AL VIA IN CASSAZIONE IL PROCESSO A CAPITAN SCHETTINO PER IL NAUFRAGIO DELLA “COSTA CONCORDIA” - IL COMANDANTE E’ STATO CONDANNATO A 16 ANNI IN PRIMO GRADO E IN APPELLO MA E’ STATA LA PROCURA A RICORRERE ALLA SUPREMA CORTE: RITIENE LA CONDANNA TROPPO MITE - IL VERDETTO E’ PREVISTO A MAGGIO

Condividi questo articolo

SCHETTINO3 SCHETTINO3

(ANSA) - Ha preso il via da poco nell'Aula magna della Cassazione l'udienza per il naufragio della nave da crociera 'Concordia' della Costa nel quale è imputato l'ex comandante Francesco Schettino, condannato in primo e secondo grado a 16 anni e un mese di reclusione. A fare ricorso alla Suprema Corte, oltre alla difesa di Schettino che non è presente, è stata la Procura della Corte di appello di Firenze che ritiene troppo mite la pena inflitta a fronte di una richiesta della pubblica accusa di 27 anni di carcere.

 

CAPITAN SCHETTINO CAPITAN SCHETTINO

Nel naufragio morirono 32 persone per l'impatto contro gli scogli avvenuto il 13 gennaio 2012 per una maldestra manovra di avvicinamento all'isola Del Giglio, nell'arcipelago toscano. La prossima udienza è prevista per il 12 maggio e in quella data potrebbe essere emesso il verdetto. Sulla concordia c'erano 3216 passeggeri e 1013 persone d'equipaggio. La Costa ha risarcito la maggior parte delle parti civili mentre altre sono ricorse in Cassazione per ottenere indennizzi più alti. E' in corso la relazione poi prenderà la parola il Pg Francesco Salzano.

schettino e domnica schettino e domnica

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal