CONTINUA LA MARCIA MINACCIOSA DEI 7.233 CHE VOGLIONO ARRIVARE NEGLI USA DAL CENTRO AMERICA E TRUMP ALLERTA LA GUARDIA DI FRONTIERA E L’ESERCITO: “È UN’EMERGENZA NAZIONALE. LA POLIZIA E L’ESERCITO DEL MESSICO NON SONO IN GRADO DI FERMARLI. LE LEGGI DEVONO CAMBIARE” – “THE DONALD” GODE: IL SUO TASSO DI APPROVAZIONE È AL 47%, IL MASSIMO DA QUANDO È PRESIDENTE, E PER LE MIDTERM… – FOTO E VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Valeria Robecco per “il Giornale”

 

donald trump donald trump

La carovana di migranti partita dal Centro America prosegue la sua marcia minacciosa verso gli Stati Uniti e Donald Trump allerta la guardia di frontiera e l' esercito. È «un' emergenza nazionale», tuona il presidente americano su Twitter. Nonostante le minacce del tycoon e la promessa di inviare le forze armate per proteggere il confine meridionale, il numero delle persone in cammino secondo le autorità di Guatemala e Messico è cresciuto a oltre 7mila.

 

la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 10 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 10

Per la precisione 7.233, affermano i dati dell' Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni), forniti dal portavoce dell' Onu. La maggior parte dei migranti proviene dall' Honduras e ha raggiunto Tapachula, nel sud ovest del Messico, dopo aver superato il confine con il Guatemala. «Purtroppo sembra che la polizia e l' esercito del Messico non siano in grado di fermare la carovana - scrive Trump - Vi si sono mescolati criminali e sconosciuti mediorientali. Ho allertato la guardia di frontiera e l' esercito che si tratta di un' emergenza nazionale».

 

la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 1 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 1

«Le leggi devono cambiare», twitta ancora il Commander in Chief, annunciando che Washington «comincerà a tagliare o a ridurre sostanzialmente gli imponenti aiuti regolarmente forniti a Guatemala, Honduras ed El Salvador», da dove è partita la carovana. Paesi che The Donald accusa nuovamente di «non essere stati capaci di fermare il flusso di persone che vogliono entrare illegalmente negli Usa».

 

la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 21 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 21

A rincarare la dose è il segretario di Stato Mike Pompeo (appena rientrato dal Messico): «Siamo profondamente preoccupati per la violenza provocata da alcuni membri del gruppo, e per l' apparente motivazione politica di alcuni organizzatori della carovana», dice, ribadendo che gli Stati Uniti non permetteranno ai clandestini di entrare o rimanere entro i loro confini.

la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 2 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 2

 

Il presidente messicano Enrique Pena Nieto, intanto, chiede un intervento dell' Onu per aiutare a stabilire se i migranti sono in possesso di valide domande di asilo o se devono essere rimandati nelle nazioni d' origine. E il suo successore Andres Manuel Lopez Obrador, che sarà in carica dal 1 dicembre, assicura come uno dei suoi principali obiettivi sia quello di raggiungere un accordo con Trump e con il premier canadese Justin Trudeau su un' iniziativa di cooperazione per lo sviluppo del Centro America e del Messico sudorientale.

 

la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 19 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 19

E mentre il Palazzo di Vetro ribadisce che la situazione va gestita «in conformità alle leggi internazionali», pur sottolineando il «diritto dei paesi di gestire le proprie frontiere», il tycoon torna a puntare il dito contro gli avversari politici. Affermando che la colpa è dei democratici, i quali non hanno consentito di cambiare le «patetiche leggi sull' immigrazione».

 

la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 22 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 22

«Ricordate le elezioni di Midterm», chiosa il presidente, che continua a fare campagna per i repubblicani in vista del voto del 6 novembre. Nelle scorse ore è stato ad Austin, in Texas, per sostenere la riconferma del senatore Ted Cruz, secondo i sondaggi avanti solo di pochi punti sul rivale Beto O' Rourke, astro nascente dem, che ha rivelato un forte carisma e una grande capacità di raccolta fondi. Perdere un seggio nello stato tradizionalmente conservatore del Texas sarebbe un segnale pericoloso per il partito, e così Trump ha deciso di mettere da parte ruggini e rivalità con Cruz, duramente criticato durante le primarie del Grand Old Party nel 2016.

la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 20 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 20

 

Nel frattempo sono i sondaggi a far esultare il presidente: l' ultima proiezione di Nbc e Wall Street Journal mostra che il suo tasso di approvazione è al 47%, ai massimi da quando è entrato alla Casa Bianca, una percentuale più alta di quella raggiunta dal predecessore Barack Obama nello stesso periodo del 2010 (al 45%). E cresce anche l' interesse degli elettori per il voto di Midterm, arrivato alla percentuale record del 68% tra i repubblicani e del 72% tra i democratici.

donald trump 1 donald trump 1 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 15 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 15 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 29 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 29 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 5 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 5 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 27 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 27 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 4 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 4 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 26 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 26 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 14 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 14 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 7 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 7 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 23 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 23 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 24 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 24 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 25 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 25 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 17 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 17 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 16 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 16 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 18 la marcia dei migranti del centro america verso gli usa 18

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica

RITRATTONE DI ALFONSO BONAFEDE BY GIANCARLO PERNA – “HA DUE PERSONALITA’: AFFETTATO E CORTESE E POI DIVENTA SCERIFFO DAL GHIGNO MALIGNO – E’ DI OBBEDIENZA ASSOLUTA AI CAPI E SE RINGHIA E GLI DICONO ‘A CUCCIA’ SI ACQUIETA – STIMO CHE SIA UN PO' STONATO: DEI SUOI 42 ANNI DI VITA, I PRIMI 19 LI HA VISSUTI NELLA NATIA MAZARA DEL VALLO, I SUCCESSIVI 23 A FIRENZE. EPPURE, COME IL PEGGIORE SORDO, GLI È RIMASTA INTATTA LA CADENZA TRAPANESE, SENZA UN'INFLESSIONE TOSCANA CHE SIA UNA…”