"HO PASSATO TRE ANNI SENZA SESSO PER SPOSARE MIA MOGLIE" - ALESSANDRO GRECO RACCONTA IL SUO PERCORSO DI FEDE E GLI OSTACOLI PER PORTARE ALL’ALTARE LA SUA BEATRICE: “VENIVA DA UN PRECEDENTE MATRIMONIO E ASPETTAVAMO L’ANNULLAMENTO. POI C’E’ STATO UN VIAGGIO A MEDJUGORJE E UN FRATE CI DISSE…”

-

Condividi questo articolo

ALESSANDRO GRECO E BEATRICE BOCCI ALESSANDRO GRECO E BEATRICE BOCCI

Luca Romano per www.ilgiornale.it

 

Alessandro Greco ha sempre creduto nel valore del matrimonio. Al punto di accettare tre anni di totale cacstità per poter sposare la sua attuale moglie, Beatrice. Quella del conduttore è davvero una storia che fa riflettere e che unisce amore e fede. Infatti Beatrice per di fatto per sposare suo marito ha dovuto attendere ben 16 anni per ottenere l'annullamento del precedente matrimonio.

 

E adesso Alessandro Greco, in un'intervista a Diva e Donna ha deciso di raccontare tutto: "Il mio rapporto con Beatrice è stato speciale fin dall’inizio. Un dono di Dio. Mia moglie veniva da un precedente matrimonio con uno che si chiamava Alessandro Greco come me". Poi parla di tutte le difficoltà che la coppia ha dovuto affrontare: "Una procedura di annullamento del primo matrimonio molto sofferta, con impedimenti pazzeschi e risposte negative. Tant'è che ci siamo sposati civilmente nel 2008".

 

ALESSANDRO GRECO E BEATRICE BOCCI ALESSANDRO GRECO E BEATRICE BOCCI

Ma in mezzo c'è stato un percorso di fede che i due hanno deciso di seguire dopo un viaggio a Medjugorje proprio per raggiungere l'obiettivo del matrimonio: "Un frate che ci dice: ''Avete questo vostro desiderio viscerale? Dimostratelo a Dio in qualche modo". Abbiamo scelto la castità assoluta, io e Beatrice. Tre anni, fino a quando Dio si è manifestato a noi in tutta la sua bellezza con l'arrivo dell'annullamento". Adesso i due vivono felicemente il loro matrimonio. Nozze nate da un cammino sofferto ma riempito da un'unione che il tempo non è riuscito a spezzare.

ALESSANDRO GRECO E BEATRICE BOCCI ALESSANDRO GRECO E BEATRICE BOCCI BEATRICE BOCCI E ALESSANDRO GRECO BEATRICE BOCCI E ALESSANDRO GRECO

 

Condividi questo articolo

media e tv

LO SCRITTORE CON LA PISTOLA – LO SFOLGORANTE NUOVO ROMANZO DI AURELIO PICCA SU ROMA DOVE ‘’I CRIMINALI E GLI ARTISTI SONO UNA COSA SOLA. FEROCI, SPIETATI, NUDI, ESTREMI, SENZA PAURA PRONTI A MORIRE PER CERCARE L’ASSOLUTO” - “ADESSO ROMA È PIENA DI CRIMINALI IN PANTOFOLE, INCIVILITI; TIPI CHE, SE DEVONO FARE IL LAVORO SPORCO, LO FANNO FARE ADDIRITTURA AI POLITICI. SONO IDENTICI AI PRETI PEDOFILI. INVECE I CRIMINALI E GLI ARTISTI DI QUELLA ROMA, ERANO PAGANI E CRISTIANI INSIEME. UCCIDEVANO PERCHÉ CONTRO IL MONDO’’

politica

business

cronache

sport

cafonal