CARO AMICO MUAMMAR/1 - PARLA PRODI, VERO GRANDE SDOGANATORE DI GHEDDAFI, CHE LO INVITÒ A BRUXELLES NEL 2004 E POI NEL 2007 MANDÒ MILITARI ITALIANI SULLE MOTOVEDETTE LIBICHE (QUELLE CHE SPARANO AI PESCHERECCI ITALIANI) - “SÌ, MA IO NON ERO SERVILE NÉ HO FATTO GLI SHOW DI BERLUSCONI, LA NOSTRA DIFFERENZA È ANTROPOLOGICA. IL RITARDO NELLA REAZIONE MOSTRA CHE ORMAI CI SONO TROPPI LEGAMI E INTERESSI” - COME DIRE: NESSUNA VERA DIFFERENZA DI POLITICA ESTERA, SOLO QUALCHE BACIAMANO IN MENO…

Condividi questo articolo

Francesco Alberti per il \"Corriere della Sera\"

ProdiProdi stringe la mano a Gheddafi nel

Romano Prodi conosce bene la tenda di Gheddafi. E la spigolosità del personaggio. Fu il Professore, da presidente della commissione Ue, a sdoganare nel 2004 il raìs libico, gettando le basi per la sua prima visita in Europa dopo la fine dell\'embargo Onu. E fu ancora il Professore, di sponda con l\'allora ministro degli Esteri, Massimo D\'Alema, a raggiungere nel 2007 l\'intesa con Gheddafi sulla partecipazione di militari italiani a operazioni di pattugliamento a bordo di mezzi navali libici.

D\'altra parte, a conferma di un rapporto intriso di cordialità, basti ricordare che quando nel 2007 si diffuse nelle cancellerie la notizia di un raìs in coma, colpito da ictus, fu Prodi, in quel momento in visita ufficiale a Praga, a telefonargli, smentendo qualsiasi malore: «Gheddafi è nel deserto e gode ottima salute...» .

Professore, un raìs amico di tutti, quindi, a destra come a sinistra?
«Calma, calma... Non c\'è dubbio che sia interesse dell\'Italia avere buoni rapporti con la Libia, così come con tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo: ci sono convenienze reciproche, esiste una complementarietà, solo così si ottengono effetti benefici sul medio e lungo periodo. Ma esiste anche un altro aspetto, altrettanto importante: lo stile...» .

IlIl motopeschereccio Ariete mitragliato dalla motovedetta libica

Si riferisce al baciamano di Berlusconi a Gheddafi al vertice della Lega araba di un anno fa?
«Anche, ma la questione è più ampia. È un problema di dignità. Nelle relazioni tra Paesi è fondamentale il modo in cui si gestiscono i rapporti, occorrono equilibrio e reciproco rispetto. E invece il mio successore è sempre andato oltre, ha cercato lo spettacolo, lo show, ha blandito il raìs...» .

Forse non ricorda, Professore, ma in passato Gheddafi si è rivolto a lei chiamandola \"fratello\"...
(Risata) «D\'accordo, ma quello è un modo arabo di interloquire. Tra noi non c\'è mai stato servilismo, non c\'è mai stato bisogno di andare oltre quelli che sono i rapporti che si devono avere quando si rappresenta il proprio Paese. Tengo a ricordare che io, pur avendo contribuito alla preparazione del Trattato d\'amicizia tra Italia e Libia, non l\'ho firmato, ritenendolo inadeguato al raggiungimento dei nostri obiettivi. La verità è che esiste una differenza antropologica tra me e Berlusconi. E anche la lentezza con la quale l\'attuale governo ha reagito ai disordini è la conferma dell\'intreccio di legami e interessi che si sono venuti a creare. Un errore perché la violenza va condannata sempre e subito»

II fori di proiettile nel peschereccio italiano mitragliato dalla motovedetta libica

Pentito di aver contribuito a sdoganare Gheddafi di fronte all\'Europa?
«No, quella decisione ha contribuito a svelenire il clima nell\'area nordafricana, teatro in passato di tentativi di destabilizzazione da parte della Libia» .

Ma si aspettava che l\'ex amico Gheddafi tirasse bombe sui manifestanti?
«Non mi aspettavo nulla di tutto ciò. Non pensavo si potesse arrivare a questo punto. È una situazione che sembra al di fuori di qualsiasi controllo. È veramente angosciante» .

ROMANOROMANO PRODI

Pretestuose le critiche e i sit-in del Pd contro il governo?
«Le polemiche ci possono stare. Il punto è un altro: realizzare una politica che guardi all\'intero Mediterraneo e su questo occorre uno sforzo bipartisan. Io avevo proposto una banca con consiglieri del Nord e del Sud e università miste, ma dalla Ue non è arrivato un soldo. Anche di questo, oggi, paghiamo lo scotto» .

Nei suoi incontri con Gheddafi parlavate mai di diritti umani?
«In modo diretto no. Se ne accennava, a volte, ma non si metteva niente all\'ordine del giorno...» .

E il raìs che diceva?
«Ascoltava» .

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal