IO NON SO E NON HO LE PROVE – LA LETTERA DI BEPPE GRILLO ALL’AUTORITÀ DELLA PRIVACY, CHE INDAGA SUI SISTEMI INFORMATICI DELLA PIATTAFORMA ROUSSEAU: “NON SAPEVO CHE TRATTASSERO DATI PERSONALI” – MA NON ERA IL GARANTE SUPREMO DEL MOVIMENTO?

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Fabio Tonacci per “la Repubblica”

 

PIATTAFORMA ROUSSEAU PIATTAFORMA ROUSSEAU

Neanche Beppe Grillo, il Garante supremo del Movimento, può dire oggi di sapere cosa è veramente successo al sensibilissimo database degli elettori iscritti alla Piattaforma Rousseau (…) violata da un hacker un anno fa e, da allora, sotto inchiesta da parte dell' Autorità che vigila sulla Privacy.

 

Grillo non può indicare con certezza chi nel tempo abbia messo mano all' archivio, né fornire informazioni precise su come sia stato gestito, aggiornato e protetto. Né, ancora, escludere che nessuno abbia mai spiato gli iscritti del Movimento, andando a vedere cosa aveva votato e come (rischio che l' Authority ritiene possibile). Semplicemente perché non lo sa. (…)

 

La lettera a Soro

BEPPE GRILLO SUONA LA CAMPANELLA BEPPE GRILLO SUONA LA CAMPANELLA

Lo si capisce leggendo l' incartamento dell' inchiesta sui sistemi informatici della Piattaforma Rousseau e di altri siti del Movimento 5 Stelle, aperta dal Garante della Privacy un anno fa e che ha portato a gennaio a un provvedimento sanzionatorio per evidenti illeciti nel trattamento dei dati degli utenti iscritti.

 

(…)

 

Nel corposo fascicolo spunta, ad esempio, una lettera di Beppe Grillo, datata 27 febbraio 2018 e indirizzata al Garante della Privacy, nella quale il leader dei Cinque Stelle spiega alcuni aspetti fino ad allora oscuri. Chiarisce anzitutto che lui era il titolare formale del trattamento dei dati del blog beppegrillo.it, del portale movimento5stelle.it e della piattaforma Rousseau, ma che nell' aprile del 2016 aveva scaricato tale responsabilità sull' Associazione Rousseau, quindi su Davide Casaleggio.

PIATTAFORMA ROUSSEAU PIATTAFORMA ROUSSEAU

 

(…)  Infine, entra nel merito di una delle contestazioni mosse anche a lui dall' Autorità guidata da Antonello Soro, e cioè la mancata nomina di responsabili esterni del trattamento dati.  «Né il sottoscritto né l' Associazione Rousseau ritenevano di doverli nominare, poiché a quanto risultava al sottoscritto, non trattavano dati personali degli iscritti al blog e al Movimento».

 

Wind, Itnet e il database

BEPPE GRILLO - DI MAIO - DAVIDE CASALEGGIO BEPPE GRILLO - DI MAIO - DAVIDE CASALEGGIO

(…)

L' Associazione Rousseau tempo fa ha affidato a due provider esterni i servizi digitali per il funzionamento della Piattaforma. In questi casi, quando soggetti esterni si ritrovano a maneggiare dati personali di altri, vanno nominati responsabili del trattamento da chi gli ha affidato il servizio. È una misura a tutela del cittadino e serve a rendere più oculata la scelta dei provider esterni.

 

associazione Rousseau associazione Rousseau

Le due società in questione sono Wind e Itnet, e giocano un ruolo importantissimo in questa storia. Lo ha spiegato Davide Casaleggio agli ispettori del Garante, quando nell' ottobre scorso gli è stato chiesto chi fossero gli addetti alle funzioni di "amministratore di sistema" (quindi sistemi operativi, di gestione di base dati e di contenuti) della Piattaforma. «Le funzioni sistemiche sono affidate da Wind spa alla società Itnet, che mette a disposizione alcuni tecnici la cui identità è nota all' associazione Rousseau».

luigi di maio beppe grillo luigi di maio beppe grillo

 

Tradotto: Wind e Itnet si occupano di far girare la Piattaforma, e custodiscono i server con il prezioso database. Ma il Garante del movimento, Beppe Grillo, tutto ciò pare ignorarlo, tanto che per giustificarsi della mancata nomina a responsabili esterni del trattamento di Wind e Itnet (comunicata all' Authority solo a gennaio, dopo il provvedimento) si barrica dietro un incomprensibile «non mi risultava che trattassero dati personali».

 

(…)

hacker m5s rousseau hacker m5s rousseau

 

Il rischio profilazione

L' istruttoria dell' Authority è iniziata nel 2017 dopo che un hacker bucò la Piattaforma gestita dall' Associazione Rousseau, che, con la Casaleggio Associati, condivide la sede milanese di via Morone 6. Ed è lì, infatti, che nell' ottobre scorso si presentarono gli ispettori di Soro.

Davide Casaleggio ha sempre ribadito che la srl e l' Associazione sono realtà distinte, nonostante lui sia presidente di entrambe.

 

(…)

 

IL NUOVO BLOG DI BEPPE GRILLO IL NUOVO BLOG DI BEPPE GRILLO

Le contestazioni contenute nel provvedimento di gennaio erano molteplici, ma le più gravi riguardavano l' obsolescenza del software su cui "gira" la Piattaforma (gli aggiornamenti sono fermi al 2013) e la possibilità di ricostruire, per i singoli iscritti, lo storico delle votazioni. Cosa che all' Associazione Rousseau giurano di non aver mai fatto, ma che ha messo in allarme il Garante sui "rischi di profilazione" degli iscritti. A Davide Casaleggio, che ha già provveduto a tappare alcune delle "falle", è stata concesso fino al 30 settembre per mettere a posto, completamente, la Piattaforma.

BEPPE GRILLO BEPPE GRILLO

 

Condividi questo articolo

politica