"AIUTO, C'È UN COCCODRILLO"! A FIUMICINO LA CACCIA AL PRESUNTO ALLIGATORE TRA IRONIA (“IL CALDO FA MALE”) E PAURA - GLI AGRICOLTORI: "NESSUNO VUOLE FARE IL TURNO DI NOTTE" - IL SINDACO ESTERINO MONTINO NON ESCLUDE CHE “QUALCHE DELINQUENTE ABBIA LIBERATO UN RETTILE ANFIBIO, DETENUTO ILLEGALMENTE” – E IN UN RISTORANTE ARRIVA IL 'PIZZADRILLO', LA PIZZA A FORMA DI COCCODRILLO

-

Condividi questo articolo

Maria Corbi per la Stampa

 

COCCODRILLO PRESUNTO - FIUMICINO COCCODRILLO PRESUNTO - FIUMICINO

S ul litorale romano non si aggira un immaginario «Sarchiapone», ma un animale reale, coccodrillo o alligatore che sia, avvistato da più persone che adesso sono anche abbastanza seccate di passare per visionarie. Come Cecilia Corlini che per prima ha dato l' allarme e che adesso sbuffa quando cerchi di capire: «Ho 43 anni, faccio l' assicuratrice so quello che ho visto».

 

Il primo avvistamento Inizia così una conversazione che potrebbe sembrare surreale. «Io abito a pochi passi dal canale che attraversa Maccarese e sabato mattina quando sono uscita in giardino ho visto quella cosa sulla riva. Così ho detto ad alta voce: «Oddio un coccodrillo!» e lui deve essersi spaventato perché si è subito immerso nell' acqua. Allora con il cellulare l' ho seguito mentre nuotava controcorrente e ho scattato la fotografia della sagoma sott' acqua». D' altronde Cecilia non è stata l' unica ad avvistare l' animale.

 

COCCODRILLO CANALE FIUMICINO COCCODRILLO CANALE FIUMICINO

L' allarme L' allarme è stato dato anche da alcuni stranieri finiti con l' auto nel canale di Campo Salino dopo aver cercato di evitare «un grosso animale con la coda lunga». Il 3 luglio scorso invece l' autista di un camion per trasporto del latte ha detto di avere visto sulla strada «un varano o alligatore, poteva essere qualsiasi cosa... ma di certo era molto grosso». Un mese e mezzo fa un venditore ambulante aveva detto di avere visto un animale sul bordo del canale, «in piedi sulle zampe posteriori, come un varano».

 

Cresce la psicosi E se qualcuno all' inizio ha detto «il caldo fa male» adesso le segnalazioni sono prese molto sul serio tanto che il nucleo speciale dei carabinieri Cites è da due giorni alla ricerca del rettile lungo il canale che scorre parallelo a via Campo Salino.

 

Intanto cresce la psicosi e lungo il canale c' è il deserto. Ma anche negli stabilimenti balneari di Maccarese e Fregene ci sono mamme preoccupate che si interrogano sulla capacità del coccodrillo di arrivare in mare. Paola Annibaldi che passeggia sulla battigia nella zona sud di Fregene chiede: «Ma un coccodrillo dovrà mangiare no? Non sono stati trovati animali morti?».

 

Ottima domanda a cui gli esperti che hanno dato inizio alla «caccia grossa» tentano di dare una risposta setacciando il lungo canale e la campagna circostante. Giulia e Bea che lavorano allo stabilimento Capri sorridono e sbuffano. «Ma no che non siamo preoccupate», dicono cercando di tranquillizzare se stesse e soprattutto i clienti.

 

IL COCCODRILLO DI MACCARESE IL COCCODRILLO DI MACCARESE

L' invito alla calma Il sindaco di Fiumicino Esterino Montino, cresciuto a Maccarese invita alla calma e fa sapere che «sono stati allertati anche i carabinieri della forestale». Ma non può escludere certo che «qualche delinquente abbia liberato un rettile anfibio, detenuto illegalmente». Poi c' è la moglie del sindaco, Monica Cirinnà, senatrice e paladina dei diritti degli animali che spiega come sia difficile pensare che si tratti un coccodrillo: «Questi animali vivono molto fuori dall' acqua e quando si spostano lasciano tracce evidenti non solo con le zampe ma anche con la coda e non sono state ancora trovate. Quindi quelle ombre possono essere di qualche altro animale, magari un pesce siluro. Certo può esserci stato anche un matto che ha liberato un animale nel canale, ma mi sento di escludere che sia un coccodrillo».

 

Il marketing Se la California ha lo squalo, Fregene ha il Coccodrillo e così alla paura si intreccia l' ironia ma anche il merchandising. Si moltiplicano le magliette con il misterioso ospite anfibio e al ristorante Luna Rossa dei fratelli Bortolani si mangia il «Pizzadrillo», una pizza a forma di coccodrillo ricoperta da «squame» di zucchine. Compaiono anche cartelli stradali con la scritta. «attraversamento di coccodrilli».

 

Ma la preoccupazione esiste, anche tra i dipendenti della Maccarese spa, l' azienda agricola che fa capo ai Benetton e che lunedì piangeva la scomparsa del suo presidente, Carlo Benetton. «Si fa fatica a trovare volontari per i turni notturni», ha ammesso il direttore generale Claudio Destro. Le ricerche si concentrano adesso soprattutto a Borgo San Giorgio, dove è stata scattata la foto della lunga e inquietante sagoma che nuota sott' acqua.

 

IL COCCODRILLO DI MACCARESE IL COCCODRILLO DI MACCARESE

«Basta co 'sta storia», dicono al Ristorante Punta Rossa di Maccarese. Perché il pericolo vero non è tanto il coccodrillo, quanto la «scomparsa» dei clienti in piena stagione.Altro che Sarchiapone.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

CAIRO, L'EX MARITO DEI SOGNI - SUL ''CORRIERE'' UNA PAGINATA IN GLORIA DEL LIBRO DI ANNA CATALDI, CHE NON SOLO PORTÒ A HOLLYWOOD ''LA MIA AFRICA'', MA È STATA ANCHE SPOSATA CON L'EDITORE DEL QUOTIDIANO - LEGGIAMO CHE ''NON È SOLTANTO IL ROMANZO DI UNA GRANDE INTUIZIONE E DELLA CAPARBIETÀ CON CUI È STATA CONDOTTA A BUON FINE (SALVO SUL PIANO FINANZIARIO), MA ANCHE UN SAPORITO VIAGGIO TRA GLI INGRANAGGI DELLO STAR SYSTEM''. NOTARE L'INCISO ''SALVO SUL PIANO FINANZIARIO'' CHE PER UNA PRODUTTRICE…

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - CHE FIGURA BARBINA HA FATTO ELIZABETH WARREN, LA SENATRICE ''POCAHONTAS'' CHE VOLEVA INFILZARE TRUMP E FINÌ INFILZATA DA UN TEST DEL DNA CHE HA RIVELATO LA SUA FARLOCCA APPARTENENZA ALLA TRIBÙ DEI CHEROKEE (1%), CON I CAPI INDIANI CHE PRENDONO UFFICIALMENTE LE DISTANZE - ORA TUTTA LA SUA CARRIERA, AIUTATA DALL'ESSERE UNA SEDICENTE ''DONNA DI COLORE'' VIENE MESSA IN DISCUSSIONE. COME DA NOI CERTI FALSI INVALIDI. UNA FINE INGLORIOSA PER UNA CHE PUNTAVA ALLA NOMINATION NEL 2020

business

cronache

sport

JUVE, L’AFFARE S’INGROSSA - “IL NAPOLISTA” TIRA FUORI LE INTERCETTAZIONI DI MAROTTA, NELL’AMBITO DELL’INCHIESTA SULLE INFILTRAZIONI CRIMINALI NELLA CURVA DELLA JUVENTUS - EMERGONO LE PRESSIONI DELL'EX DIRIGENTE SU “REPUBBLICA” (“LÌ C’È IL ‘NOSTRO’ DIRETTORE…”) E “GAZZETTA DELLO SPORT” (“SE ESCE QUELL’ARTICOLO, MI COMPORTERÒ DI CONSEGUENZA…”. E INFATTI POI L’ARTICOLO DIVENTA UN TRAFILETTO) - ZILIANI: “A 12 ANNI DA CALCIOPOLI ABBIAMO UN GIORNALE, LA 'GAZZETTA', CHE DECIDE AL TELEFONO CON I DIRIGENTI DELLA JUVENTUS COSA SCRIVERE E COSA NO SU TEMI SCABROSISSIMI E..."

cafonal

viaggi

salute