‘A DE BENEDETTI LA TESSERA NUMERO 1 DEL PD HA FRUTTATO MILIONI. I 600 MILA EURO SPECULANDO SUI TITOLI SONO SOLO LA CILIEGINA SOPRA UNA TORTA MOLTO, MOLTO PIÙ GROSSA’. ZINGALES A MUSO DURO SULL’INGEGNERE E IL CASO DELLA SOFFIATA DA RENZI: ‘BERLUSCONI POSSIEDE UN PARTITO, LUI LO INFLUENZA DA FUORI. E NON È LA PRIMA VOLTA: PENSATE AL REGALO DELLE LICENZE OMNITEL E I PREPENSIONAMENTI DI ‘REPUBBLICA’ PAGATI DALL’INPS’ - E MENA PURE SU BANKITALIA

-

Condividi questo articolo

 

Estratto dall’articolo di Luciano Cerasa per ‘il Fatto Quotidiano

 

(…)

 

Professore [Zingales], che idea si è fatto [del caso De Benedetti/Renzi]?

LUIGI ZINGALES LUIGI ZINGALES

L' impressione che si ha leggendo i giornali è molto negativa, per 25 anni ci siamo preoccupati del conflitto d' interessi di Silvio Berlusconi, ma sembra che anche quello che è stato il principale partito di opposizione per tanti anni non sia molto diverso: De Benedetti ha la tessera numero uno del Pd.

 

La differenza è che Berlusconi possiede un partito, mentre l' Ingegnere lo influenza da fuori e non è la prima volta: ricordiamoci il famoso regalo delle licenze Omnitel nel '94 ricevuto da Ciampi. Che fine hanno fatto i "girotondini?"

(nel 1994 l' Omnitel a maggioranza Olivetti si aggiudica le frequenze per i telefonini pagandole 750 miliardi di lire. Nel 1998, dopo 3 anni il valore di mercato di Omnitel era di 40 mila miliardi).

 

(...)

 

renzi & de benedetti renzi & de benedetti

Lascio ai giudici decidere, però sicuramente dal punto di vista dell' opportunità politica quanto accaduto è indecente e inconcepibile. (...) De Benedetti ha detto chiaramente che consigliava e dirigeva le azioni di Renzi. Questo è molto grave. A che titolo poi l' ingegnere parlava con il governatore della Banca d' Italia e con membri del direttorio come Fabio Panetta? Lui è un grande debitore delle banche, come il Monte dei Paschi di Siena, quindi parte in causa. Non credo che tutti i creditori in difficoltà abbiano lo stesso accesso.

 

(…) dal regalo a Omnitel agli accessi al credito, agli esodi anticipati dal settore della stampa, il guadagno di De Benedetti di 600 mila euro speculando sui titoli è solo la ciliegina sopra una torta molto, molto più grossa.

(Tra il 2012 e il 2015 sono stati concessi a L' Espresso 187 prepensionamenti di poligrafici e 69 di giornalisti, mentre per altri 554 lavoratori sono stati attivati contratti di solidarietà. Il contributo dell' Inps è stato di circa 30 milioni. Sulla vicenda indaga la Procura di Roma).

 

(…)

CARLO DE BENEDETTI E MATTEO RENZI A DOGLIANI DA CHI CARLO DE BENEDETTI E MATTEO RENZI A DOGLIANI DA CHI ezio mauro con matteo renzi e carlo de benedetti ezio mauro con matteo renzi e carlo de benedetti

 

Condividi questo articolo

politica