“GIGGINO” PROMETTE IL BRILLOCCO A SALVINI SE GLIELA DA’ (LA FIDUCIA): M5S PRONTI A CONCEDERE LA FLAT TAX PUR DI IMBARCARE LA LEGA – IL LUMBARD MICA E' SCEMO E NON MOLLA UN BERLUSCONI VENDI-CATTIVO: SALTEREBBE LA COALIZIONE CON FORZA ITALIA IN TRE GRANDI REGIONI (LOMBARDIA, VENETO E LIGURIA)

-

Condividi questo articolo

 

Mario Ajello per il Messaggero

 

«Deciditi, deciditi, deciditi». E ancora: «Il governo lo vuoi fare oppure no. Lo devi dire, Matteo, perché anche Mattarella sta perdendo la pazienza e perché, se non devidi, con l' esplorazione di Fico si aprono altri scenari, anche imprevedibili». Di Maio e i 5 stelle, nella domenica che doveva essere risolutiva per il governo con la Lega, tempestano di messaggi Salvini.

 

salvini di maio salvini di maio

Sono appelli, sono offerte, sono maniere per tentarlo in tutti i modi. Uno dei colonnelli di Giggino, Toninelli, capogruppo al Senato, accarezza il capo del Carroccio in uno dei suoi punti più sensibili: la Flat Tax. «Se l' aliquota unica non penalizza i giovani, per noi va bene»: questa l' estrema offerta, insieme alle altre, a cominciare dall' assoluta centralità di Giorgetti nell' eventuale esecutivo, come uno dei super-ministri economici. I 5 stelle premono, Salvini sfugge. Loro hanno fretta, lui fa sapere loro e poi in serata dice pubblicamente nel comizio friulano a Monfalcone: «Datemi ancora qualche giorno, preferisco attendere ancora un poco piuttosto che sbagliare e poi chiedere scusa per anni».

 

PALETTI

DI MAIO SALVINI MATTARELLA DI MAIO SALVINI MATTARELLA

Il punto è sempre quello: Di Maio non toglie il suo paletto dal terreno («Il premier lo faccio io») e Salvini, i cui rapporti con Berlusconi sono sempre all' insegna (reciproca) del fidarsi è bene e non fidarsi è meglio e che ha il programma massimo di prosciugare Forza Italia e salvinizzare l' elettorato di centrodestra, non si spinge a mollare Zio Silvio. Anzi. Il segnale di disponibilità e d' inizio di una nuova storia che Di Maio ha atteso tutto il giorno, e che si apprestava ad aspettare anche questa mattina, Salvini non glielo concede.

 

Se non con una vaghezza, che poi è quella più volte adoperata in passato: «Con i 5 stelle penso che si possa lavorare». Ma, evidentemente, non in un rapporto esclusivo ed escludente. «Non si può andare avanti con le pregiudiziali» contro Berlusconi, è la linea di Salvini. «Il problema non è mollare qualcuno, io non sono il re Sole», aggiunge. Infatti non molla affatto Berlusconi, lo riabbraccia. Lo fa così. «Per natura», dice, «rispetto i patti con i cittadini».

 

luigi di maio berlusconi salvini meloni luigi di maio berlusconi salvini meloni

E i cittadini di cui parla sono quelli che hanno fatto vincere il centrodestra unito con il 37 per cento dei voti. Non solo. «Io al governo ci voglio andare, ma dobbiamo anche ricordare chi siamo e da dove veniamo». Dalla coalizione con Berlusconi. Ovvero: «Non sono uno che cambia la squadra con cui si è presentato». «Non sono uno che, per fare il ministro, cambia squadra».

 

salvini di maio prima di essere attaccati salvini di maio prima di essere attaccati

Si è riberlusconizzato Salvini? No, ha espresso pubblicamente - ora che era chiamato a prendere una decisione rapida: con Giggino o con Silvio - quella che è la sua strategia. Ovvero lo strappo omeopatico. La medicina amara, per Berlusconi, a lungo rilascio. Lo vuotamento della sua leadership, l' Opa amichevole ma che è sempre ostile. E comunque, i tempi dell' operazione Salvini non può e non vuole farseli dettare da Di Maio. E a parte il voto in Friuli, presentarsi alle elezioni amministrative nelle città a giugno nella parte di chi ha rotto il centrodestra - di cui si prevede la vittoria quasi ovunque, da Nord a Sud - sarebbe per Salvini un brutto biglietto da visita.

 

I SINGHIOZZI

«Datemi ancora qualche giorno, altri due o tre, e a maggio sarò premier»: è il grido propagandistico di Salvini nel comizio serale. E pensare che Mattarella vuole fatti e subito, e non dichiarazioni da comizio o la continuazione dei balletti tra leader, per dare incarichi. Senza fatti nuovi, tocca a Fico. Ma a Salvini va bene anche questo. Se si dovesse arrivare a un governo M5S-Pd, la via dell' opposizione per la Lega lui la considera non solo percorribile ma anche assai gradita.

SALVINI - DI MAIO - BERLUSCONI - RENZI SALVINI - DI MAIO - BERLUSCONI - RENZI

 

Quanto a lui, nella rivendicazione del vincolo con il centrodestra, si spinge addirittura a criticare i giudici («Ce ne sono alcuni che pensano soltanto ad andare in tivvù») e insistere sulla riforma della giustizia (miele per le orecchie di Berlusconi che aveva vissuto malissimo il silenzio leghista sulla sentenza su Dell' Utri): «Vado al governo - spiega il leader del Carroccio - soltanto se riesco a mantenere tutte le promesse elettorali. Tra cui la riforma della giustizia.

 

Servono tempi processuali più veloci e tempi più certi nella giustizia amministrativa».

Parole di Matteo. E rimbombano, nella notte della domenica che avrebbe dovuto cambiare tutto, il singhiozzi grillini.

 

Condividi questo articolo

politica

DOPO LA TRASMISSIONE TV SU FIRENZE, RENZI SI OFFRE COME SPEAKER PER CONFERENZE, INCONTRI E DIBATTITI (MANCANO SOLO SAGRE E PRIME COMUNIONI)  - MATTEUCCIO SI E' AFFIDATO ALL’AGENZIA “CELEBRITY SPEAKERS ASSOCIATES” PER LA SUA NUOVA CARRIERA (HA SEGUITO IL FULGIDO ESEMPIO DI BIGLIET-TONY BLAIR). LA SCHEDA SUL SITO ASSICURA CHE MATTEUCCIO PUÒ PARLARE INDIFFERENTEMENTE IN ITALIANO, FRANCESE O INGLESE, PER CONCIONARE SU TEMI TRITI E RITRITI COME “IL FUTURO DELL’EUROPA” O LE “SFIDE DELLA GLOBALIZZAZIONE”. VOLETE INGAGGIARLO? IL SUO MODESTO CACHET PARTE DA...

LA MERKEL PRENDE UNA BATOSTA STORICA IN BAVIERA. IN CRISI ANCHE LA CSU DEL BULLETTO SEEHOFER CHE PERDE LA MAGGIORANZA ASSOLUTA DOPO 56 ANNI E DELLA SPD. BALZO IN AVANTI DELLA DESTRA DI "ALTERNATIVE FUR DEUTSCHLAND" E DEI VERDI (PARTITO FILO-UE) - IL SEGNALE E’ UN BELL’AVVISO IN VISTA DELLE EUROPEE DEL 2019: I MOVIMENTI SOVRANISTI E "RIBELLISTI" CAVALCANO NELLE PRATERIE. ORA MANCA SOLO LA VITTORIA DI TRUMP ALLE ELEZIONI DI MID-TERM. SALVINI GODE: “ADDIO AL VECCHIO SISTEMA” - LA MERKEL, CHE SOGNAVA UN NUOVO ASSE CON MACRON, ORA E' INDEBOLITA E IL SUO GOVERNO DI "GROSSA COALIZIONE"...