“IL PD HA PERSO IL CONTATTO CON LA REALTÀ” - DOPO LA FOLGORAZIONE RENZIANA, L’EX DIRETTORE DE “L’ESPRESSO” TOMMASO CERNO TORNA IN SE’: “RENZI NON RIESCE PIÙ A FARE RAGIONAMENTI DI AMPIO RESPIRO, QUALCOSA CHE NON SIA SOLO ASPETTARE CHE UN INTERO PAESE SI PENTA E DICA: 'AVEVI RAGIONE TU' - CON I 5STELLE SERVIVA UN ACCORDO POLITICO”

-

Condividi questo articolo

tommaso cerno tommaso cerno

1 - PD: CERNO, PARTITO HA PERSO CONTATTO CON LA REALTÀ

 (ANSA) - "Il Pd non sa neanche dove vive, ha perso contatto con la realtà. Si vede pure dal congresso". Lo dice, in una intervista al Fatto quotidiano, Tommaso Cerno, senatore del Partito democratico. Cerno boccia i candidati alla segreteria del Pd. "Zingaretti, Minniti, Boccia - afferma -: bravissime persone ma non rappresentano una novità". "Renzi - spiega - lo fu all'inizio. Ma lo fu anche Rodotà. Non c'entra l'anagrafe: Rodotà era amato dai giovani ancora più che dai suoi coetanei. Dobbiamo trovare qualcuno che rappresenti ciò che ora non c'è".

 

Alla domanda su chi gli venga in mente, risponde: "Nessuno. Se siamo ancora qui a discutere di Zingaretti e Minniti, si vede che il Pd ha un problema anche di classe dirigente". "Sui vitalizi - aggiunge - è stato imbarazzante. Il Pd ha avuto paura. Ma se hai paura di tutto non puoi fare politica".

TOMMASO CERNO MARIO CALABRESI TOMMASO CERNO MARIO CALABRESI

 

Cerno parla anche di Matteo Renzi: "Ha passato uno dei periodi più critici della sua vita, va compreso. Per questo forse non riesce più a fare ragionamenti di ampio respiro, qualcosa che non sia solo aspettare che un intero Paese si penta e dica: 'Avevi ragione tu'". "Con i 5Stelle - osserva pure - serviva un accordo politico, non sistemare qualche ministero: si poteva immaginare un vero rinnovamento".

 

2 - "IL PD NON SA NEANCHE DOVE VIVE HA PERSO CONTATTO CON LA REALTÀ"

Estratto dell’articolo di Tommaso Rodano per il “Fatto quotidiano”

 

TOMMASO CERNO TOMMASO CERNO

[…] “il Pd sui vitalizi è stato imbarazzante. Ha avuto paura. Ma se hai paura di tutto non puoi fare politica". […]  E in questo momento il popolo elettore pretende una sola cosa: equità. Ovvero che la tua pensione sia calcolata in base a quanto hai versato. Ma vado oltre: il parlamentare, per il suo ruolo, dovrebbe sacrificarsi di più.

 

Lei è oltre i grillini.

Martina sembra Santi Licheri, parla come Salomone: "Non siamo contrari, però non siamo neanche favorevoli, e allora usciamo dall' aula". È come uscire dal mondo dei tuoi elettori. Che ti dicono: "Hai presente dove vivi?". Il Pd non ce l' ha presente.

 

Però i tagli incidono su un diritto acquisito, no?

Un diritto acquisito che il Parlamento si è dato da solo. Le pare che a Termini Imerese gli operai abbiano deciso da soli il proprio stipendio?

 

[…]  Se siamo ancora qui a discutere di Zingaretti e Minniti, si vede che il Pd ha un problema anche di classe dirigente. E poi c' è "la ditta" somigliano ai busti dell' 800 nei corridoi del Senato. […]

 

Cosa si è candidato a fare?

TOMMASO CERNO TOMMASO CERNO

Per vedere se riuscivo a portare in Parlamento le battaglie della mia vita da giornalista. Guardi i diritti civili: manca una legge sull' eutanasia o sulle droghe leggere, quella sulle unioni civili è arrivata in ritardo di 30 anni e ha bisogno di essere migliorata.

 

E il Pd che c' azzecca?

Non ho l' idea che un partito ti debba rappresentare pienamente. Io sono contraddittorio, autonomo, mi piace lo scontro: preferisco un pregiudizio sano a un giudizio banale. Meglio uno che mi dice: 'Sei frocio e non ti sopporto', piuttosto che uno che mi riempie di sciocchezze da benpensanti sull' omosessualità Ora mi auguro che si cominci a lottare per qualcosa.

 

Condividi questo articolo

politica

“LASCIATE CHE I MERCATI CASTIGHINO I POPULISTI ITALIANI” – IL CAPO-ECONOMISTA DI COMMERZBANK HA UN PIANO PER FAR FUORI SALVINI E DI MAIO: BRUXELLES DEVE SOLO “SFRUTTARE LE PRESSIONI CHE I MERCATI STANNO ESERCITANDO SULL’ITALIA”, CHE NON TROVANDO PIU' COMPRATORI PER I BTP DOVRÀ USARE IL PROGRAMMA “OMT” E DUNQUE SARA' COMMISSARIATA. LA LINEA, SECONDO L''ECONOMIST', E' CONDIVISA DAI PAESI DEL NORD EUROPA – MANCO OETTINGER ERA ARRIVATO A TANTO: ALMENO LUI CI VOLEVA FAR VOTARE!

RITRATTONE DI ALFONSO BONAFEDE BY GIANCARLO PERNA – “HA DUE PERSONALITA’: AFFETTATO E CORTESE E POI DIVENTA SCERIFFO DAL GHIGNO MALIGNO – E’ DI OBBEDIENZA ASSOLUTA AI CAPI E SE RINGHIA E GLI DICONO ‘A CUCCIA’ SI ACQUIETA – STIMO CHE SIA UN PO' STONATO: DEI SUOI 42 ANNI DI VITA, I PRIMI 19 LI HA VISSUTI NELLA NATIA MAZARA DEL VALLO, I SUCCESSIVI 23 A FIRENZE. EPPURE, COME IL PEGGIORE SORDO, GLI È RIMASTA INTATTA LA CADENZA TRAPANESE, SENZA UN'INFLESSIONE TOSCANA CHE SIA UNA…”