GHEDDAFI CHI? - NON È SOLO IL CAINANO AD ESSERE IMBARAZZATO PER I LECCAMANO E LE TENDE A VILLA PAMPHILI DEL CAPO DEI METRONOTTE DI TRIPOLI - NEL 2007 SARKOZY RICEVEVA IL COLONNELLO CON TUTTI LE POMPE E GLI ONORI, MENTRE OGGI NON VEDE L’ORA CHE UN MIRAGE GLI PIANTI UN MISSILE NEL CULO - E COSÌ DAL SITO DELL’ELISEO SPARISCONO LE FOTO DI QUEl FATALE INCONTRO…

Condividi questo articolo

Stefano Montefiori per \"il Corriere della Sera\"

SarkoSarko e Gheddafi

Non ci sono solo le amazzoni libiche a Roma negli archivi dell\'imbarazzo europeo. I passati rapporti con il Colonnello infastidiscono anche Nicolas Sarkozy che- secondo Le Monde e Les Inrockuptibles - avrebbe fatto opportunamente sparire dal sito della presidenza della Repubblica le foto della celebre visita di Gheddafi a Parigi, nel dicembre 2007.

L\'Eliseo ha negato e i giornali hanno poi confermato la censura delle immagini: in ogni caso quell\'incontro, concesso oltre tre anni fa come ringraziamento per la liberazione delle infermiere bulgare, resta il cavallo di battaglia di quei media francesi che approvano la missione militare, ma non vogliono celebrare troppo il suo comandante in capo. Sabato scorso, proprio mentre cominciava l\'operazione qui chiamata Harmattan, Le Monde è uscito con un lungo articolo dedicato al soggiorno parigino dell\'uomo ora diventato un nemico da bombardare.

NapoleoneNapoleone Sarkozy segue le operazioni militari

I momenti salienti della visita: la famosa tenda piantata nella corte dell\'Hotel Marigny, la delegazione ospitata al Ritz, la visita improvvisata a Versailles, e poi la richiesta più difficile, ovvero una partita di caccia. Dove fare sparare il Colonnello? Certo non nei boschi di Chambord pieni di cinghiali. Si preferì allora Rambouillet, dove Gheddafi dette prova di pessima mira uccidendo tre fagiani ma mancandone molti di più.

BACIAMONOBACIAMONO GHEDDAFI-BERLUSOCNI

In quei giorni l\'allora sottosegretaria ai diritti umani molto vicina a Sarkozy, Rama Yade, protestò «Fuoco di critiche su Gheddafi» Le Monde dell\' 11 dicembre 2007 perché la Francia veniva ridotta a «un tappetino dove i dittatori vengono a pulirsi le scarpe sporche di sangue» . Il presidente si infuriò e la Yade cominciò una lenta caduta in disgrazia (ora è ambasciatrice all\'Unesco) che potrebbe non essere finita. Sarkozy è di nuovo furibondo con lei perché la ex fedelissima ignora la svolta: quando il presidente riceveva Gheddafi lei lo criticava, ora che lo combatte non dice una parola.

 

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - LA GERMANIA VORREBBE CACCIARE A PEDATE L'AMBASCIATORE AMERICANO, CHE IL VICEPRESIDENTE DEL BUNDESTAG VUOLE DICHIARARE PERSONA NON GRATA - DIPLOMATICO ASSAI POCO DIPLOMATICO, VICINO A TRUMP E ALLA FAMIGLIA, TUTTA LA VERVE DI UN EX GIORNALISTA, TUTTA LA DETERMINAZIONE DI UN OMOSESSUALE MILITANTE CHE È ANCHE UN REPUBBLICANO E CONSERVATORE. LASCIATO A BAGNOMARIA PER UN ANNO, HA TRATTATO CON GLI INDUSTRIALI, PROVOCATO I POLITICI E INCORAGGIATO I SOVRANISTI. E ORA…