DALLA TOMBA AL TOMBOLA –  L’UOMO CHE TUTTI CERCAVANO IN PROVINCIA DI PADOVA ERA CADUTO IN UN TOMBINO – GIUSEPPE FASANARO HA 76 ANNI: ERA USCITO A FARE UNA PASSEGGIATA QUANDO ERA SCIVOLATO PER RECUPERARE LE CHIAVI – PER SOPRAVVIVERE HA BEVUTO L’ACQUA PIOVANA PER TRE GIORNI...

-

Condividi questo articolo

Emanuele Trevi per il “Corriere della Sera”

giuseppe fasanaro 1 giuseppe fasanaro 1

 

Solo per convenzione le notizie dei giornali si suddividono in gerarchie che, a partire dalla prima pagina, scendono fino ai più striminziti trafiletti relegati nelle cronache locali. In realtà, il valore poetico e filosofico delle notizie è inversamente proporzionale alla loro cosiddetta «importanza».

 

E la ragione è abbastanza evidente: la vita di tutti noi non assomiglia affatto ai grandi temi d' attualità, semmai è un mosaico di fattarelli indecifrabili, tanto più degni di memoria quanto più non si sa proprio cosa pensarne.

 

giuseppe fasanaro 4 giuseppe fasanaro 4

Ogni giorno, in tutto il mondo, le agenzie e i giornali riportano un' infinità di notiziole talmente bizzarre, talmente inconcepibili, talmente surreali che sembrano inventate. Chi le raccogliesse tutte, in una specie di annuario dell' assurdo, otterrebbe un quadro dell' esistenza che meriterebbe le meditazioni più profonde degli storici, dei teologi, e ovviamente degli psicologi.

 

giuseppe fasanaro 6 giuseppe fasanaro 6

Prendiamo il caso di un recentissimo eroe (involontario) del nostro tempo, il settantaseienne Giuseppe Fasanaro, di Montegrotto Terme, provincia di Padova. Ci sarà tempo, quando il signor Fasanaro si sarà ripreso dalla sua brutta avventura, per ricostruirla nei dettagli. Ma atteniamoci a quello che già sappiamo.

 

giuseppe fasanaro 5 giuseppe fasanaro 5

Mercoledì scorso, Giuseppe era uscito di casa per fare una passeggiata. Percorse poche decine di metri, a quanto pare gli sono cadute le chiavi, ingoiate da una di quelle grate di ferro alle quali non facciamo mai caso se non quando, appunto, ci cadono le chiavi proprio lì sopra. Cose che capitano, ma il brutto deve ancora avvenire.

 

Non è ancora chiarissima la dinamica dell' incidente, ma il nostro eroe, nel legittimo tentativo di recuperare le chiavi perdute, si è calato nel buco sollevando la grata che però si è richiusa come una trappola.

giuseppe fasanaro 2 giuseppe fasanaro 2

 

Non sarà un caso se quegli spazi sotterranei si chiamano con il nome minaccioso di «bocche di lupo»! Colpito alla testa, Fasanaro sviene. Inizia il solito scenario da «Chi l' ha visto?», con accurate descrizioni dell' aspetto, dei vestiti, delle abitudini dello scomparso.

 

Si sospetta che si sia perso nei boschi sulle colline dove Fasanaro ama passeggiare. Seguono, come si può immaginare, giorni di angoscia per la famiglia. Nessuno cerca Fasanaro dov' è, vale a dire davanti alla porta di casa sua.

 

E centinaia di persone gli passano sopra, in quella piazzetta su cui si affacciano molti negozi. Un gruppo di bambini gioca a pallone proprio lì. Ma chi si sogna di guardare attraverso un grata?

giuseppe fasanaro 3 giuseppe fasanaro 3

 

Fasanaro intanto, con molte fratture, approfitta della pioggia di questi giorni per bere almeno un po'.

 

Diventa il protagonista del peggiore degli incubi, che è quello che si svolge nei luoghi della vita quotidiana, consacrati dalle abitudini più rassicuranti. Ma è proprio questo il problema: l' abitudine, che ha il potere di rendere tutto opaco, quasi invisibile, invischiandoci a volte in una specie di sortilegio, che trasforma la piazzetta sotto casa in un posto più pericoloso di una giungla tropicale o di un ghiacciaio in alta quota.

 

Finché, per fortuna, qualcuno inciampa proprio là sopra. L' unica cosa buona degli incidenti è proprio il fatto che interrompono l' inerzia delle percezione. Permettono, in questo caso, di vedere che sotto quella grata dove passano tutti c' è un uomo ferito, che da giorni attende un soccorso.

 

Se non è istruttiva questa storia, se non contiene un insegnamento molto profondo su ciò che vediamo, e sulla nostra capacità di attenzione, non saprei proprio raccontarne un' altra.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

FERMI TUTTI, LA PACCHIA È FINITA! A DISPETTO DELLE TANTE SMENTITE, MATTEO SALVINI SI È ROTTO LE BALLE DI LUIGI DI MAIO E VUOLE CAPITALIZZARE, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI, IL CONSENSO DELLA LEGA ANDANDO A VOTARE. DI QUESTO AVREBBE PARLATO CON BERLUSCONI - C'È UN PERÒ GRANDE COME UNA CASA. MATTARELLA HA GIÀ FATTO SAPERE CHE SE NON SI RISOLVE IL CONTENZIOSO CON L'EUROPA NON SCIOGLERA MAI LE CAMERE E, QUINDI, SE CADE QUESTO GOVERNO NE FA COMUNQUE UN ALTRO. E NEL 2019 TORNA IN ITALIA MARIO DRAGHI...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute