CHI NON È CON ME È CONTRO DI ME – BERLUSCONI VUOLE LA PROVA D’AMORE DEI SUOI PARLAMENTARI E CHIEDE DI LAVORARE SENZA INDUGI PER LA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE – DAGOESCLUSIVA: ECCO IL MANIFESTO POLITICO DISTRIBUITO DAL BANANA CHE VUOLE FARE DA PONTIERE PER UN’ALLEANZA TRA POPOLARI E SOVRANISTI A BRUXELLES – MA SILVIONE NON TIRA PIÙ COME UNA VOLTA E HA UNA PAURA MATTA DELL’ESODO DEGLI AZZURRI VERSO SALVINI (SONO GIÀ PRONTI UNA DOZZINA)

-

Condividi questo articolo

Marco Antonelli per Dagospia

 

LE RIFLESSIONI DI BERLUSCONI LE RIFLESSIONI DI BERLUSCONI

Ormai anche in Forza Italia non è più tutto oro quello che luccica. Dopo i fasti del passato con milioni di elettori spasimanti per Re Silvio Berlusconi, negli ultimi mesi sono cominciati i guai seri. E Berlusconi non è più intenzionato a fare sconti a nessuno, nemmeno ai "suoi". Tant'è che ieri, per la prima volta nella storia ultraventennale del partito, avrebbe fatto capire senza mezzi termini ai propri parlamentari che" chi non condivide la mia linea se ne può anche andare". Insomma, come un grillino qualsiasi.

documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 4 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 4

 

 

Ma c'è di più, perché come Dagospia è in grado di rivelare carte alla mano (a dispetto delle smentite di rito dei parlamentari presenti alla riunione pronti a sostenere che "nessun documento è stato mostrato"), ieri durante l'incontro con il Cavaliere è stato anche distribuito un vero e proprio "manifesto politico" per il nuovo corso di Forza Italia, nuovo corso che richiederà lacrime e sangue  oltreché fedeltà assoluta: vista la delicatezza del momento, si legge tra l'altro, è necessario "lavorare compattamente per promuovere" il partito e la candidatura di Silvio Berlusconi alle europee (che però come Dagoanticipato nei giorni scorsi non sarà in tutta Italia perché nelle regioni centrali capolista sarà Antonio Tajani).

BERLUSCONI TAJANI BERLUSCONI TAJANI

 

Bisogna lavorare per una "nuova Europa" che dovrà basarsi sull'intesa tra popolari e sovranisti. Insomma, chi non condivide i valori del Cavaliere può anche andarsene. Quella è la porta.  Ma c'è una ragione in tutto questo, c'è una ragione ben precisa che ha spinto il Cav a mettere nero su bianco con tanto di carta e penna le sue idee, ed è la paura matta che Silvio Berlusconi ha di Matteo Salvini.

berlusconi salvini berlusconi salvini

 

Infatti, spiegano fonti di alto livello del partito azzurro, il tema del prossimo futuro sarà proprio questo: quanti lasceranno Forza Italia per andare con la Lega? Pare che ce ne siano già una dozzina pronti a fare il grande salto. Ma per ora Matteo Salvini tiene ben chiusa la porta di via Bellerio. Ma fino a quando? L'asticella di Forza Italia per le europee è fissata al 10%. Al di sotto di questo risultato, considerato il minimo indispensabile dai vertici del partito si rischia il fuggi fuggi.

documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 10 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 10 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 14 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 14 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 11 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 11 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 9 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 9 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 13 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 13 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 12 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 12 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 8 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 8 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 5 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 5 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 1 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 1 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 3 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 3 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 2 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 2 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 6 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 6 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 16 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 16 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 7 documento distribuito da berlusconi ai parlamentari di forza italia per le europee 7

BERLUSCONI TRA I LEADER DEL PPE A SOFIA BERLUSCONI TRA I LEADER DEL PPE A SOFIA BERLUSCONI COME MALGIOGLIO BERLUSCONI COME MALGIOGLIO

 

Condividi questo articolo

politica

MA NON ERANO QUELLI DELL’ONESTA’? IL GRILLINO MARCELLO DE VITO ARRESTATO PER CORRUZIONE: PER I GIUDICI IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE AVREBBE INTASCATO “SOLDI” IN CAMBIO DELLA PROMESSA DI PORTARE AVANTI IL PROGETTO DEL NUOVO STADIO DELLA ROMA A TOR DI VALLE: “ERA A DISPOSIZIONE DEI COSTRUTTORI PARNASI, TOTI E STATUTO” – E' UNA BOMBA CHE SCUOTE IL CINQUE STELLE ROMANO E L'AMMINISTRAZIONE RAGGI – ALTRI TRE IN MANETTE- IN CORSO PERQUISIZIONI IN CAMPIDOGLIO E NEGLI UFFICI DI ACEA

SPIA MA NON LASCIA SPIARE - XI ARRIVA A ROMA GIOVEDÌ E L'OBIETTIVO È TENERLO IL PIÙ LONTANO POSSIBILE DA VIA VENETO, SEDE DELL'AMBASCIATA AMERICANA, DOVE LA LEGGENDA VUOLE CHE SIANO INSTALLATE ANTENNE COSÌ POTENTI DA CAPTARE QUALSIASI CONVERSAZIONE - QUANDO GIRERÀ IN CITTÀ OCCHIO AI SUOI ''JAMMER'', CHE FARANNO SALTARE LE CONNESSIONI DI TUTTI I TELEFONI INTORNO ALL'AUTO DEL PRESIDENTE CINESE - LUI, LA MOGLIE E LA DELEGAZIONE DORMIRANNO AL PARCO DEI PRINCIPI, A POCHI METRI DA VILLA TAVERNA (MA L'HOTEL E' SCHERMATO A DOVERE)