CASALEGGIO RUBA LA SCENA A GRILLO. E BEPPE RIALZA LA TESTA: “PER ME LASCIARE IL MOVIMENTO SAREBBE COME PER UN JAZZISTA DARSI AL LISCIO” – DI MAIO HA I MIRAGGI: “ABBIAMO GIA’ VINTO”. E PRONTO A FARE ALLEANZE CON CHI CI STA – DOMANI INIZIANO LE “PARLAMENTARIE” DI M5S

-

Condividi questo articolo

 

Emanuela Buzzi per il Corriere della Sera

 

GRILLO DI MAIO CASALEGGIO GRILLO DI MAIO CASALEGGIO

Campagne parallele. I vertici del Movimento sembrano viaggiare su due binari distinti. Beppe Grillo e Davide Casaleggio stanno affrontando le settimane che precedono il voto in modo diametralmente opposto, quasi paradossalmente invertendo i loro ruoli. Chi è abituato al proscenio, come Grillo, sembra defilarsi. Chi invece ha sempre respinto i riflettori - è il caso di Casaleggio - si trova a vivere sotto le luci della ribalta.

 

Il presidente dell' Associazione Rousseau nell' ultima settimana è stato molto spesso al fianco di Luigi Di Maio. Ha partecipato ad eventi con il candidato premier del Movimento a Milano (mercoledì alla presentazione del sito sulle leggi da abolire), Torino (sabato a pranzo e in visita all' azienda aerospaziale Altec) e Ivrea (ieri alla presentazione del candidato sindaco Massimo Fresc). Una presenza visibile, ma - come consuetudine - di poche parole. Ieri lo stratega ha solo annunciato: «Vorrei ripetere l' iniziativa «Sum» dell' anno scorso a Ivrea» (si parla di aprile per la seconda edizione). Nessuna intenzione di entrare nell' agone del dibattito politico.

beppe grillo davide casaleggio beppe grillo davide casaleggio

 

Grillo, invece, dopo settimane di silenzio, è tornato a far sentire la sua voce. Ieri - in una lettera al Fatto Quotidiano - il garante ha smentito le voci di un suo passo d' addio: «Per me lasciare il Movimento sarebbe come per un jazzista darsi al liscio», ha scritto. E ancora: «Si vota fra meno di due mesi e dopo oltre 10 anni mi è girato il boccino così?». Una voce molto importante per i Cinque Stelle, quanto la sua presenza fisica. L' ultimo palco con Di Maio e Di Battista risale a ottobre, più di due mesi fa (alla manifestazione contro il Rosatellum). Questa settimana il garante sancirà la fine del suo sodalizio con la Casaleggio Associati e a fine gennaio tornerà in teatro con lo show Fake .

 

DI MAIO DI MAIO

Intanto per il Movimento sta per iniziare una settimana cruciale. Il voto (delle Parlamentarie) è alle porte: tra domani e dopo gli attivisti pentastellati saranno chiamati a scegliere i futuri candidati a Montecitorio e Palazzo Madama. Su YouTube si registrano video di presentazione di centinaia di candidati. Molti saranno presenti alla kermesse su Rousseau in programma da venerdì a Pescara, a cui parteciperà il sociologo Derrick de Kerkhove. A tenere banco, però, sono ancora i botta e risposta della campagna elettorale. Di Maio ieri ha attaccato il presidente del Consiglio, critico nei confronti dei pentastellati: «Se Gentiloni vuole fare campagna elettorale lo dica chiaro e si dimetta».

luigi di maio a brescia engineering luigi di maio a brescia engineering

 

Stoccate anche per gli avversari politici: «Sia Renzi che Berlusconi dicono che la battaglia è contro di noi. Ogni volta che dicono questo capisco che abbiamo già vinto». Di Maio ha parlato anche di natalità e migranti («Non rassegniamoci alle poche nascite favorendo l' immigrazione. Prima sosteniamo le nostre famiglie che decidono di avere dei figli») e ha ribadito ancora possibili convergenze politiche dopo il voto nel caso i Cinque Stelle non raggiungessero il 40%: «Non vogliamo restare nell' angolo non vogliamo lasciare il Paese nel caos». Lega e Liberi e uguali non chiudono all' ipotesi.

 

Condividi questo articolo

politica

MALETTON! - DI MAIO ATTACCA IL PD E GLI RINFACCIA DI AVER PROROGATO LA CONCESSIONE AD AUTOSTRADE PER L’ITALIA “DI NOTTE” CON UNA “LEGGINA” INSERITA NELLO “SBLOCCA ITALIA” NEL 2015. E LASCIA INTENDERE CHE BENETTON AVREBBE FINANZIATO I PARTITI E LA CAMPAGNA ELETTORALE DEI DEM - RENZI LO ACCUSA DI ESSERE UN “BUGIARDO” E UNO “SCIACALLO” – SAREBBE ANCHE INTERESSANTE SAPERE CON QUANTA PUBBLICITÀ BENETTON HA “SEDOTTO” STAMPA E TV, VISTO CHE NON SI VEDE MAI UNA LORO FOTO IN PRIMA PAGINA...

LUCIA ANNUNZIATA CONTRO IL GARANTISTA MENTANA: ''LA REVOCA DELLA CONCESSIONE VA PROBABILMENTE CONTRO LO STATO DI DIRITTO. MA È DIFFICILE DIFENDERE I DIRITTI DI QUALCUNO CHE NON RISPETTA I DIRITTI DI TUTTI. DOVE E' LA CELEBERRIMA E IPERCOMUNICATIVA FAMIGLIA BENETTON? IN TRE GIORNI DI DOLORE E DISCUSSIONI, NON CI HANNO MAI MESSO LA FACCIA, NON SI SONO ASSUNTI NEMMENO LA RESPONSABILITÀ MORALE - GENOVA È LA PERFETTA RAPPRESENTAZIONE DI TUTTE LE RAGIONI DELLA RIVOLTA ELETTORALE CHE HA DATO LA STRAGRANDE VITTORIA AL POPULISMO''