LA BEFANA A TRIA E’ ARRIVATA IN ANTICIPO: CARBONE! - QUANDO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA L’HA SCELTO COME CAPO DI GABINETTO, L’HA FATTO SOPRATTUTTO PER APRIRSI UN CREDITO NEI CONFRONTI DEI 5STELLE CHE LO SPONSORIZZAVANO. MA ORA LUIGI CARBONE HA DECISO DI “ALLARGARSI” E DI COSTITUIRSI UN PROPRIO SERVIZIO DI COMUNICAZIONE; ALL'INSAPUTA DEL MINISTRO. CHE, A QUANTO PARE, SI È PESANTEMENTE INDISPETTITO (EUFEMISMO)

-

Condividi questo articolo

Dagonews

 

Chissà se Giovanni Tria immaginava che Luigi Carbone fosse così scaltro. Quando il ministro dell'Economia lo ha scelto come capo di gabinetto, lo ha fatto soprattutto per aprirsi un credito nei confronti dei Cinque Stelle che lo sponsorizzavano. Di certo, non poteva pensare che questo "figlio d'arte" frequentasse così tanto salotti e giornali.

tria tria

 

luigi carbone luigi carbone

Luigi Carbone, detto "carboncino" per non confonderlo con il padre (Giuseppe, ex presidente della Corte dei Conti), ha conquistato la vetta del ministero più potente d'Italia. Ed ha un unico timore: finire stritolato come Vincenzo Fortunato, il potente capo di gabinetto di Tremonti.

 

Così, ha deciso di costituirsi un proprio servizio di comunicazione; all'insaputa del ministro. Che, a quanto pare, si è pesantemente indispettito (eufemismo). Per curare la sua immagine, Carbone ha chiesto aiuto a Gianluca Comin, uomo di grandi relazioni ed esperienza. Comin, però, è un professionista, non lavora gratis. Così sembra che abbia sottoscritto un contratto economico con la Direzione generale del Tesoro, guidata da Alessandro Rivera.

 

Luigi Carbone Luigi Carbone GIUSEPPE CONTE E GIOVANNI TRIA GIUSEPPE CONTE E GIOVANNI TRIA

Tria, oltre all'arrabbiatura, sembra non sia andato. Anche se qualcuno gli ha fatto notare che non si era mai visto che la Direzione generale del Tesoro ed il capo di gabinetto del Mef si affidassero a professionisti esterni per seguire la comunicazione. Per questo, c'è il Portavoce del ministro, lo staff dell'ufficio stampa.

 

Condividi questo articolo

politica

DIECI PICCOLI INDIANI - BECCHI: ''L'ARRESTO DI DE VITO È LA FINE DEL M5S DI CASALEGGIO E GRILLO'', IL CUI SILENZIO È ORMAI ASSORDANTE. CADONO UNO A UNO E IL DISCORSO DELLE MELE MARCE STAVOLTA NON FUNZIONERÀ - GLI EX M5S BIONDO E CANESTRARI: ''LA CHIAVE È LA RIUNIONE DEL 20 FEBBRAIO 2017 IN CAMPIDOGLIO. C'ERANO RAGGI, GRILLO E CASALEGGIO. A CHE TITOLO? COME MAI DA QUEL MOMENTO CAMBIA TUTTO SULLO STADIO DELLA ROMA? SE LA PROCURA FA QUESTA DOMANDA CASCA TUTTO IL SISTEMA CASALEGGIO''