APERTURA SHOCK DI “LIBERO” BY FELTRI&BELPIETRO: \"IL CAVALIER POMPETTA È BOLLITO?\" - 1- SUL BLITZ ANTI-GERONZI È STATO COLTO DI SORPRESA COME UN BERSANI QUALUNQUE. ORA INIZIA UNA MANOVRA DI ACCERCHIAMENTO PER CONQUISTARE CORRIERE DELLA SERA, MEDIOBANCA, CONFINDUSTRIA E SFANCULARLO DA PALAZZO CHIGI - 2- SULLA GUERRA IN LIBIA SCAVALCATO E MENATO DAI FRANCESI, MANDANDO ALLE ORTICHE L’INFLUENZA ITALIANA SUL PROTETTORATO LIBICO (E GLI INDUSTRIALI S’INCAZZANO) - 3- SUI CLANDESTINI FALLIMENTO CON MARONI, A PARTIRE DAL VIAGGIO-FARSA IN TUNISIA - 4- GIUSTIZIA: OK DIFENDERSI DAL MAGISTRATI, MA I PROCESSI DEL PREMIER HANNO ROTTO - 5- L’AFFONDO FINALE: “DUBITARE DI BERLUSCONI È LEGITTIMO, ANCHE PERCHÉ LUI CONTRIBUISCE COMPIENDO ERRORI E PASSI FALSI COME CON LE CENE AD ARCORE. MA IN FONDO È ANCORA IL MEGLIO CHE PASSA IL CONVENTO. O SE VOLETE, IL MENO PEGGIO”. PER ORA… - 6- (VUOI VEDERE CHE ANCHE FELTRI&BELPIETRO HANNO FINALMENTE CAPITO CHE NON SARà IL VOTO A FAR CADERE IL PUZZONE DI ARCORE, CHE GODE ANCORA DEI FAVORI POPOLARI, BENSì UN \"EX VOTO\" A CURA DI UNA CORDATA FORMATA DA TREMONTI E TERZO POLO?) - -

Condividi questo articolo

Maurizio Belpietro per \"Libero\"

Silvio Berlusconi ci ha abituato a un comportamento che nessun leader prima di lui ha mai avuto: nei momenti più difficili, quando pare sull`orlo del precipizio, invece di mostrarsi accigliato manifesta maggiore allegrezza, ridendo e scherzando come se nulla fosse. Lo ha fatto anche ieri, all`incontro con le giovani promesse italiane, presentandosi sorridente e ironizzando sui guai giudiziali e sul bunga bunga, quasi che la raffica di processi in corso a Milano gli facesse solletico.

LIBERO-BERLUSCONILIBERO-BERLUSCONI

L`atteggiamento fa irritare molto la sinistra, che lo vorrebbe serio e depresso come si conviene a un presidente del Consiglio e per questo lo accusa di incoscienza, descrivendolo al pari di un vecchio satrapo che si diverte mentre il Paese va in malora.

FeltriFeltri e Belpietro con _Libero_

Da questo punto di vista niente di nuovo, direi. Ma da ultimo, complice la crisi economica e quella nel Maghreb, le critiche hanno fatto breccia in una parte di elettorato moderato, la quale inizia a interrogarsi se il premier sia in grado di far fronte a una situazione complessa come quella attuale e non sia giunta per lui l`ora di passare la mano.

BelpietroBelpietro Feltri Libero

Lo vedono troppo concentrato sulle sue grane e distratto su quelle nazionali e internazionali e si domandano se non sia arrivato al capolinea, come capita a chiunque, dunque anche ai grandi.

Qualche motivo per porsi la questione ovviamente ce l`hanno. Per sua stessa ammissione sulla testa, senza cioè che qualcuno lo interpellasse, gli è passata la detronizzazione dell\'ottavo re di Roma, quel Cesare Geronzi che ha fatto e disfatto la finanza italiana degli ultimi anni.

Meglio non è andata con la guerra di Libia e pure con i clandestini sbarcati dalla Tunisia e rimbarcati dalla Francia sulle nostre spalle. Perfino sulla giustizia e sulla sua conduzione in Parlamento c`è una tale confusione che da adito a dubbi e fa temere il peggio. Ma visto che la domanda è lecita e si tratta di capire se Berlusconi sia o meno bollito, converrà procedere per gradi, cercando di analizzare ad una ad una le faccende.

Cominciamo dalla prima, cioè dal banchiere trasformatosi in assicuratore ed infine in disoccupato. La partita disputata sulle spalle dei risparmiatori e del mercato l`ha spiegata bene ieri Vitto rio Feltri. In ballo c`è uno scontro in cui sono coinvolti i cosiddetti poteri forti, i quali non amano e non hanno mai amato il Cavaliere.

TESTATESTA BERLUSCONI TRA DUE STIVALI BerlusconiBerlusconi al Colosseo

Fosse stato per loro non sarebbe mai arrivato a Palazzo Chigi. Nonostante infatti sia un imprenditore, cioè teoricamente uno di loro, lo ritengono un parvenu, uno che non ha i quarti di nobiltà e non sa stare seduto a tavola con il potere economico. Si è fatto da sé e senza l`aiuto loro, dunque non è soggetto agli obblighi e alla riconoscenza che lega gli oligarchi della finanza. Geronzi, che pur appartenendo al giro dei potenti era troppo legato a lui avendolo aiutato quando non era nessuno, era dunque d`intralcio.

Troppo poco omogeneo alla cricca di Mediobanca, troppo integrato con la cricca di Letta. Per cui via, senza troppi complimenti. E soprattutto all`insaputa di Berlusconi, che ne è venuto a conoscenza quando ne siamo venuti a conoscenza noi, cioè a cose fatte.

È una sconfitta per il Cavaliere? Sì ma è anche il segnale d`inizio delle ostilità, cioè di una manovra di accerchiamento che punta a conquistare il Corriere, Mediobanca e probabilmente Confindustria per poi cercare di dare scacco al re. Una partita che però è appena cominciata e non con un matto. Per cui vedremo le prossime mosse.

pescepesce berlusconi

La seconda questione è quella della Libia. La quale a prescindere dai torti di Gheddafi, che ci sono e pure tanti, è come abbiamo spiegato tutta intema alla Francia. Non ci fossero state le elezioni presidenziali che Sarkozy rischia di perdere e non avesse avuto Parigi bisogno di allargare i confini della propria economia, probabilmente non ci sarebbe stata nessuna guerra. Gli americani non si sarebbero fatti coinvolgere in un conflitto di interesse dubbio e lo stesso avrebbero fatto gli inglesi.

Ma la Francia aveva urgenza di muovere le truppe e soprattutto aveva necessità di farlo a danno dell`Italia, bypassandoci sia nell`azione militare che nel dialogo con i ribelli. Il nostro Paese è per ragioni storiche un partner dello Stato africano e Berlusconi si era speso fino a baciare la mano al leader libico pur di migliorare le relazioni con Tripoli.

Non siamo stati scavalcati per caso e nemmeno per incapacità del Cavaliere. Si è trattato di una scelta, perché dichiarando guerra alla Libia, la Francia in realtà intendeva dichiarare una guerra economica all`Italia e, come in ogni conflitto che si rispetti, la sorpresa ha premiato gli attaccanti.

BossiBossi CAsini Tremonti Fini Berlusconi Far West da Libero Benny BERLUSCONIBERLUSCONI TREMONTI

Ma le battaglie sono tante e finora noi abbiamo assistito soltanto alla prima; dirà il tempo se Berlusconi è un comandante in campo capace di reagire e rovesciare il fronte. Superata l`incertezza dei primi giorni, il governo ha fatto le sue scelte e giocato la carta di sostenere gli insorti. Vedremo tra un po` se si trattava di un asso o di una scartina.

La faccenda che fa più dubitare della capacità del premier di far fronte agli eventi è però la terza, ossia la questione degli immigrati. Ai più non è piaciuta la gestione dell`emergenza. La gita a Tunisi è stata giudicata un fallimento e anche il tentativo di forzar la mano ai francesi e di scaricare i clandestini di là dalla frontiera è parso debole e poco convincente. I dubbi sono giustificati e il governo si è fatto cogliere impreparato nonostante gli sbarchi fossero attesi.

Ciò detto, realisticamente, che altro si poteva fare? Buttare a mare gli stranieri giunti a Lampedusa non era possibile e neppure si poteva trasformare L`isola in una colonia penale in cui segregare i clandestini. Il solo modo di affrontare il problema era di sistemarli qua e là, dispersi lungo la Penisola. I luoghi non erano pronti all`accoglienza e se anche lo fossero stati, gli abitanti dei centri prescelti non avrebbero accolto comunque ben volentieri i profughi. Le proteste sarebbero state uguali e la confusione altrettanta.

BerlusconiBerlusconi Tremonti Manovra - Nonleggerlo

Meglio non sarebbe andata neppure se ci fossimo precipitati a Tunisi qualche settimana prima per tentare un accordo. Le intese forti si fanno con i governi forti. Con quelli deboli è meglio non farle perché non servono a nulla giacché non sono in grado di farle rispettare. Certo, si poteva protestare di più con la Francia, chiedendo che aprisse la frontiera a una banda di disperati che sogna Parigi, mica Roma.

berlusconi,berlusconi, montezemolo

Ma se i cugini difendono i confini che si fa? Li si bombarda come ai tempi di Mussolini? Si mandano i Bersaglieri capeggiati da La Russa all`assalto di Mentone? Diciamoci la verità, non c`era alternativa se non quella di lasciar gestire la cosa alla sinistra, la quale ci avrebbe piazzato una bella sanatoria capace di richiamare altri immigrati. In questo caso non c`è la bacchetta magica, al massimo si può disporre del buon senso e della pazienza. Ci dovremo attrezzare per farli emigrare pian piano, evitando che altri ne arrivino.

Del resto a fermarli o evacuarli non è riuscito nessuno. Anzi, gli altri hanno fatto peggio. La sinistra, cominciando da Martelli per finire a Livia Turco e Napolitano, ha fatto leggi che regolavano più l`accoglienza che i respingimenti. Con il risultato che oggi ci ritroviamo alcuni milioni di stranieri. Cinque per l`esattezza, non ventimila che sono quelli giunti a Lampedusa.

Infine la giustizia. Non passa giorno che il centrodestra non se ne inventi una. Il processo breve e il processo lungo. Il conflitto d`attribuzione e la responsabilità civile dei magistrati. Il troppo stroppia. Ma il troppo è figlio di una guerra che va avanti da diciassette anni, nessuno dei quali trascorso senza che non spuntassero uno o più procedimenti e accuse.

TABELLONETABELLONE MONTECITORIO BERLUSCONI MARINAMARINA BERLUSCONI CON VANADIA AL LANCIO DEL BILLIONAIRE DI MONTE CARLO

Quella di Berlusconi è una specie di legittima difesa, null`altro che un modo per schivare colpi sotto la cintura che avrebbero tramortito chiunque. Se per incastrarlo c`è chi inopinatamente allunga i tempi della prescrizione e lo accusa di aver corrotto un testimone anche se non vi è traccia di un pagamento, il Cavaliere si difende accorciando i tempi a disposizione dei magistrati per condannarlo. Se i pm ne inventano una al giorno pur di spiarlo e intercettarlo, violando anche le norme che tutelano i parlamentari, lui reagisce proibendo le intercettazioni.

Quella a cui assistiamo è una guerra senza quartiere e purtroppo ogni tanto fa vittime collaterali oltre a far venire un po` di noia, perché vorremmo finirla di passare il nostro tempo a discutere dei processi e delle accuse a Berlusconi. Purtroppo i primi a non sembrare annoiarsi mai sono i procuratori, per cui tocca andare avanti.

Ciò detto, ci pare d`aver spiegato che dubitare di Berlusconi è legittimo, anche perché talvolta lui contribuisce ad alimentare i dubbi compiendo errori e passi falsi come con le cene ad Arcore. Ma in fondo è ancora il meglio che passa il convento. O se volete, Il meno peggio. Per cui, teniamocelo stretto. E se proprio non ce la fate a sentire l`ennesima barzelletta sconcia, turatevi le orecchie e pensate che oltre a non ridere la sinistra si incazzerà ancora di più.

FOTOFOTO RITRATTO BERLUSCONI

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal