IDEONA DEL DUCETTO: FUORI I VECCHI E DENTRO GIOVANI ED INTELLETTUALI – MATTEO VUOLE RECUPERARE IL VOTO GIOVANILE, DOPO LA BASTONATA DEL REFERENDUM – FRENATA SUL RICAMBIO IN SEGRETERIA, VOLEVA SILURARE TUTTI I PARLAMENTARI PER FAR SPAZIO A SINDACI ED ALLE ASSOCIAZIONI

Condividi questo articolo

 

Goffredo De Marchis per la Repubblica

 

RENZI ASSEMBLEA PD1 RENZI ASSEMBLEA PD1

Ripartire dai punti deboli evidenziati nel referendum del 4 dicembre: il voto dei giovani e il rapporto con gl intellettuali. Matteo Renzi torna oggi a Roma (per fare ritorno a casa domani, il giorno del suo compleanno) ed è chiamato a fare quello che ha fatto poco in tre anni: il segretario del Pd. Le priorità sono la squadra, sulla quale fondare il Pd che andrà alle elezioni, e il profilo identitario del partito. «Ma non sarà un reset - dice il leader dem -. Il renzismo non è un incidente di percorso, una parentesi della storia. Questo Pd rappresenta ancora la sinistra riformista italiana».

RENZI ASSEMBLEA PD2 RENZI ASSEMBLEA PD2

 

Anche se pubblicamente l’analisi della sconfitta è stata veloce e non molto approfondita, la pausa natalizia è servita a Renzi per fare luce sui suoi difetti e su quelli del Partito democratico. Il segretario ha in mente un “piano giovani” che parta non dalle ideologie ma dalle proposte: partite Iva, ricerca e innovazione, strumenti previdenziali per i precari. Tre o quattro politiche concrete, dicono i suoi fedelissimi, che spostino l’asse generazionale.

Tommaso Nannicini Tommaso Nannicini

 

Oggi il bacino degli under 40 è in gran parte appannaggio dei 5 stelle. Se non si lavora su quella fascia d’età, le elezioni sono perse sicuro. A questa parte del programma lavoreranno Tommaso Nannicini, per gli interventi economici e sociali, e il presidente dell’associazione Volta Giuliano Da Empoli per la parte innovazione. Il segretario immagina anche un appuntamento nazionale sulle politiche giovanili che raduni le idee e le metta in circolo.

GIULIANO DA EMPOLI GIULIANO DA EMPOLI

 

Il rapporto con gli intellettuali, un pallino della sinistra fin dai tempi del Pci, è un’altra debolezza del renzismo. È un mondo che giorno dopo giorno ha preso le distanze dal Renzi premier, la cultura che aveva molto spazio alle Leopolde degli esordi, ha lasciato solo l’ex premier. Lo scrittore, ex magistrato ed ex senatore Gianrico Carofiglio entrerà nella nuova segreteria e toccherà a lui tenere i fili con studiosi, artisti, professori. Ma non basta. Renzi ha letto i “manifesti” post referendum sul futuro della sinistra di Massimo D’Alema e Pier Luigi Bersani (lo ha convinto più il secondo del primo). Il suo Pd dev’essere ora in grado di proporre una piattaforma alternativa convincente e attrattiva. Rilanciando il renzismo, su una base più studiata.

FILIPPO TADDEI FILIPPO TADDEI

 

La squadra è anche importante. L’intenzione di Renzi è l’azzeramento della segreteria, con l’eccezione dei due vicesegretari Lorenzo Guerini e Debora Serracchiani e di Filippo Taddei, il responsabile economico. Per farlo senza traumi ha bisogno di un criterio: fuori tutti i parlamentari che sono oggi 15 su 18. E spazio ai “territori” con il giovane sindaco di Mantova, Mattia Palazzi, 37 anni, ex Arci, nuovo pupillo renziano, al quale verrebbe affidato lo scouting di nuove leve per il Pd, il primo cittadino di Reggio Calabria Falcomatà e forse quello di Ercolano Bonajuto.

BERSANI E MAURIZIO MARTINA ALLA FESTA DELL UNITA BERSANI E MAURIZIO MARTINA ALLA FESTA DELL UNITA

 

Piero Fassino andrà agli Esteri. Il ministro Maurizio Martina (non parlamentare) entrerà, non all’organizzazione dove Renzi vuole mettere un fedelissimo. Ma i nomi della segreteria sono legati all’obiettivo principale di Renzi: le elezioni a giugno. Togliere tutti i parlamentari significa farsi qualche “nemico” tra coloro che dovranno staccare la spina a Paolo Gentiloni. Dunque, il repulisti non è ancora deciso in via ufficiale.

michele emiliano basket michele emiliano basket

 

E il congresso? Non è nella testa di Renzi che pensa al suo viaggio in Italia in chiave elettorale anzichè congressuale. Ma Michele Emiliano lo tallona e dalla Puglia è partito un documento che chiede il congresso subito firmato, tra gli altri, da Francesco Boccia e Dario Ginefra. «Le assise sono inevitabili, anche se si vota a giugno - dice Boccia -. Serve a tranquillizare il Pd, serve anche a Renzi se non sceglie l’autolesionismo di chi si chiude nel suo cerchio stretto».

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

1. PANCIERA GIALLA! FUNERAL PARTY PER BONCOMPAGNI CON LA MUSICA DI JAMES BROWN, I VIDEO, LE FOTO E I RICORDI DEGLI AMICI (VIDEO INEDITI: ARBORE, AMBRA, GHERGO, DAGO) 2. LO STUDIO DI VIA ASIAGO 10, DOVE NEL 1965 DEBUTTO' "BANDIERA GIALLA", TRASFORMATO IN CAMERA ARDENTE (MAI SUCCESSO PRIMA IN CASA RAI) CON BARA, FIORI, NEON E SCHERMI TV 3. E TUTTI HANNO RESO OMAGGIO AL GRANDE BONCO: RAFFAELLA CARRA', CLAUDIA GERINI, ISABELLA FERRARI, SABRINA IMPACCIATORE, ALBA PARIETTI, ENRICA BONACCORTI, VESPA E MENTANA, FRASSICA E FERRINI, LAURITO E VELTRONI, PALOMBELLI E GIOVANNINO BENINCASA