BANANA D’ACCIAIO: FALLITO IL RIBALTONE, FINIREMO LA LEGISLATURA - PRONTO IL TRIPLETE DELLE RIFORME: GIUSTIZIA, FISCO E ARCHITETTURA COSTITUZIONALE - SULLA LIBIA IL MINIMO SINDACALE (E INCAZZATO CON L’UE MINACCIA PURE DI RIDURRE LE ALTRE MISSIONI ALL’ESTERO) - IL PDL SI RICOMPATTA A CENA: SCAJOLA METTE LE BRIGLIE AI SUOI ’AZZURRI DELLA LIBERTÀ’ - GRANATA L’USCIERE: “URSO E RONCHI VADANO PURE” - CASTELLI: BRIGANDÌ NON È UN BRIGANTE - INTERCETTAZIONI: PANIZ (PDL), VIA LIBERA ENTRO L’ESTATE - LOMBARDO: “NESSUNO MI PUÒ GIUDICARE (NEL FRATTEMPO DATEMI UN GIUDICE IMPARZIALE)”…

Condividi questo articolo

1. PER...
Jena per \"La Stampa\"
- Primarie obbligatorie per legge, ovvero Veltroni moltiplicato per Veltroni.

CasiniCasini e Berlusconi

2. BERLUSCONI IN CDM, FALLITO RIBALTONE, AVANTI FINO A FINE LEGISLATURA...
(Adnkronos)
- Vado avanti, la maggioranza c\'e\', abbiamo dimostrato ancora una volta di tenere. Durante il Cdm, riferiscono fonti ministeriali, Silvio Berlusconi annuncia l\'ingresso al governo dell\'esponente de \'La Destra\' Nello Musumeci come sottosegretario al Lavoro, ribadendo che ci sono i \'numeri\' per completare la legislatura.

Hanno tentato di fare un ribaltone, ma non ce l\'hanno fatta e non ci riusciranno, sarebbe stato il ragionamento del Cavaliere, che sarebbe tornato a puntare il dito su Gianfranco Fini e certa magistratura che, con la sponda della sinistra, punterebbe a disarcionarlo da palazzo Chigi.

lala russa

3. BERLUSCONI: LASCERO\' SEGNO NEL PAESE;POI ANCHE CASINI TORNERA\'...
(AGI)
- Ora voglio portare a termine le tre riforme epocali: la giustizia, la riforma del fisco, l\'architettura istituzionale con il federalismo. Ho intenzione di lasciare un segno nel Paese, e solo allora potro\' pensare anche di fare il padre nobile del partito. Ieri Silvio Berlusconi, incontrando un parlamentare a palazzo Grazioli, ha ribadito i ragionamenti fatti ai corrispondenti della stampa estera: quaranta minuti di riflessioni, confidenze e di battute (il Cavaliere, viene riferito, ha modificato in maniera simpatica il nome del coordinatore del Pdl, Ignazio La Russa, in \'Ignazio La Rissa\', riferendosi all\'incidente in aula di cui e\' stato protagonista lo stesso ministro).

4. LA RUSSA PONE NODO CAMBIO MISSIONE; FERMI PREMIER-LEGA...
(ANSA)
- Punti di vista differenti in Consiglio dei ministri sulla posizione italiana in merito all\'intervento in Libia. Secondo quanto riferito da fonti governative, il ministro della Difesa Ignazio La Russa ad inizio riunione avrebbe posto il problema delle richieste degli alleati. In particolare, della possibilità di un uso degli aerei come in Kosovo, e cioé su altri obiettivi oltre a quelli attualmente previsti dei soli radar libici. Il responsabile della Difesa, avrebbe sottolineato tra l\'altro che il Parlamento, avendo già approvato l\'operazione, non dovrebbe nuovamente autorizzare questo cambiamento di target.

PANIZPANIZ DI PIETRO

La risposta del presidente del Consiglio, spalleggiato dai ministri della Lega è stata però molto ferma. Sia il capo del governo che gli esponenti del Carroccio si sarebbero detti contrari a qualsiasi ulteriore impiego degli apparecchi italiani nei raid. Il premier avrebbe spiegato che l\'Italia è già molto impegnata con la concessione delle basi per la partenza delle missioni dell\'Onu e che una valutazione di un ulteriore impegno militare per il momento è rimandata. Sono valutazioni che ci riserviamo per il futuro, avrebbe aggiunto il premier. Posizione sulla quale, riferiscono sempre i presenti, La Russa avrebbe convenuto dicendosi d\'accordo con la linea di mantenere inalterata la missione.

5. BERLUSCONI, RIVEDERE NOSTRE MISSIONI ALL\'ESTERO...
(ANSA)
- Le nostre missioni all\'estero vanno riviste, anche riducendo i contingenti ed il numero di militari impegnati. E\' quanto avrebbe detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, conversando con alcuni ministri a latere del Consiglio dei ministri.

Secondo quanto si apprende, il premier avrebbe sottolineato il grande impegno profuso, anche economico, nelle operazioni militari italiane all\'estero. Di fronte all\'emergenza immigrazione, che comporta anche costi ingenti per il Paese con l\'applicazione del blocco navale e le operazioni di accoglienza, il premier avrebbe ventilato l\'ipotesi di ridurre la partecipazione italiana in alcune missioni molto impegnative dal punto di vista economico. Berlusconi ne avrebbe parlato dopo la riunione ministeriale. Tra le missioni citate ci sarebbe anche quella in Libano.

FABRIZIOFABRIZIO CICCHITTO

6. INTERCETTAZIONI: PANIZ (PDL), VIA LIBERA ENTRO L\'ESTATE...
(AGI)
- Silvio Berlusconi anche oggi ha rilanciato sulla riforma delle intercettazioni. Maurio Paniz, relatore della legge sulla prescrizione breve, si dice convinto che il provvedimento, fermo dal giugno del 2009 in Commissione giustizia, avra\' il via libera dell\'Aula di Montecitorio \"entro l\'estate\".

7. PDL:CICCHITTO, LA CENA E\' STATO IL CALUMET DELLA PACE...
(ANSA)
- \'La cena? E\' stato il calumet della pace, nel senso che si e\' registrato il consolidamento del gruppo dirigente del partito intorno a Berlusconi\'. Cosi\' Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera, al termine della cena con i ministri e i dirigenti del partito.

8. SCAJOLA, ERO PRONTO A FARE GRUPPI, DOVEVAMO CHIAMARCI \'AZZURRI DELLA LIBERTA\'...
(Adnkronos)
- Siamo nati per unire, non per divide. Ieri a cena con i 57 parlamentari della sua Fondazione \'Cristoforo Colombo\' Claudio Scajola ha chiesto di mettere da parte ogni malcontento, perche\' e\' il momento di essere compatti attorno a Silvio Berlusconi. L\'ex ministro dello Sviluppo economico, raccontano, avrebbe ricostruito quanto accaduto nei mesi scorsi, confermando che c\'e\' stato un momento in cui era pronto a lanciare i gruppi parlamentari autonomi ed aveva anche scelto anche il nome della sua nuova creatura politica: \'Azzurri della liberta\' per Berlusconi presidente\' a dimostrazione della continuita\' con lo spirito azzurro del \'94.

Il \'varo\' della formazione sarebbe poi tramontato, avrebbe spiegato Scajola, perche\' l\'operazione non sarebbe stata gradita dal Cavaliere, preoccupato dalle ripercussioni interne al partito in un momento gia\' delicato sul fronte giudiziario (caso Ruby in testa) e internazionale (dalla crisi libica all\'emergenza immigrati). Ad ascoltare le parole dell\'ex coordinatore azzurro della cosiddetta traversata del deserto, c\'era l\'ex ministro e tessera numero due di Fi, Antonio Martino.

CLAUDIOCLAUDIO SCAJOLA

9. GRANATA, URSO E RONCHI SE NE VADANO PURE...
(ANSA)
- \'Gli incarichi sono provvisori, noi vogliamo essere un partito vero, realmente democratico. Quando si faranno tutti i congressi a livello locale stara\' a loro guadagnarsi il consenso interno\' oppure \'si faccia questa rottura se non si vede l\'ora di tornare nel Pdl\'. Lo afferma al Fatto Quotidiano l\'esponente di Fli Fabio Granata, rivolgendosi ad Adolfo Urso e Andrea Ronchi.

Sul voto delle amministrative Granata conferma che Fli a Milano punta su Pisapia. \'Si\' - afferma - ma questo non lo decidiamo solo io e Italo Bocchino. Riuniremo i nostri organismi e come metodo dovremo avere la qualità della classe dirigente e dei progetti amministrativi. Un partito democratico fa così\'.

URSO-BOCCHINO-GRANATAURSO-BOCCHINO-GRANATA

10. REGIONALI LOMBARDIA, 10 INDAGATI PER FIRME FALSE...
(LaPresse)
- Dieci consiglieri comunali e provinciali della Lombardia sono indagati dalla procura di Milano per falso ideologico in relazione per aver presentato, secondo il Pm Alfredo Robledo, circa 700-800 presunte firme false a sostegno della lista \'Per la Lombardia\' di Roberto Formigoni alle ultime elezioni regionali. Le firme considerate false dall\'accusa riguarderebbero anche il listino provinciale milanese del Popolo della Libertà.

11. CSM: CASTELLI, EVIDENTE ATTACCO A BRIGANDI\' E ALLA LEGA...
(Adnkronos) -
\"E\' evidente che la decisione della decadenza di Brigandi\' dal Csm, che non ha precedenti, non e\' solo un attacco allo stesso Brigandi\', uomo troppo scomodo per sedere in uno dei fondamentali centri del potere del sistema italiano, ma anche alla Lega Nord, partito che da\' sempre piu\' fastidio a quel pezzo di Paese che non vuole cambiare\'. Lo afferma il vice ministro alle Infrastrutture Roberto Castelli, che esprime \"piena solidarieta\'\" a Brigandi\'.

RobertoRoberto Castelli

12. PENTITO, ANGELO LOMBARDO AMICO DI MALAVITA CATANESE, FRATELLO RAFFAELE NO...
(Adnkronos)
- \"Angelo Lombardo e\' amico di tutta la malavita catanese e questo lo affermo; Raffaele Lombardo non mi sento di dire che e\' amico della malavita di Catania, Angelo Lombardo al centouno per cento\". E\' questo uno dei passaggi dell\'interrogatorio reso ai magistrati catanesi da Gaetano D\'Aquino esponente della cosca mafiosa Cappello che sta collaborando con la giustizia, agli atti dell\'inchiesta Iblis.

RAFFAELERAFFAELE LOMBARDO

13. LOMBARDO, VERSO DI ME PRESUNZIONE DI COLPEVOLEZZA. \'VOGLIO ESSERE GIUDICATO DA GIUDICE TERZO\'...
(Adnkronos)
- \"Mi accorgo che c\'e\' una presunzione di colpevolezza nei miei confronti. Io voglio essere giudicato da un giudice terzo\". A dirlo e\' stato il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo tornando a parlare dell\'inchiesta antimafia della Procura di Catania che lo vede coinvolto.

Chiunque puo\' essere accusato dei crimini piu\' nefasti -ha proseguito- chiunque puo\' raccontare le frottole piu\' grandi per controbattere, ma ci vuole una terza persona che dica chi ha ragione e chi ha torto. Ci vuole un giudice terzo che sono pronto a trovare anche nei giornalisti, alla luce pero\' dei fatti e delle carte dell\'inchiesta, perche\' finora -ha concluso Lombardo- ho letto solo indiscrezioni\".

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal