ore e un controllo tossicologico fu rilasciato. Non era certo estraneo alle sostanze illecite, ma in fondo fu un lecitissimo medicinale a ucciderlo, un sonnifero in dose da mammut.

 

JIMI HENDRIX 3 JIMI HENDRIX 3

Per Paganini il medicinale preferito era l' oppio, consigliato dai medici, che avevano fatto scempio di un fisico già minato. Anche lui fu arrestato, ma per «ratto e seduzione di minore». Dopo qualche giorno di prigionia risarcì il padre della vittima. Spendeva cifre enormi in donne e gioco d' azzardo: «Appena ho potuto, ho iniziato a godermi la vita», ammise impenitente.

 

Paganini Paganini

Hendrix non imita Paganini in uno dei cliché di molte rockstar: quello diabolico. Certe voci forse erano esagerate, ma a Venezia fu visto più volte suonare al buio tra le tombe, e il suo pezzo forte si chiamava Le streghe. In punto di morte fu maledetto dal vescovo di Nizza, che gli negò funerale e sepoltura in cimitero. «Mi rincresce che ovunque si propaghi l' opinione ch' io abbia il Diavolo addosso», disse.

 

Però il poeta tedesco Henrich Heine testimonia: «Sul palco apparve una figura scura che pareva sorta dall' inferno. Mentre suonava il suo strumento le lunghe braccia quasi toccavano terra mentre sciorinava al pubblico i suoi inchini incredibili. Un vampiro col violino, o un morto uscito dalla tomba».

 

PAGANINI PAGANINI

In effetti, da bambino fu dato per morto dopo un morbillo violentissimo; prima della sepoltura, nel sudario ebbe un piccolo sussulto che lo salvò. E forse a causa della sindrome di Marfan suonava in pose abnormi, col violino tenuto in basso, staccato dal corpo, le dita piegate innaturalmente come prive di ossa.

 

In comune i due hanno avuto il furore dell' esecuzione, il rapporto voluttuoso con lo strumento, la voglia di stupire. Paganini non suonava coi denti né bruciò il violino (figurarsi, il cannone Guarneri) ma ne spezzava le corde per scatenarsi in melodie complesse su una sola. A volte con due dita intonava una melodia e con le altre la accompagnava, dando la sensazione di un trio d' archi.

JIMI HENDRIX JIMI HENDRIX

 

Spesso l' orchestra si fermava per applaudire. Hendrix richiamava il pubblico e fu il più pagato a Woodstock (dove intimidito dalla folla, volle suonare il lunedì mattina davanti ai pochi rimasti) ma per alcuni suoi colleghi il cachet era maggiore (Bob Dylan all' Isola di Wight prese il triplo).

 

PAGANINI PAGANINI

Paganini non aveva rivali: a 20 anni prendeva 200 lire a sera. Un musicista medio ne prendeva 15. Altra affinità, l' ascendente sulle donne. Nel caso di Hendrix, funzionava soprattutto con le bianche. Non era amato dagli afroamericani, le radio di black music non lo suonavano. «Dicono che faccio musica da bianchi con i bianchi e per i bianchi», diceva. In ogni caso, pare che Paganini come seduttore gli fosse superiore.

 

Mary Shelley spiegava: «Sentirlo mi provoca isteria pura, una delizia in modalità che non so esprimere». Lui cercava di deliziarle anche di persona. Hendrix per contro manteneva un certo rispetto: si arrabbiò molto quando la sua etichetta mise delle donne nude sulla copertina di un suo disco. Più che Hendrix, di fatto, la Paganinimania anticipa i deliri per Elvis e Beatles.

 

jimi hendrix jimi hendrix

Dopo il suo passaggio nelle capitali europee si vendevano cappelli, scarpe alla Paganini. A Vienna, persino bistecche alla Paganini. Così il critico Ludwig Rellstab descrisse un concerto del 1829 a Berlino: «Le signore si sporsero dalla galleria, gli uomini montarono sulle sedie per vederlo e invocarlo. Non ho mai visto i berlinesi comportarsi così».

 

A quasi 50 anni dalla morte di Hendrix continuano a uscire sue registrazioni. Al contrario, molte composizioni di Paganini ci sono ignote. Quelle cui teneva di più non le trascrisse per evitare che altri le eseguissero. E con ciò possiamo stabilire chi sia stato più rockstar.

Hendrix sul fianco by Loic Hendrix sul fianco by Loic Benjami e Jimi jpeg Benjami e Jimi jpeg Andre Benjamin in All is By My Side Andre Benjamin in All is By My Side JIMI HENDRIX GIOVANE JIMI HENDRIX GIOVANE jimi Hendrix e Lauren Bacall jimi Hendrix e Lauren Bacall

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute