IL CULO COME LA FACCIA - MASSIMO CALEARO, UN REGALO RESIDUO DI WALTERLOO VELTRONI, RIESCE A FAR INCAZZARE ANCHE I SANTI: “DALL'INIZIO DELL'ANNO ALLA CAMERA SONO ANDATO SOLO TRE VOLTE, NON SERVE A NIENTE. ANZI, CREDO CHE DA QUESTO MOMENTO FINO ALLA FINE DELLA LEGISLATURA NON CI ANDRÒ PIÙ - CON LO STIPENDIO DA PARLAMENTARE PAGO IL MUTUO DELLA CASA CHE HO COMPRATO, 12MILA EURO AL MESE DI MUTUO. È UNA CASA MOLTO GRANDE”...

Condividi questo articolo
SCILIPOTI CALEARO CESARIOSCILIPOTI CALEARO CESARIO

Audio - http://www.corriere.it/politica/12_marzo_30/calearo-parlamento-inutile-pago-mutuo-porsche-gay_ea51b6a0-7a96-11e1-aa2f-fa6a0a9a2b72.shtml

Massimo Calearo e Dario Franceschini - Copyright PizziMassimo Calearo e Dario Franceschini - Copyright Pizzi

La Porsche "nascosta" al fisco? No, è solo immatricolata in Slovacchia. Lo stipendio da parlamentare? Per pagare il mutuo, anche se in parlamento non ci si va più. Premere il pulsante per votare? È usurante. Parola di Massimo Calearo, deputato di Popolo e Territorio, ex Pd e Api: «Dall'inizio dell'anno alla Camera sono andato solo tre volte, anche per motivi familiari. Rimango a casa a fare l'imprenditore, invece che andare a premere un pulsante. Non serve a niente. Anzi, credo che da questo momento fino alla fine della legislatura non ci andrò più».

L'USURA - L'onorevole è stato intervistato dalla trasmissione La Zanzara su Radio 24 e ha spiegato che la sua presa di posizione risale al cambio di governo: «Fino a novembre mi sono divertito a fare il consulente di Berlusconi sul commercio estero, ora non servo più. È usurante andare alla Camera solo a premere un pulsante». C'è sempre la strada delle dimissioni, per evitare un lavoro usurante, e il tornare a occuparsi del'azienda di famiglia con fabbriche in Slovacchia e in Tunisia che produce antenne per auto e non solo, e che distribuisce in esclusiva per l'Italia grandi marchi di sistemi di navigazione gps.

MASSIMO CALEARO E SIGNORAMASSIMO CALEARO E SIGNORA Massimo Calearo e Matteo Colannino - Copyright PizziMassimo Calearo e Matteo Colannino - Copyright Pizzi

Ma Calearo non ci pensa nemmeno: «Perché al posto mio entrerebbe uno del Pd molto di sinistra, un filo-castrista (Andrea Colasio, ndr). Con lo stipendio da parlamentare pago il mutuo della casa che ho comprato, 12mila euro al mese di mutuo. È una casa molto grande...». E poi c'è l'auto: «La mia Porsche è targata slovacca, l'ho comprata lì perché ho un'attività in quel paese con 250 dipendenti. È tutto perfettamente in regola. E poi in Slovacchia si possono scaricare tutte le spese per la vettura. In Italia no».

I GAY - «Due gay che si baciano? Mi fa schifo, lo facciano a casa loro. Mi giro dall'altra parte. Io sono normale e mi piacciono le donne», è la presa di posizione di Calearo su tutt'altro argomento: «I gay hanno altri gusti. Io io ho i miei, normali, e mi tengo i miei. La normalità è soggettiva, ma per me non sono normali».

ctt64 nicoletta picchio massimo calearoctt64 nicoletta picchio massimo calearo

LA SMENTITA - Venerdì sera, però, lo stesso Calearo ha voluto smentire quanto può chiaramente essere ascoltato negli audio della puntata della Zanzara: «Il Parlamento è composto da persone degnissime e all'altezza di svolgere bene il proprio ruolo. Intervistato da La Zanzara mi sono calato nello spirito della trasmissione della quale tutti quelli che la seguono ne conoscono il taglio, e i commenti di queste ore rispetto alla mie risposte non corrispondono al mio vero pensiero che è invece di grande rispetto per le istituzioni e per le persone che le guidano». Nessun passo indietro, invece, sull'ipotesi di non andare più alla Camera, ma di non dimettersi.

 

 

 

Condividi questo articolo



media e tv

COME SE FOSSE ANTANI - SI SCRIVE STORYTELLING, SI PRONUNCIA SUPERCAZZOLA: L’ARTE DI NON DIRE NIENTE, MA DI DIRLO COSÌ BENE CHE SEMBRA A TE DI AVER CAPITO MALE - DAL CONTE MASCETTI A RENZI: LA SUPERCAZZOLA E’ PIU’ VIVA CHE MAI

40 anni fa la prima supercazzola di Ugo Tognazzi alias Nello Mascetti in “Amici miei” - Oggi Renzi con le volte buone, le svolte ottime, i gufi, i rosiconi, potrebbe farcela a superare l’altro maestro del genere Berlusconi - Se Calamandrei era il padre della prima Repubblica, si potrebbe ben candidare il conte Mascetti a padre della seconda....

politica

CAMERON CON VISTA SUL MURO ANTI IMMIGRATI - DOPO LE LITI SUI PROFUGHI CON PARIGI, IL PREMIER INGLESE DÀ 7 MLN DI STERLINE AI FRANCESI PER BLINDARE CALAIS - UNA DECISIONE IN STILE ORBAN

Come se non bastasse la tragedia umanitaria e l’incapacità di Bruxelles di gestire il flusso migratorio ci si mette anche Cameron con le sue dichiarazioni sulla Gran Bretagna che proteggerà le sue frontiere dallo “sciame di persone” che arrivano attraverso il Mediterraneo - Intanto l’eurodeputato Roger Halmer propone su Twitter di riconquistare Calais, che «era inglese fino al 1558»...

business

FIUMICINO AL LUMICINO/2 – UN AEROPORTO NATO MALE E PROSEGUITO PEGGIO: APPENA INAUGURATO, NEL 1961, IL FONDO DELLA PISTA INIZIÒ A SGRETOLARSI – DOPO LA PRIVATIZZAZIONE (2000) INVESTIMENTI CON IL CONTAGOCCE – CON L’AUMENTO DEI DIRITTI SUI PASSEGGERI SONO PARTITI NUOVI LAVORI, MA LO SCALO È QUASI FERMO AGLI ANNI ‘80

Fino al 2012 a Fiumicino, dicono i numeri, i proprietari (prima Gemina poi Benetton) hanno investito un terzo di quanto in media si investiva negli altri aeroporti europei. 60, 70 milioni l’anno: il minimo per garantire la manutenzione ordinaria. Il sospetto della “Stampa”: l’aeroporto funziona con mille deroghe alle norme di sicurezza concesse dai Vigili del Fuoco.

cronache

SACRA MONNEZZA – SCENE DA UNA ROMA SURREALE: UN CAMIONCINO DELL’AMA SI PARCHEGGIA IN PIAZZA SAN PIETRO, DOVE NON C’È UN CASSONETTO (PER EVIDENTI RAGIONI DI SICUREZZA) – HA SOLO SBAGLIATO STRADA O IL NETTURBINO È ANDATO A FARSI DARE UNA BENEDIZIONE? AH SAPERLO...

Una lettrice di Dagospia segnala la singolare apparizione, in una città dove in tanti quartieri vorrebbero vedere un camioncino dell’Ama. Forse si sta sperimentando in gran segreto una qualche strategia di raccolta in vista del Giubileo…

sport

LA DISFATTA DELLA SAMP-BORIA - DOPO LE 4 PERE NEL PRELIMINARE DI EUROPA-LEAGUE, I TIFOSI CONTRO ZENGA: “VATTENE” - VIPERETTA DA’ 7 GIORNI AL TECNICO E SFERZA I SUOI: “BASTA SEGHE” - PIU’ VICINO IL RITORNO DI CASSANO - VIDEO

Dopo il tracollo contro il Vojvodina, il presidente ha tenuto un mini-vertice con i suoi più stretti collaboratori, Osti e Romei: ogni valutazione sulla panchina è rimandata a dopo la gara di Novi Sad - Zenga ai tifosi: “Colpa mia” - Ora che si è indebolita la posizione del tecnico nei confronti della proprietà si torna a parlare di Cassano...

cafonal