GIRA E RIGIRA, CAIRO HA SEMPRE LA TENTAZIONE DI SCENDERE IN POLITICA - IL PRESSING SU URBANETTO ARRIVA DA PIÙ PARTI: PER ORA TENTENNA E RESPINGE L'INVITO DI CHI LO VORREBBE ALLA TESTA DI UNA FORZA CENTRISTA, LIBERALE ED EUROPEISTA - CHISSA’ CHE LA CANDIDATURA NON ARRIVI GIA’ ALLE EUROPEE 2019…

-

Condividi questo articolo

francesco delzio urbano cairo francesco delzio urbano cairo

Pasquale Napolitano per “il Giornale”

 

La tentazione c' è. E il quadro politico in Italia, in fase di ricomposizione, potrebbe essere la spinta decisiva: Urbano Cairo non pare abbia accantonato l'idea di una discesa in politica. Il numero uno del Toro e de La7, da un anno presidente di Rcs-Mediagroup, valuta pro e contro sulla scelta di mollare, momentaneamente, la vita da imprenditore e assumere la guida di un nuovo movimento politico.

 

Il pressing sull' imprenditore di origini piemontesi arriva da più parti: per ora Cairo frena e non sembra intenzionato a raccogliere l' invito di chi lo vorrebbe alla testa di una forza centrista, liberale ed europeista. Valuta con attenzione l' ipotesi di spostare i propri interessi dal campo dell' editoria alla politica.

urbano cairo enrico mentana urbano cairo enrico mentana

 

Ieri, in un'intervista a La Verità, Luca Ricolfi, docente di analisi dei dati all'Università di Torino e responsabile scientifico della Fondazione Davide Hume, ha tratteggiato l'identikit del possibile leader di un movimento che riunisca i moderati e collochi l' Italia saldamente in Europa: identikit che corrisponde al profilo del patron del Torino. In passato il nome di Cairo è stato accostato al mondo dei Cinque stelle, ma il presidente di Rcs-Mediagroup ha negato di aver simpatie per i grillini.

urbano cairo urbano cairo

 

Oggi, rispetto a un anno fa, il quadro politico è in fase di evoluzione: in autunno si terranno le elezioni regionali in Basilicata, Trentino Alto Adige e Abruzzo. La Lega potrebbe decidere di rompere il centrodestra e lanciarsi tra le braccia del M5s, riproponendo il blocco sovranista, ora alla guida del Paese. In casa Pd, Matteo Renzi sta valutando l'idea di sganciarsi dalla sinistra e dare vita a un movimento autonomo che guarderebbe ai moderati del centrodestra.

 

Un cartello politico centrista ed europeista che avrebbe bisogno di una nuova leadership. E Cairo diventerebbe una opzione. L'imprenditore sarebbe, in uno scenario del genere, chiamato a guidare il fronte europeista. Il patron de La7 nega l' ipotesi che lo vorrebbe in campo già dalle elezioni Europee. Ma alcuni indizi confermano l' interessamento alla prospettiva di impegno politico: a maggio di un anno fa, Cairo è stato tra i pochi invitati alla cena a Milano durante la visita dell' ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama.

cairo cairo

 

Condividi questo articolo

politica