SAUDITA NEL NASO – GUARDATE COME IL “FINANCIAL TIMES” È COSTRETTO A CENSURARSI PER VENDERE NEL MERCATO ARABO – LE IMMAGINI PROVENGONO DALLO STESSO NUMERO DEL QUOTIDIANO, QUELLO DEL 2 GENNAIO. AL CENTRO DELLA PAGINA CAMPEGGIA UN CAPOLAVORO DI TINTORETTO, MA NELL'EDIZIONE DESTINATA ALL'ARABIA SAUDITA…

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

arianna, venere e bacco di tintoretto arianna, venere e bacco di tintoretto

Vi ricordate delle statue coperte ai musei capitolini di Roma per la visita del presidente iraniano Rohani? Il vizietto dell’Occidente di censurare la propria storia e le proprie tradizioni per non offendere i sentimenti degli amici islamici non passa mai di moda. L’ultima occasione per parlarne, in tempi in cui si discute di donne allo stadio da sole per la Supercoppa e di divorzio all’insaputa delle mogli, ce la offre il prestigioso quotidiano finanziario “Financial Times”.

 

la pagina del financial times censurata la pagina del financial times censurata

Guardate queste immagini: sono della stessa edizione del giornale, quella del 2 gennaio, e provengono dallo stesso articolo che parla della “grande arte da tenere d’occhio nel 2019”. Al centro campeggia il capolavoro di Tintoretto “Arianna, Venere e Bacco”, che sarà protagonista di una mostra alla National Gallery di Washington. Peccato che nell’edizione destinata all’Arabia Saudita l’autorevole redazione si sia sentita in dovere di censurare le nudità con degli orribili rettangolini. Cosa si fa, pur di compiacere i ricchi arabi…

la pagina del financial times censurata la pagina del financial times censurata

la pagina del financial times non censurata la pagina del financial times non censurata STATUE COPERTE AI MUSEI CAPITOLINI PER LA VISITA DI ROHANI STATUE COPERTE AI MUSEI CAPITOLINI PER LA VISITA DI ROHANI STATUE COPERTE AI MUSEI CAPITOLINI PER LA VISITA DI ROHANI STATUE COPERTE AI MUSEI CAPITOLINI PER LA VISITA DI ROHANI STATUE COPERTE AI MUSEI CAPITOLINI PER LA VISITA DI ROHANI STATUE COPERTE AI MUSEI CAPITOLINI PER LA VISITA DI ROHANI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

ALBA DI FUOCO: “COLLOVATI HA DETTO UNA CAGATA PAZZESCA. MA IL SUO PENSIERO È QUELLO DEL 90% DEGLI UOMINI ITALIANI - IO HO APERTO ALLE DONNE LE PORTE DEL CALCIO PERCHÉ ERO LA PIÙ BRAVA A TRATTARE CON IL MONDO MASCHILE CHE E’ UN MONDO DA BAR SPORT. VORREI TORNARE NEL MONDO DEL CALCIO IN TV. È PIENO DI PIPPE CHE PARLANO DI CALCIO, CON DEI FISICI INADEGUATI" – E POI IL FIGLIO PSICO-JUVENTINO, LO SGABELLO DI GALAGOAL E WANDA NARA (“IL SUO PECCATO È LA VANITÀ”) – PAOLA FERRARI: “HO CHIAMATO COLLOVATI E L’HO SGRIDATO, ORA MI DEVE UN APERITIVO…” - VIDEO

cafonal

viaggi

salute