IL CULO COME LA FACCIA - MASSIMO CALEARO, UN REGALO RESIDUO DI WALTERLOO VELTRONI, RIESCE A FAR INCAZZARE ANCHE I SANTI: “DALL'INIZIO DELL'ANNO ALLA CAMERA SONO ANDATO SOLO TRE VOLTE, NON SERVE A NIENTE. ANZI, CREDO CHE DA QUESTO MOMENTO FINO ALLA FINE DELLA LEGISLATURA NON CI ANDRÒ PIÙ - CON LO STIPENDIO DA PARLAMENTARE PAGO IL MUTUO DELLA CASA CHE HO COMPRATO, 12MILA EURO AL MESE DI MUTUO. È UNA CASA MOLTO GRANDE”...

Condividi questo articolo
SCILIPOTI CALEARO CESARIOSCILIPOTI CALEARO CESARIO

Audio - http://www.corriere.it/politica/12_marzo_30/calearo-parlamento-inutile-pago-mutuo-porsche-gay_ea51b6a0-7a96-11e1-aa2f-fa6a0a9a2b72.shtml

Massimo Calearo e Dario Franceschini - Copyright PizziMassimo Calearo e Dario Franceschini - Copyright Pizzi

La Porsche "nascosta" al fisco? No, è solo immatricolata in Slovacchia. Lo stipendio da parlamentare? Per pagare il mutuo, anche se in parlamento non ci si va più. Premere il pulsante per votare? È usurante. Parola di Massimo Calearo, deputato di Popolo e Territorio, ex Pd e Api: «Dall'inizio dell'anno alla Camera sono andato solo tre volte, anche per motivi familiari. Rimango a casa a fare l'imprenditore, invece che andare a premere un pulsante. Non serve a niente. Anzi, credo che da questo momento fino alla fine della legislatura non ci andrò più».

L'USURA - L'onorevole è stato intervistato dalla trasmissione La Zanzara su Radio 24 e ha spiegato che la sua presa di posizione risale al cambio di governo: «Fino a novembre mi sono divertito a fare il consulente di Berlusconi sul commercio estero, ora non servo più. È usurante andare alla Camera solo a premere un pulsante». C'è sempre la strada delle dimissioni, per evitare un lavoro usurante, e il tornare a occuparsi del'azienda di famiglia con fabbriche in Slovacchia e in Tunisia che produce antenne per auto e non solo, e che distribuisce in esclusiva per l'Italia grandi marchi di sistemi di navigazione gps.

MASSIMO CALEARO E SIGNORAMASSIMO CALEARO E SIGNORA Massimo Calearo e Matteo Colannino - Copyright PizziMassimo Calearo e Matteo Colannino - Copyright Pizzi

Ma Calearo non ci pensa nemmeno: «Perché al posto mio entrerebbe uno del Pd molto di sinistra, un filo-castrista (Andrea Colasio, ndr). Con lo stipendio da parlamentare pago il mutuo della casa che ho comprato, 12mila euro al mese di mutuo. È una casa molto grande...». E poi c'è l'auto: «La mia Porsche è targata slovacca, l'ho comprata lì perché ho un'attività in quel paese con 250 dipendenti. È tutto perfettamente in regola. E poi in Slovacchia si possono scaricare tutte le spese per la vettura. In Italia no».

I GAY - «Due gay che si baciano? Mi fa schifo, lo facciano a casa loro. Mi giro dall'altra parte. Io sono normale e mi piacciono le donne», è la presa di posizione di Calearo su tutt'altro argomento: «I gay hanno altri gusti. Io io ho i miei, normali, e mi tengo i miei. La normalità è soggettiva, ma per me non sono normali».

ctt64 nicoletta picchio massimo calearoctt64 nicoletta picchio massimo calearo

LA SMENTITA - Venerdì sera, però, lo stesso Calearo ha voluto smentire quanto può chiaramente essere ascoltato negli audio della puntata della Zanzara: «Il Parlamento è composto da persone degnissime e all'altezza di svolgere bene il proprio ruolo. Intervistato da La Zanzara mi sono calato nello spirito della trasmissione della quale tutti quelli che la seguono ne conoscono il taglio, e i commenti di queste ore rispetto alla mie risposte non corrispondono al mio vero pensiero che è invece di grande rispetto per le istituzioni e per le persone che le guidano». Nessun passo indietro, invece, sull'ipotesi di non andare più alla Camera, ma di non dimettersi.

 

 

 

Condividi questo articolo



media e tv

ARTE ALLA BRACE - LA NUOVA FOLLIA SOCIAL E’ IL TATUAGGIO SOLARE: FAI UN DISEGNO CON LA CREMA PROTETTIVA, IL RESTO LO LASCI ALLA SCOTTATURA

La regola sotto il sole è: usare sempre la crema protettiva. Molti quest’anno hanno deciso di non seguirla, in nome dell’arte, unendosi al nuovo social trend “#sunburnart”, fortemente sconsigliato dai dermatologi perché può portare a tumori della pelle. Secondo “Cancer.org”, quest’anno si registreranno 73.000 casi di melanoma...

politica

MA QUALI STALIN E CHURCHILL! A SCONFIGGERE HITLER E’ STATO IL PARKINSON - UNO STUDIO SVELA COME LA MALATTIA AVESSE COLPITO LA MENTE DEL FUHRER, PORTANDOLO A SCELTE INCAUTE: DA STALINGRADO ALLA DIFESA DELLA NORMANDIA

Un nuovo studio condotto da un team di neurologi dell’università di Pittsburgh, Stati Uniti, sostiene che la malattia neurologica avrebbe condizionato pesantemente il temperamento del führer, influenzando anche le decisioni riguardo al destino degli ebrei e alla “soluzione finale…

business

Per Conforti, classe 1950, il pm Nello Rossi ha chiesto una condanna a due anni e mezzo di carcere per dissipazione. Fino al 2009, quando è sbarcato in Anas con la responsabilità degli affari legali, era uno dei top manager dell’Alitalia…

cronache

La prima indicazione che dà Abu Alharith è di non portare con sé computer o smartphone in quanto localizzabili. Arrivati in Turchia o in Libano, da dove poi si raggiungeranno i campi di addestramento in Siria, bisogna vendere i cellulari e prenderne uno ultra-basic. Ammessa una sola valigia a testa. Al resto penserà il Califfato con i bottini di guerra…

sport

POG-BARÇA? NO SE PUEDE - LA JUVE RESPINGE L’OFFERTONA DI 80 MILIONI DEL BARCELLONA PER POGBA - L’AD BIANCONERO MAROTTA: “NON È IN VENDITA” - ASTA PER IL FRANCESE: LO VOGLIONO ANCHE CITY, REAL E PSG

Pranzo a Milano tra Barcellona e Juventus: respinta l’offerta di Bartomeu - Occhio al Psg: l’Uefa ha revocato le sanzioni e la società parigina può tornare ad operare sul mercato senza limiti di spesa - Ma per portare Pogba sotto la torre Eiffel occorrono non meno di 100 milioni e un contratto da 10 milioni per il francese (Raiola già freme...)

cafonal

All’inizio per ogni telefonino spento se ne accendevano altri due. Poi sono cominciati i vaffa più seri e, quando infine un gorilla ci ha provato con le mani, la rivolta della volgarità e della tecnologia è diventata inarrestabile: «vattela a pijà ‘nder c…». Sino all’avanzata dei telefonini accesi sotto il palco…