TUTTI SAPEVANO - A CERTIFICARE LO STATO DISASTRATO DEL PONTE MORANDI NON C'ERANO SOLO LE PERIZIE DEI TECNICI DI AUTOSTRADE E DEGLI INGEGNERI DEL POLITECNICO: CI SONO ANCHE DIVERSE SEGNALAZIONI DALLE AZIENDE CHE LAVORAVANO IN SUBAPPALTO PER AUTOSTRADE - DOCUMENTI PREZIOSI PER RICOSTRUIRE GLI ULTIMI GIORNI DI VITA DELLA STRUTTURA, INSIEME AI FILMATI DEL CROLLO E AI PRIMI ESAMI SULLE MACERIE  

-

Condividi questo articolo

il ponte di genova e le case sottostanti il ponte di genova e le case sottostanti

Cesare Giuzzi per il “Corriere della Sera”

 

Segnalazioni scritte, trasmesse direttamente alla società Autostrade, con l'indicazione precisa di ogni anomalia alla struttura del ponte e dei tiranti. Informazioni raccolte nelle settimane precedenti al crollo del cavalcavia e che potrebbero rappresentare un materiale decisivo per l' inchiesta sulla morte di 43 persone.

 

il crollo del ponte morandi a genova il crollo del ponte morandi a genova

Oltre alle perizie dei tecnici di Autostrade e degli ingegneri del Politecnico, allegate al progetto di messa in sicurezza del ponte da avviare in autunno, a certificare lo stato di «ammaloramento» del Morandi ci sono anche diverse segnalazioni redatte dalle aziende che lavoravano in subappalto per Autostrade. Documenti preziosi per ricostruire gli ultimi giorni di vita del ponte. Insieme ai filmati del crollo e ai primi esami sulle macerie grazie ai quali i periti della Procura avrebbero «ricostruito» dinamica e cause del crollo. Anche se per il deposito della relazione si attende l' esito dei primi esami scientifici.

 

il crollo del ponte morandi a genova il crollo del ponte morandi a genova

Che l' inchiesta sia vicina a un punto di svolta lo si comprende anche dall' ok arrivato ieri sera alla rimozione completa (e rapida) delle macerie, segno che quello che doveva essere analizzato è ormai nelle mani della Procura. Gli investigatori hanno sequestrato documentazione negli uffici di Autostrade. Un sequestro «presso terzi», visto che i magistrati hanno ribadito che non ci sono ancora indagati.

 

il crollo del ponte morandi a genova il crollo del ponte morandi a genova

Ma la svolta potrebbe essere vicina. Gli inquirenti hanno pure chiesto all' Arpal una verifica su meteo e fulmini nel giorno della tragedia, per analizzare anche le ipotesi più residuali. Intanto il pool di magistrati sta analizzando la procedura del progetto di «retrofitting» del viadotto «approvata» per il ministero dal provveditore Roberto Ferrazza e dall' ingegnere Antonio Brencich, oggi membri della commissione d' inchiesta del Mit che potrebbero essere sentiti.

 

il crollo del ponte morandi a genova il crollo del ponte morandi a genova

Le indagini però restano concentrate sugli stralli del pilone 9. I tecnici stanno ricostruendo i lavori eseguiti negli anni e quelli in corso nelle ore precedenti al crollo: la sostituzione del carroponte, la posa dei nuovi new jersey e il posizionamento di reti di sicurezza. «Lavori non strutturali», assicurano da Autostrade. Proprio sulla campata del pilone 9 erano all' opera i tecnici della ditta Weico di Verlturno, in provincia di Bolzano. Gli stessi che si stavano occupando della posa del nuovo carroponte: lavori fermi da due mesi.

 

vigili del fuoco a lavoro sulle macerie del ponte morandi a genova vigili del fuoco a lavoro sulle macerie del ponte morandi a genova

«Abbiamo lavorato fino alle 5.40 del mattino - racconta il responsabile, Hubert Weissteiner -. Eravamo cinque operai e un by-bridge, il traffico era aperto su una sola corsia. Avevamo disposizione di evitare quanto più possibile di avvicinarci alla sede dei tiranti, perché in quella zona era vietato fare opere di qualsiasi tipo. In mesi di lavoro non abbiamo mai avuto la sensazione di pericolo».

vigili del fuoco a lavoro sulle macerie del ponte morandi a genova vigili del fuoco a lavoro sulle macerie del ponte morandi a genova

 

I lavori erano stati appaltati da Autostrade e da Pavimental, azienda sempre del gruppo Atlantia, come quelli di posa dei nuovi new jersey eseguiti dalla Mga di Aulla (Ms). «Noi quella notte eravamo nella galleria Coronata - spiega Paolo Luccini, amministratore della Mga -. Sul Morandi fino a inizio anno avevamo curato anche il rifacimento dei cordoli». Quanto alle segnalazioni fatte ad Autostrade, i responsabili dicono solo che ne parleranno con i magistrati.

ponte morandi a genova ponte morandi a genova

 

«Le comunicazioni sono tracciabili - spiega uno dei tecnici -. Ogni volta che gli operai al lavoro hanno riscontrato lesioni del calcestruzzo, segni di ruggine, ossidazione o infiltrazioni d' umidità, è stata data notizia ai committenti».

Ora starà ai periti nominati dai pm chiarire se quelle segnalazioni sono state prese in carico da Autostrade in maniera corretta e se sono seguite tutte le verifiche necessarie.

 

Condividi questo articolo

media e tv

“BELEN È STATA IL MIO PIÙ GRANDE AMORE” - FABRIZIO CORONA SI CONFESSA A “VERISSIMO”: “IO E SILVIA PROVVEDI NON SIAMO MAI STATI UNA COPPIA. SIAMO DUE PERSONE DIVERSE CHE NON C’ENTRANO NULLA L’UNA CON L’ALTRA: SEMBRIAMO DUE ESTRANEI - NINA MORIC? È LA PERSONA PIÙ BUONA CHE ESISTA MA È ANCHE UNA PERSONA MOLTO PROBLEMATICA. E MOLTI PROBLEMI NASCONO PER COLPA MIA. IO E MIA MADRE NON CI PARLIAMO DA MOLTO TEMPO PER ORA NON VOGLIO UN RAPPORTO NÉ CON LEI NÉ CON I MIEI FRATELLI”

politica

business

cronache

sport

cafonal

CONTRO LA MORTIFICAZIONE DELLA CARNE E L'AVVILIMENTO DELLO SPIRITO C’E’ SOLO CAFONAL - “EYES WIDE SHUT” ALL’AMATRICIANA ALL’EXCELSIOR DI VIA VENETO PER LA FESTA DI MARIA FRANCESCA PROTANI, COMPAGNA DEL RE DELLE FARMACIE ROMANE, VINCENZO CRIMI - TRECENTO INVITATI. TUTTI IN MASCHERA, PIZZO E MERLETTI COME NEL FILM HOT DI KUBRICK: BONAZZE RIGONFIE, MILF D’ASSALTO, MANDRILLONI INCRAVATTATI, SCOSCIATISSIME PISCHELLE: DALLA BERLUSCHINA FRANCESCA IMPIGLIA A LILIAN RAMOS, DALLA 51ENNE KATIA NOVENTA A GIOVANNA DEODATO