SERVIZI E SEGRETI - ARRESTATO IL MARESCIALLO DEI CARABINIERI, FRANCESCO SARCINA, CON UN PASSATO AI SERVIZI SEGRETI - NELLA SUA CASA SONO STATI TROVATI DOCUMENTI RISERVATI "CONCERNENTI LA SICUREZZA DELLO STATO" COMPRESE CARTE DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO E ATTI SULLA GESTIONE DELLE SCORTE DESTINATE AD ALCUNE PERSONALITÀ… - DUE AVVOCATI AVEVANO RACCONTATO CHE, IN CAMBIO DI SOLDI, RICEVEVANO...

-

Condividi questo articolo

SERVIZI SEGRETI SERVIZI SEGRETI

(ANSA) - Nella sua casa sono stati trovati documenti riservati "concernenti la sicurezza dello Stato" comprese carte della Presidenza del Consiglio e atti sulla gestione delle scorte destinate ad alcune personalità. Per questo i finanzieri del Gico, su richiesta del Gip di Roma, hanno notificato una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per Francesco Sarcina, maresciallo dei cc già in servizio all'Aisi e detenuto a Regina Coeli nell'ambito di uno dei filoni dell'indagine sulla corruzione in atti giudiziari legata a sentenze pilotate al Consiglio di Stato.

 

Sarcina era stato arrestato nel settembre scorso perché trovato in possesso di un passaporto falso. Nella nuova ordinanza gli viene contestato, su richiesta del procuratore aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Stefano Rocco Fava, il reato di soppressione, falsificazione o sottrazione di atti o documenti concernenti la sicurezza dello Stato. Per il gip l'ex 007 "abusando dei poteri di funzionario dell'Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna" ha sottratto "temporaneamente gli originali, li fotocopiava e carpiva le copie, detenendole presso la sua abitazione, di atti e documenti classificati".

PAOLO IELO PAOLO IELO

 

Sarcina ha lavorato presso la Presidenza del Consiglio fino al 27 luglio 2018 quando, a seguito della perquisizione, ha presentato domanda di messa a riposo. L'atto istruttorio presso la sua abitazione era stato disposto a riscontro delle dichiarazioni rese dagli avvocati Pietro Amara e Giuseppe Calafiore che avevano raccontato agli inquirenti che un tal "Franco", in cambio di denaro, consegnava loro informative di polizia giudiziaria coperte da segreto e forniva aggiornamenti sull'indagine in corso a Roma e Messina sul Consiglio di Stato.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute