IL CULO COME LA FACCIA - MASSIMO CALEARO, UN REGALO RESIDUO DI WALTERLOO VELTRONI, RIESCE A FAR INCAZZARE ANCHE I SANTI: “DALL'INIZIO DELL'ANNO ALLA CAMERA SONO ANDATO SOLO TRE VOLTE, NON SERVE A NIENTE. ANZI, CREDO CHE DA QUESTO MOMENTO FINO ALLA FINE DELLA LEGISLATURA NON CI ANDRÒ PIÙ - CON LO STIPENDIO DA PARLAMENTARE PAGO IL MUTUO DELLA CASA CHE HO COMPRATO, 12MILA EURO AL MESE DI MUTUO. È UNA CASA MOLTO GRANDE”...

Condividi questo articolo
SCILIPOTI CALEARO CESARIOSCILIPOTI CALEARO CESARIO

Audio - http://www.corriere.it/politica/12_marzo_30/calearo-parlamento-inutile-pago-mutuo-porsche-gay_ea51b6a0-7a96-11e1-aa2f-fa6a0a9a2b72.shtml

Massimo Calearo e Dario Franceschini - Copyright PizziMassimo Calearo e Dario Franceschini - Copyright Pizzi

La Porsche "nascosta" al fisco? No, è solo immatricolata in Slovacchia. Lo stipendio da parlamentare? Per pagare il mutuo, anche se in parlamento non ci si va più. Premere il pulsante per votare? È usurante. Parola di Massimo Calearo, deputato di Popolo e Territorio, ex Pd e Api: «Dall'inizio dell'anno alla Camera sono andato solo tre volte, anche per motivi familiari. Rimango a casa a fare l'imprenditore, invece che andare a premere un pulsante. Non serve a niente. Anzi, credo che da questo momento fino alla fine della legislatura non ci andrò più».

L'USURA - L'onorevole è stato intervistato dalla trasmissione La Zanzara su Radio 24 e ha spiegato che la sua presa di posizione risale al cambio di governo: «Fino a novembre mi sono divertito a fare il consulente di Berlusconi sul commercio estero, ora non servo più. È usurante andare alla Camera solo a premere un pulsante». C'è sempre la strada delle dimissioni, per evitare un lavoro usurante, e il tornare a occuparsi del'azienda di famiglia con fabbriche in Slovacchia e in Tunisia che produce antenne per auto e non solo, e che distribuisce in esclusiva per l'Italia grandi marchi di sistemi di navigazione gps.

MASSIMO CALEARO E SIGNORAMASSIMO CALEARO E SIGNORA Massimo Calearo e Matteo Colannino - Copyright PizziMassimo Calearo e Matteo Colannino - Copyright Pizzi

Ma Calearo non ci pensa nemmeno: «Perché al posto mio entrerebbe uno del Pd molto di sinistra, un filo-castrista (Andrea Colasio, ndr). Con lo stipendio da parlamentare pago il mutuo della casa che ho comprato, 12mila euro al mese di mutuo. È una casa molto grande...». E poi c'è l'auto: «La mia Porsche è targata slovacca, l'ho comprata lì perché ho un'attività in quel paese con 250 dipendenti. È tutto perfettamente in regola. E poi in Slovacchia si possono scaricare tutte le spese per la vettura. In Italia no».

I GAY - «Due gay che si baciano? Mi fa schifo, lo facciano a casa loro. Mi giro dall'altra parte. Io sono normale e mi piacciono le donne», è la presa di posizione di Calearo su tutt'altro argomento: «I gay hanno altri gusti. Io io ho i miei, normali, e mi tengo i miei. La normalità è soggettiva, ma per me non sono normali».

ctt64 nicoletta picchio massimo calearoctt64 nicoletta picchio massimo calearo

LA SMENTITA - Venerdì sera, però, lo stesso Calearo ha voluto smentire quanto può chiaramente essere ascoltato negli audio della puntata della Zanzara: «Il Parlamento è composto da persone degnissime e all'altezza di svolgere bene il proprio ruolo. Intervistato da La Zanzara mi sono calato nello spirito della trasmissione della quale tutti quelli che la seguono ne conoscono il taglio, e i commenti di queste ore rispetto alla mie risposte non corrispondono al mio vero pensiero che è invece di grande rispetto per le istituzioni e per le persone che le guidano». Nessun passo indietro, invece, sull'ipotesi di non andare più alla Camera, ma di non dimettersi.

 

 

Condividi questo articolo