LUIGINO SI GIOCA TUTTO - I 5 STELLE NON RINUNCERANNO ALLA REGOLA DEL DOPPIO MANDATO, E PER QUESTO DI MAIO (E IL SUO CERCHIETTO MAGICO) VUOLE FARE IL GOVERNO A TUTTI COSTI - È ANCHE IL MOTIVO PER CUI HA PUNTATO IL DICASTERO DEL LAVORO + SVILUPPO ECONOMICO. GLI ESTERI SONO PRESTIGIOSI PERCHÉ SERVONO DA TRAMPOLINO PER PALAZZO CHIGI. MA LUI DOPO QUESTO MANDATO DEVE LASCIARE LA POLITICA…

-

Condividi questo articolo

Mario Ajello per ‘Il Messaggero

 

LUIGI DI MAIO ALFONSO BONAFEDE LUIGI DI MAIO ALFONSO BONAFEDE

I Cinquestelle non rinunceranno alla regola del divieto del terzo mandato elettivo, come pure fino a qualche giorno fa pareva certo. La decisione sta avendo pesanti riflessi sulla trattativa per la composizione del governo. A questo punto Luigi Di Maio è certo che non sarà rieletto e dunque, tramontata l' ipotesi di Palazzo Chigi, insiste sull' accorpamento dei ministeri dello Sviluppo Economico e del Lavoro. Per averli entrambi. La logica è questa. Un ministero come quello degli Esteri è prestigioso, e perfetto per chi nelle legislature successive aspiri a fare il premier. Ma a che cosa serve ricoprirlo ora, se poi - ecco la tagliola del doppio mandato che resta impossibile - non si sarà ricandidati? E a che serve avere un ministero che dà lustro ma non popolarità?

SALVINI DI MAIO SALVINI DI MAIO

 

Sedendo nella doppia poltrona dello Sviluppo e del Lavoro, Di Maio crede di poter diventare un difensore del popolo e una star nazionale. Visto che grazie a quell' accorpamento potrà occuparsi sia delle crisi aziendali, che sono tante e che danno visibilità (ma il sospetto che invece ci si possa bruciare tra centomila difficoltà e proteste Di Maio non ce l' ha?) , sia del reddito di cittadinanza che è il punto fondamentale della predicazione grillina. In realtà non è chiaro se si tratterà di un accorpamento vero e proprio con l' unificazione delle due strutture, oppure se Di Maio guiderà i due ministeri che resteranno separati. L' importante per lui è mettere a segno la doppietta.

salvini di maio berlusconi salvini di maio berlusconi

 

Condividi questo articolo

politica

AMERICA FATTA A MAGLIE - I DEMOCRATICI PROVANO AD ABBATTERE IL GIUDICE KAVANAUGH A COLPI DI ''METOO'', CHE METTE UN PO' DI INSANO TIMORE PERSINO A TRUMP. MA LA PRESUNTA VITTIMA DICE: ''AVEVO 15 ANNI, LUI 17, NON MI RICORDO GIORNO NÉ LUOGO, PROVÒ A SPOGLIARMI MA GLI SFUGGII PERCHÉ ERA TROPPO UBRIACO E IMBRANATO, HO TACIUTO PER 36 ANNI E ORA NON VOGLIO TESTIMONIARE IN SENATO, MA NON DEVE DIVENTARE GIUDICE DELLA CORTE SUPREMA''. EPPURE AI VERTICI DELLA GIUSTIZIA C'ERA GIÀ, SENZA CHE LA FERVENTE DEMOCRATICA AVESSE DETTO UNA SILLABA…