SCOPICCHIARE DIETRO LE SBARRE – A PISA UN DETENUTO SI LASCIA ANDARE CON LA MOGLIE DURANTE UN COLLOQUIO. SOLO CHE ERA PRESENTE PURE IL FIGLIO! E I SECONDINI GUARDONI HANNO IMMORTALATO TUTTO IN UN FILMATO – L’ACCUSA? ATTI OSCENI IN LUOGO PUBBLICO: ERANO NELLA SALA RISERVATA AI COLLOQUI CON LE FAMIGLIE

-

Condividi questo articolo

 

Pietro Barghigiani per http://m.iltirreno.gelocal.it

 

SESSO IN CARCERE SESSO IN CARCERE

Qualcosa di più di una carezza. Qualcosa di meno di un rapporto completo. Di sicuro furono visti avvinghiati in una sala riservata del carcere del Don Bosco. Ora quelle effusioni sono diventate un avviso di chiusura delle indagini che il sostituto procuratore Paola Rizzo ha notificato ai due protagonisti dell’abbraccio sensuale.

 

All’allora detenuto e alla sua compagna il magistrato contesta il reato di atti osceni in luogo pubblico aggravato dalla presenza di minori. Mentre i due si scambiavano baci e palpeggiamenti accanto avevano un bambino, il loro figlio. Era il 19 febbraio scorso e a quella evidente premessa di amplesso assistette un agente della penitenziaria attraverso il sistema di videosorveglianza. Immagini eloquenti quelle riferite nell’informativa consegnata in Procura pochi giorni dopo il fatto.

SESSO CARCERE SESSO CARCERE

 

L’episodio avvenne nella “Sala delle Nuvole”, un locale abbellito ed attrezzato con giochi per consentire ai detenuti e alle loro famiglie, soprattutto a quelle con bimbi piccoli, di effettuare colloqui e di avere il necessario contatto per una parvenza di vita familiare.

 

sesso carcere1 sesso carcere1

All’epoca i sindacati denunciarono: «In questa postazione, la quale noi affermiamo essere inadeguata allo scopo, non è prevista alcuna unità di polizia penitenziaria, ma solo una misera telecamera - scrisse Claudio Caruso, vicesegretario regionale dell’organizzazione sindacale Osapp Toscana - e siccome l'occasione fa l'uomo ladro, un detenuto e la compagna non hanno avuto alcuna esitazione a dar luogo ad effusioni amorose, davanti al proprio figlio minore intento a giocare. Pare che il collega che incidentalmente ha visto la telecamera, in quanto oberato da carichi di lavoro nella sala colloqui principale, abbia avvisato i superiori notando lo strano atteggiarsi della donna seduta in braccio al compagno, che non lasciava spazio ad immaginazioni».

 

CARCERE DON BOSCO PISA CARCERE DON BOSCO PISA

L’avvio di chiusura delle indagini anticipa la richiesta di rinvio a giudizio. Per quegli attimi di passione, la coppia a luci rosse senza freni inibitori rischia di finire a processo. Non tanto per l’atto in sé, ma per averlo consumato in un carcere e con un bimbo a pochi metri.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute