E I SOLDI DOVE SONO FINITI? IN LIBERIA SCOMPARE UN CONTAINER CON 88,3 MILIONI DI EURO (IL 5% DEL PIL DEL PAESE) IN BANCONOTE LIBERIANE STAMPATE TRA CINA E SVEZIA SU ORDINE DEL GOVERNO AFRICANO - IL PRESIDENTE, L’EX PALLONE D’ORO GEORGE WEAH, AVVIA UN’INDAGINE PUNTA IL DITO CONTRO IL SUO PREDECESSORE

-

Condividi questo articolo

Filippo Maria Ricci per www.gazzetta.it

 

weah weah

Una barca di soldi, quasi letteralmente. Spariti. Non c’è traccia di un container che conteneva l’equivalente di 88,3 milioni di euro in banconote liberiane stampate tra Cina e Svezia su ordine del governo africano. I soldi sono arrivati sani e salvi al porto di Monrovia e da lì hanno fatto perdere le loro tracce, scatenando una polemica grande come il valore economico della cifra in questione che sta travolgendo il governo di George Weah, eletto presidente della Repubblica meno di un anno fa tra promesse di trasparenza e proclami di lotta alla corruzione, mali endemici della Liberia.

 

weah weah

ACCUSE E DIFESA — La cifra corrisponde al 5% del Pil del Paese africano, e vista la povertà assoluta della Liberia la sparizione del malloppo è diventato un caso nazionale. La notizia è stata data lunedì scorso dal quotidiano Front Page Africa e da allora Weah ha cercato di dare la colpa della cosa al suo predecessore, il premio Nobel Ellen Johnson Sirleaf, che ha respinto con grande forza le accuse.

 

Le banconote erano state ordinate dalla Sirleaf nel 2016, fonti governative hanno detto che i soldi sono arrivati a Monrovia nel novembre scorso, quindi ancora sotto l’amministrazione della Sirleaf, ma documenti ufficiali del porto passati alla stampa rivelano come il prezioso container sia stato sdoganato tra febbraio e marzo, quindi già con la nuova amministrazione al potere. Cosa che ha messo in pessima luce il presidente Weah.

 

George Weah George Weah

INFLAZIONE IN CRESCITA — Il governo ha avviato un’indagine ma da vari settori dell’opinione pubblica si chiede che venga condotta da organi indipendenti. Da quando Weah ha preso il potere il dollaro liberiano ha perso il 20% su quello statunitense, l’inflazione è cresciuta costantemente complicando la già difficile vita dei liberiani e in generale il governo dell’ex calciatore è stato criticato a livello locale e internazionale sotto vari aspetti. E ora la sparizione del container.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute