LEGGETE E REGISTRATE LE PAROLE DI CALENDA: “NON MI CANDIDO PERCHÉ PENSO DI NON SAPER FARE QUESTO LAVORO. ERO IN SCELTA CIVICA, COMBINANDO UN DISCRETO DISASTRO. MI PIACE FARE IL MINISTRO PERCHÉ È UN LAVORO DI GESTIONE. MA NON DEVO RESTARE LEGATO ALL'IDEA CHE IL MIO FUTURO SIA LA POLITICA”

-

Condividi questo articolo

Da “Libero quotidiano”

 

CALENDA MATTARELLA CALENDA MATTARELLA

«Non mi candido. Io l' ho detto un anno fa e più, perché penso di non saper fare questo lavoro. Ero in Scelta Civica, combinando un discreto disastro. Mi piace fare il ministro perché è un lavoro di gestione. Ma non devo restare legato all' idea che il mio futuro sia la politica». Così il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda \, durante la puntata di ieri di Porta a Porta. Su Berlusconi: «Non l' ho mai incontrato e non ci siamo mai neanche parlati per telefono, ma sono contento che ci siano attestati di stima».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MENTRE I MEDIA MARCIAVANO A FARI SPENTI PER NON DISTURBARE I NUOVI CONQUISTATORI DEL PALAZZO, DALLE INTERCETTAZIONI SUL SISTEMA PARNASI EMERGE UN QUADRO POLITICO IN CUI I VERI PROTAGONISTI AGIVANO NELL’OMBRA E LE COMPARSE RECITAVANO IL LORO COPIONE - ORA EMERGONO PESANTI INTERROGATIVI SUL REPENTINO VOLTAFACCIA (APPENA 24 ORE) DEI FRATELLI&COLTELLI DI MAIO-SALVINI NEL RIMETTERE IN PISTA IL PREMIER “A CONTRATTO” GIUSEPPE CONTE CHE NEL SUO DISCORSO D’INVESTITURA PRENDEVA DI PETTO SOLO IL PRESIDENTE DELL’ANTICORRUZIONE RAFFAELE CANTONE, IL PIU’ INVISO AI COSTRUTTORI - UNA FRETTA SOSPETTA DOPO AVER CHIESTO L’IMPEACHMENT DEL CAPO DELLO  STATO

business

cronache

sport

cafonal