“MA DI MAIO LI CONTROLLA I SUOI?” - GIORGETTI INIZIA A COLTIVARE IL SOSPETTO CHE LUIGINO SIA ESPOSTO AGLI UMORI DEI GRILLINI: “CON QUELLO CHE I CINQUESTELLE STANNO COMBINANDO IN QUESTI MESI, SE DOVESSE SALTARE IL GOVERNO, I POTERI FORTI E ANCHE IL QUIRINALE SI GUARDEREBBERO BENE DAL FARGLI TOCCARE ANCORA LA PALLA DI QUI IN AVANTI. CREDETEMI, PARLO A RAGION VEDUTA…”

-

Condividi questo articolo

Francesco Verderami per il “Corriere della Sera”

 

salvini giorgetti salvini giorgetti

Voleva essere altrove, invece gli toccherà passare il sabato a Roma, con l' umor nero da gestire e un governo che così non può più essere gestito. «Cerchiamo di portare a casa la manovra, poi vedremo», dice Giorgetti ai ministri della Lega. L'uomo delle strategie e delle profezie, che in primavera aveva voluto fortemente l' accordo con i Cinquestelle e che in estate aveva previsto i marosi finanziari sull' Italia, non riesce a scorgere nulla oltre l' orizzonte temporale di inizio inverno.

 

Mettere in sicurezza la legge di bilancio è la priorità, poi a fine anno si tirerà una riga anche sui conti politici e si valuterà se e quanto potrà durare il «contratto» coi grillini. Uno scambio di sms non può celare la fine del rapporto fiduciario tra Di Maio e Salvini, che evidenzia una crisi di relazione tra i due partiti su ogni questione.

CONTE GIORGETTI CONTE GIORGETTI

 

Palazzo Chigi è l' osservatorio ideale per capire lo stato delle cose. Nel governo, da un mese il ministro leghista Stefani si lamenta con Giorgetti perché «dai colleghi dei Cinquestelle non arrivano le indicazioni richieste sulle competenze da assegnare alle regioni. È chiaro che non vogliono dare l' autonomia al Veneto e alla Lombardia». In Parlamento, il decreto sicurezza faticava ad andare avanti ben prima che Salvini additasse la caterva di emendamenti presentati dai grillini, «manco fossero all' opposizione». Così l' altra sera, dopo lo scontro sul decreto fiscale, il sottosegretario ha commentato: «La verità è che noi, se Matteo ci chiede una cosa, la facciamo. Di Maio i suoi li controlla o no? Questa è la domanda, questo è il problema».

 

giorgetti malagò giorgetti malagò

Il modo in cui il capo di M5s ha denunciato l' intervento di una «manina» sul provvedimento, senza avvisare gli alleati ma con l' intento di far scoppiare pubblicamente il caso, offre la risposta. Il leader leghista ritiene che sia in atto un' operazione «per farci fuori dal governo», e che nel disegno siano coinvolti i poteri forti nazionali e internazionali con il sostegno persino del Colle.

 

Per Giorgetti invece le cose non stanno così, l' ha spiegato due sere fa ad alcuni ministri e sottosegretari del Carroccio: «Con quello che i Cinquestelle stanno combinando in questi mesi, se dovesse saltare il governo, i poteri forti e anche il Quirinale si guarderebbero bene dal fargli toccare ancora la palla di qui in avanti. Credetemi, parlo a ragion veduta».

giancarlo giorgetti giancarlo giorgetti

La Lega osserva gli alleati e vede se stessa, com' era nel '94: un movimento di protesta in canottiera che si ribellava alla grisaglia ministeriale.

 

Infatti ruppe subito con Berlusconi e dovettero passare sette anni prima di rimettere piede a palazzo Chigi. Ma nel Carroccio comandava Bossi, mentre dentro M5S Fico ieri ha dato voce all' opposizione interna: «Se resta il condono c'è un problema. Noi non siamo uguali alla Lega». Di lì a poco è partita la controffensiva di Salvini, che non ci stava a passare per «l' amico degli evasori» e ha fatto dichiarare i capigruppo e tutti i ministri contro la norma voluta dai grillini, inserita nel decreto su Genova per il condono dell' abusivismo edilizio a Ischia.

 

Voleva essere altrove, invece Giorgetti dovrà impegnarsi oggi per trovare un compromesso con chi lo ha tacciato di un' accusa «infamante», aver manipolato il testo del decreto fiscale: «... Perché poi lo capisco Di Maio, ma se hai un problema nel tuo partito non puoi scaricarlo sugli alleati». La pezza che Conte ha cercato di mettere alle parole del vice premier grillino - «su quella norma c' era solo un accordo politico» - si è rivelata peggiore del buco.

DI MAIO CONTE GIORGETTI DI MAIO CONTE GIORGETTI

 

Per il ministro leghista Fontana è stato facile smontare l' arringa difensiva dell'«avvocato del popolo»: «Era solo un accordo politico? E allora cosa abbiamo votato in Consiglio dei ministri?». La partita si rigioca oggi, il risultato secondo Salvini sarà deciso a tavolino, al vertice che precederà la riunione di governo. Giorgetti avrebbe voluto assistere a un' altra partita, la finale che le ragazze italiane hanno conquistato al Mondiale di volley.

DI MAIO CONTE GIORGETTI DI MAIO CONTE GIORGETTI

 

E non tanto perché ha la delega allo sport, ma perché le pallavoliste azzurre le conosce da quando erano poco più che bambine, e lui - da dirigente sportivo - mangiava accanto a loro in mensa e intuiva le potenzialità della Egonu, il martello di colore che indossa il tricolore: «Segno che è italiana anche senza lo ius soli». Avrebbe voluta applaudirla da vicino, invece niente: salta la finale, è saltato anche il rating di Moody' s. «Cerchiamo di portare a casa la manovra, poi vedremo». Giorgetti vorrebbe essere altrove.

 

Condividi questo articolo

politica