L’ORO (IN) NERO – IL CONTRABBANDO DI CARBURANTE VALE UN TERZO DELLE VENDITE IN ITALIA: STASERA IN ONDA L’INCHIESTA ESCLUSIVA DI “REPORT” CHE SVELA COME IL PETROLIO DELL’ISIS ARRIVA NEL NOSTRO PAESE – I BROKER IMPORTANO CARICHI FUORILEGGE GRAZIE AD ACCORDI CON FAZIONI ARMATE IN LIBIA E SIRIA – LE POMPE BIANCHE, LA MAFIA E LA LIBERALIZZAZIONE DEL GOVERNO MONTI: L’ANTICIPAZIONE VIDEO

-

Condividi questo articolo

L'INCHIESTA DI REPORT SUL CONTRABBANDO DI PETROLIO

 

Estratto dell’articolo di Nicola Borzi per “il Fatto Quotidiano”

 

l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 7 l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 7

L' Italia è invasa da uno tsunami di carburante di contrabbando che vale un terzo delle vendite e mette fuori mercato le aziende della distribuzione che rispettano la legge. Grazie alla sistematica evasione di imposte e accise che costa allo Stato 6 miliardi, attraverso "cartiere" di fatture false e società intestate a prestanome che vendono alle cosiddette "pompe bianche" che non fanno capo alle filiere commerciali integrate, la criminalità organizzata e la mafia hanno usato la liberalizzazione varata dal governo Monti per inondare di benzina e gasolio "in nero" la rete.

l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 6 l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 6

 

Ma il contrabbando rifornisce anche grandi industrie della raffinazione sia estere che italiane. Il giro è in mano a broker senza scrupoli che importano carichi fuorilegge grazie ad accordi con fazioni armate in Libia o con l' Isis in Siria. Lo racconta l' inchiesta esclusiva "Nero come il petrolio" firmata da Giorgio Mottola per Report che andrà in onda stasera alle 21.15 su Rai3.

 

l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 5 l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 5

Un broker italiano che ha fatto affari in Siria con l' Isis ha raccontato a Report come ha aggirato l' embargo pagando il greggio con denaro, medicinali e armi, contrabbandandolo in Turchia su colonne di autobotti. Othman Muhammad, giornalista di Al Araby ed ex collaboratore del Washington Post, ha confermato a Mottola che anche società europee hanno acquistato petrolio dall' Isis.

l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 4 l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 4

 

Una polizza di imbarco recuperata da Report mostra un carico di 80mila tonnellate partite il 5 giugno 2015 dal porto di Ceyhan in Turchia per Augusta in Sicilia attraverso una nave sospettata di trasbordi in alto mare. Quando Othman pubblica le sue notizie la Saras, società petrolifera quotata alla Borsa di Milano che fa capo alla famiglia Moratti, con un comunicato smentisce qualsiasi collegamento con petrolio acquistato dall' Isis.

 

(…)

 

l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 3 l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 3

Un' altra rotta del contrabbando parte dalla Libia, dove una milizia armata vende petrolio a due broker maltesi, i cugini Debono, che lo trasbordano in alto mare dotandolo di certificati di origine offerti da autorità maltesi e lo portano in Sicilia, dove sono in contatto con Nicola Orazio Romeo, considerato referente della mafia stragista, e con Marco Porta, manager della Maxcom Bunker, società che fa capo al gruppo Jacorossi in affari con le aziende dei trasporti di Milano, Venezia e Torino e con la Marina militare italiana.

l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 2 l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 2

 

Secondo Francesco Ruis, Colonnello della Guardia di Finanza di Catania che ha indagato su queste vicende, Cosa Nostra "è attratta da un business che dà grossi profitti e i cui rischi sanzionatori sono bassi". Ma i carburanti di contrabbando che hanno preso piede nel Triveneto partono da Slovenia e Croazia e via autobotte arrivano sino a Roma, da dove sono poi smerciati in tutto il centro Italia.

l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 1 l'inchiesta di report sul contrabbando di petrolio 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SANTA MARIA...GODETTI – “REPUBBLICA” CANDIDA UFFICIALMENTE PAMELA ANDERSON A LEADER DELL’OPPOSIZIONE IN UN’INTERVISTA CHE LA DIPINGE COME UNA SANTA MARIA GORETTI IMPEGNATA A LOTTARE CONTRO GLI “ABUSI DELL’ECONOMIA GLOBALE” – SOLO FRANCESCO MERLO CON LA ARCURI NEL 2011 RIUSCÌ A FARE DI MEGLIO: VI RICORDATE LA SANTIFICAZIONE CULT DI MANUELONA, CHE FU DEFINITA “LA NOSTRA PICCOLA ANNA MAGNANI” PER AVER DETTO NO A BERLUSCONI IN CAMBIO DI SANREMO? POI SI SCOPRÌ CHE...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute