1- LE MEMORIE DI DICK CHENEY, IL POLITICO Più POTENTE E CONTROVERSO DEGLI STATI UNITI - 2- DUE VOLTE VICE DI BUSH, IN REALTà IL PLURI-INFARTATO CHENEY FU IL VERO CAPO DELLA CASA BIANCA, FAVOREVOLE ALLA SECONDA GUERRA DEL GOLFO, DETESTATO DAI DEMOCRATICI PER AVER FAVORITO LA POTENTISSIMA HALLIBURTON, SUA EX AZIENDA, NELL'AGGIUDICARSI GRANDI CONTRATTI PER LE FORNITURE ALLE FORZE ARMATE IN IRAQ - 3- LA “SFINGE” NON CHIEDE SCUSA: NON È GUANTANAMO CHE DANNEGGIA L'IMMAGINE DELL'AMERICA, MA PIUTTOSTO I CRITICI COME OBAMA CHE “SPACCIANO FALSITÀ SU DI ESSA” - 4- CHENEY CRITICA ASPRAMENTE COLIN POWELL PER AVER TACIUTO, PUR SAPENDO CHE IL SUO VICE RICHARD ARMITAGE È STATO RESPONSABILE DI AVER FATTO TRAPELARE ALLA STAMPA L’IDENTITÀ SEGRETA DELL’AGENTE VALERIE PLAME, NELL’AMBITO DEL CIA-GATE -

Condividi questo articolo

DAGOREPORT

Dick_Cheney_at_the_2003_State_of_the_UnionDick_Cheney_at_the_2003_State_of_the_Union

Dick Cheney non ha rimpianti circa il suo ruolo controverso come uno dei vice-presidenti americani più influenti o i suoi 40 anni di carriera. "Questo non è un giro di scuse. È il libro di un conservatore orgoglioso. Lui non sta cercando di baciare e fare la pace con il New York Times o con alcuni dei suoi ex colleghi dell'amministrazione Bush", dichiara una fonte vicina a Cheney.

Il Drudge Report svela in anteprima alcune delle rivelazioni dal libro più atteso di questo autunno.

In un capitolo intitolato, "Setback" (battuta d'arresto), Cheney è schietto sugli errori dell'amministrazione Bush in politica estera, soprattutto nel secondo mandato. Critica "le concessioni" alla Corea del Nord, nella speranza ingenua che i despoti possano rispondere con gentilezze e dice il presidente è stato mal servito dal suo Dipartimento di Stato, anche attraverso consigli "del tutto fuorvianti".

Dick CheneyDick Cheney

Cheney critica aspramente Colin Powell per aver taciuto, pur sapendo che il suo vice Richard Armitage è stato responsabile di aver fatto trapelare alla stampa l'identità segreta di Valerie Plame, nell'ambito del Cia-Gate.

Dice che non è Guantanamo Bay che danneggia l'immagine dell'America all'estero, ma piuttosto i critici come Barack Obama che "spacciano falsità su di essa".

usa02 cheney mostra stivaleusa02 cheney mostra stivale

Dice che il procuratore generale John Ashcroft approvò il controverso programma di sorveglianza terroristico che traccia le comunicazioni dei terroristi non meno di 20 volte prima che il suo vice, James Comey, obiettasse.

Colin PowellColin Powell

In un briefing tenuto da Cheney e dal direttore dell'NSA Mike Hayden con i leader democratici al Congresso Pelosi, Daschle, Harman e Rockefeller fu approvato all'unanimità che il programma continuasse senza bisogno di ulteriori autorizzazioni da parte del Congresso.

"La decisione è stata unanime... Come noi, anche loro temevano che portare la questione di fronte all'intero Congresso ne avrebbe compromesso la segretezza". Cheney scrive che quando la cosa trapelò sul New York Times, fu perché il quotidiano violò chiaramente la legge pubblicando informazioni di Intelligence.

Bush CheneyBush Cheney

Impenitente sull'Iraq. Anche col senno di poi, Cheney afferma che è stata la decisione giusta, anche tenendo conto degli errori di Inteligence. Dice che i democratici come John Kerry, che hanno sostenuto la guerra e poi cambiato idea per convenienza politica, accusando il presidente di "spacciare falsità" sono semplicemente colpevoli verso se stessi.

valerie plamevalerie plame

el 2000, con una mossa che spiazza la maggior parte dei politologi americani, George W. Bush lo sceglie come proprio vicepresidente nella corsa verso la Casa Bianca.
Il 20 gennaio 2001 diventò Vice presidente degli Stati Uniti. Favorevole alla Seconda guerra del Golfo, è stato molto criticato dai democratici perché, egli avrebbe favorito la Halliburton, sua ex azienda, nell'aggiudicarsi grandi contratti per le forniture alle forze armate in Iraq.
Confermato da Bush al termine della convention repubblicana del 2004, nel 2005 iniziò il suo secondo mandato come Vice Presidente. Nel novembre del 2006 si è dichiarato favorevole alla condanna a morte inflitta all'ex dittatore iracheno Saddam Hussein.
Nel 2006, insieme alla moglie ha donato sei milioni e novecentomila dollari, il 77 per cento dei guadagni della coppia, la legge prevede che si possa donare al massimo il 50 per cento del proprio reddito, ma i limiti sono stati tolti per raccogliere fondi per i danni dell'uragano katrina.[1].
Il 21 luglio 2007 ha assunto temporaneamente i poteri del presidente per poco più di due ore, poiché George W. Bush, sottoposto a colonscopia per rivelare l'evoluzione di un problema di salute, non poteva in quel momento svolgere le sue funzioni.

GuantanamoGuantanamo

 

 

Condividi questo articolo

politica