CAMBRIDGE BATTE I TACCHI E SI PIEGA ALLA CINA - LA CELEBRE UNIVERSITA’ INGLESE TOGLIE DAL SITO DELLA SUA RIVISTA "CHINA QUARTERLY" 315 ARTICOLI SU TIBET, HONG KONG, PIAZZA TIENANMEN E TAIWAN - SE NON L’AVESSE FATTO, PECHINO AVREBBE BLOCCATO L’ACCESSO ALLA TESTATA IN UN MERCATO CHE VALE 300 MILIONI

-

Condividi questo articolo

 

Francesco Battistini per “il Corriere della Sera

 

Università di Cambridge Università di Cambridge

Per trecento articoli e trecento milioni. Per quei trenta denari che tradiscono otto secoli di storia. «Vi siete venduti l' anima». «Patetici, non pragmatici». I commenti di studenti e prof sono duri. Perché passi che i cinesi vengano a comprarsi società e soccer, ma giù le mani dalle università inglesi.

 

La Cambridge University Press, casa editrice più antica del mondo, ha cancellato 315 articoli dal sito d' una sua rivista, China Quarterly . Motivo: le minacce del governo comunista cinese di bloccare l' accesso alla testata e, di conseguenza, chiudere un mercato editoriale che vale più di 300 milioni di euro. I pezzi censurati riguardano alcuni tabù: Tienanmen e Hong Kong, Tibet e Taiwan.

Un auto contro la folla a Tienanmen h fg big right Un auto contro la folla a Tienanmen h fg big right

 

Messa alle strette, Cambridge ammette d' essere «turbata». Ma sostiene d' aver accettato la censura di poche centinaia di articoli solo «per assicurare che il resto del materiale rimanga online». Strana giustificazione, per l' inchino a un regime. Do you remember Regeni ? Fosse vivo Giulio, che per Cambridge lavorava e sulla morte del quale è calato un silenzio accademico ancora più imbarazzato, una domanda forse la porrebbe: quanto vale la libertà di ricerca, di fronte alla brutalità dei censori?

REGENI REGENI tibetano si da fuoco tibetano si da fuoco

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal