FORZA PADANIA - BOSSI AVVISA SALVINI: “SILVIO MI HA OFFERTO UN POSTO NELLA SUA LISTA”. IL SENATUR MINACCIA DI ANDARSENE DALLA LEGA INGRATA, MA PRIMA CI SONO I REFERENDUM IN VENETO E LOMBARDIA: ‘SONO PIÙ IMPORTANTI DELLA POLITICA NAZIONALE. DOBBIAMO DIMOSTRARE A ROMA CHE NON NE POSSIAMO PIÙ. AL RESTO PENSEREMO DOPO”

-

Condividi questo articolo

 

Alberto Mattioli per www.lastampa.it

 

BOSSI BERLUSCONI BOSSI BERLUSCONI

Senatùr, annuncia Brunetta che, se lei deciderà di andarsene dalla Lega ingrata, Forza Italia è pronta ad accoglierla. «Eh, ma non lo dice mica solo Brunetta. Me l’ha detto anche Berlusconi: se vuoi, in lista ti ci metto io».  

 

Parola di Umberto Bossi, alle prime uscite pubbliche dopo lo schiaffo di Pontida. Lui, il Fondatore, non invitato sul palco più leghista di tutti, anzi nemmeno nominato da Matteo Salvini. L’occasione per fai sentire è la festa “nazionale” della Lega lombarda, in un capannone di Brescia. E qui, per capire che “il Bossi” è forse sempre nel cuore dei militanti, ma di certo non in quello della gerarchia, basta dare un’occhiata ai manifesti. Ce ne sono tre: il primo pubblicizza il duetto fra Zaia e Maroni di giovedì scorso, il secondo il comizio di Salvini di venerdì, il terzo il “pranzo lombardo” a base di “porchetta bresciana” (sarà la via gastronomica al federalismo?) di oggi. Bossi risulta non pervenuto.  

UMBERTO BOSSI E SILVIO BERLUSCONI NEL NOVANTAQUATTRO UMBERTO BOSSI E SILVIO BERLUSCONI NEL NOVANTAQUATTRO

 

Invece coraggiosamente perviene, in buona forma, perfino in anticipo sui suoi abituali tempi nottambuli. Cena con uno dei suoi soliti menù pazzeschi, frittura di pesce e Coca-cola, in compagnia degli irriducibili per i quali Roma è ancora ladrona, la Padania un obiettivo e la Lega “nazionale” di Salvini un errore nel caso migliore, un tradimento nel peggiore.

 

Tipo il consigliere comunale seduto al suo tavolo con la maglietta «Padania is not Italy» che fa la domanda retorica: «Sai cosa vuol dire Ncs?». Certo, Noi Con Salvini... «No, Noi Con ’Stoc...», vabbé. E giù selfie, pacche sulle spalle, baci e abbracci di preferenza con le ragazze, meglio se belle. Poi, sì, ci sta anche l’intervista, «però facciamola sui referendum», intendendo quelli fai-da-te del Lombardo-Veneto del 22 ottobre.  

 

Ma perché sono così importanti?  

BERLUSCONI E BOSSI BERLUSCONI E BOSSI

«Per dimostrare a Roma che la Lombardia non ne può più. E per salvare la nostra economia. Solo l’anno scorso qui hanno chiuso 100 mila aziende. O teniamo i soldi dei lombardi in Lombardia e dei veneti in Veneto o si rischia che la crisi economica diventi una crisi sociale». 

 

Anche i leghisti del Piemonte annunciano che, se torneranno al potere in Regione, indiranno lo stesso referendum.  

«I referendum di Lombardia e Veneto sono un modello per il Nord, poi ogni regione farà quello che vuole. Evidentemente anche a Torino ne hanno piene le scatole di dare soldi a Roma». 

 

Non è un po’ paradossale che un voto atteso da sempre arrivino proprio quando la Lega non parla più di autonomia e poco anche di federalismo?  

«Può darsi. Ma l’occasione di fare finalmente il referendum è talmente importante che non dobbiamo sciuparla. Adesso l’importante è vincerlo». 

salvini bossi pontida salvini bossi pontida

 

Appunto: faccia delle previsioni.  

«Io dico che la gente andrà a votare e voterà sì». 

 

Più in Lombardia o più in Veneto?  

«Credo più in Veneto, i veneti hanno sofferto di più del centralismo romano, quando era impossibile perfino parlare nella loro lingua». 

 

A Pontida lei ha detto che potrebbe lasciare la Lega. Va o resta?  

«Per adesso resto». 

 

UMBERTO BOSSI E MATTEO SALVINI 3 UMBERTO BOSSI E MATTEO SALVINI 3

Per adesso?  

«Il referendum è così decisivo che tutto il resto passa in second’ordine. Prima vinciamolo, l’importante è questo». 

 

E poi?  

«Poi si vedrà». 

 

Insomma, potrebbe anche accettare l’offerta di Berlusconi. Difficile però una Lega senza Bossi...  

«Di certo Berlusconi l’offerta di candidarmi l’ha fatta. Ma credo che alla fine sarò candidato alle elezioni per la Lega». 

 

Ma nel centrodestra come finirà?  

«Io credo che si troverà l’accordo. Mi fido di Berlusconi, e non dimentico quello che ha fatto. Anche per la Lega». 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal